Domanda e Risposta Pubblicato il 05/04/2016

I forfettari applicano la ritenuta di acconto?

Tempo di lettura: 1 minuto
regime_forfetario_168x126

I forfetari non subiscono la ritenuta di acconto e non la operano sui compensi corrisposti ma devono rispettare determinati obblighi dichiarativi.

I contribuenti che aderiscono al regime forfetario introdotto dalla Legge di stabilità 2015 (L.190/2014) godono di notevoli semplificazioni fiscali e contabili. Rientra in queste agevolazioni anche il trattamento delle ritenute d'acconto. In particolare:

  • sono esonerati dall’operare le ritenute alla fonte a titolo di acconto all'atto del pagamento di compensi, stipendi, provvigioni ecc. in quanto i forfetari non sono dalla legge considerati sostituti d'imposta. Si ricorda che nonostante questa semplificazione l'art. 73 della L.190/2014 ha previsto che coloro che aderiscono al regime forfetario adempiano a determinati obblighi informativi, tra cui il dettaglio dei percettori redditi non soggetto a ritenuta, in un apposito prospetto della dichiarazione Unico/2016.  Il prospetto predisposto dal legislatore si trova nel quadro RS ed è denominato : Regime forfetario per gli esercenti attività d'impresa, arti e professioni- Obblighi informativi. In tale prospetto ai righi  RS 371, RS 372 e RS 373 devono essere indicati i redditi erogati per i quali alla data del pagamento non è stata operata la ritenuta ed il codice fiscale dei relativi percettori;
  • non sono soggetti a ritenuta d'acconto in quanto i ricavi o i compensi percepiti da coloro che applicano il regime forfetario sono sottoposti ad imposta sostitutiva per i redditi,  IRAP e addizionali pari al 15% o al 5% se ricorrono determinate condizioni. Poichè i redditi percepiti non sono quindi soggetti a ritenuta, come chiarito dalla Circolare n. 10/e del 2016 dell'Agenzia delle Entrate, è necessario che il contribuente aderente il regime forfetario rilasci un’apposita dichiarazione al sostituto dalla quale risulti che il reddito cui le somme percepite afferiscono è soggetto all’imposta sostitutiva in parola.

Si ricorda che se il forfertario subisce per errore delle ritenute, e correggere l'errore sia impossibile, se tali importi sono stati regolarmente certificati dal sostituto d'imposta è comunque possibile richiedere l'importo della ritenuta subita:

  • a rimborso
  • scomputata in dichiarazione.

Per il calcolo della convenienza del nuovo Regime Forfetario, la verifica dei requisiti per l'accesso, la gestione delle fatture, il calcolo imposte, scarica il "Foglio di calcolo Regime forfetario 2016",  aggiornato con la Legge di Stabilità 2016 e per approfondire le novità che hanno modificato le disposizioni per valutare la convenienza del nuovo regime forfetario acquista il nostro eBook in pdf "Partite Iva e nuovo regime forfetario".

Segui tutti gli aggiornamenti sul Dossier dedicato al regime forfetario 2016.

Per un calcolo della convenienza ti potrebbe interessare il Pacchetto "Regime forfetario 2020 e convenienza (eBook + excel)

Ti segnaliamo anche la Fattura Professionista regime forfettario (excel) Foglio di calcolo che consente di produrre la fattura del professionista in regime forfettario, pronta per essere stampata su carta intestata

Per un calcolo della convenienza ti potrebbe interessare il Pacchetto "Regime forfetario 2019 e convenienza (eBook + excel)", mentre per un'analisi degli ultimi chiarimenti forniti dall'Agenzia delle Entrate ti consigliamo 2 Circolari in un unico pacchetto.





Prodotti consigliati per te

25,58 € + IVA
12,90 € + IVA
14,90 € + IVA
13,90 € + IVA

Commenti

Ho scopetto solo ora che posso rientrare nel regime forfettario! La mia commercialista non mi ha avvisato e io ho già emesso una fattura ad un ente con ritenuta dacconto .. E loro ovviamente hanno già pagato ... Si può annullare?? Posso rientrare come que nel regime forfettario (prima ero nell ordinario )...

Commento di Mary (19:41 del 08/04/2016)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)