visite fiscali

Domanda e Risposta Pubblicato il 08/01/2018

Visite fiscali: quali sono gli orari per il 2018?

Le fasce orarie di reperibilità dei lavoratori per le visite fiscali differenziate per lavoratori pubblici o privati - Le novità, le sanzioni, le richieste da parte del datore di lavoro

Al fine di consentire il controllo dello stato di malattia con le cosiddette visite fiscali, il lavoratore ha l’obbligo di essere reperibile presso l’indirizzo abituale o il domicilio occasionale: tutti i giorni durante la durata della malattia comprese le domeniche ed i giorni festivi. le fasce orarie giornaliere da rispettare,  sono le seguenti :
  •  PER I LAVORATORI STATALI E DEGLI ENTI LOCALI : dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle ore 15.00 alle 18.00;
  •   PER I LAVORATORI DEL SETTORE PRIVATO : dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 17.00 alle 19.00.
La riforma della pubblica amministrazione del 2017  (d.lgs 75 2017) ha previsto una unificazione degli orari per il lavoro pubblico e privato ma si è ancora in attesa del decreto attuativo che regolamenti la materia con le novità previste dalla legge.
 
COSA SUCCEDE IN CASO DI ASSENZA
 
Nel caso il lavoratore risulti  assente durante la visita fiscale, se l'assenza non è giustificata, scatterà  l’applicazione di sanzioni .
Si tratta della  non indennizzabilità delle giornate di malattia, calcolata  nel seguente modo:
• per un massimo di 10 giorni di calendario, dall'inizio dell'evento, in caso di prima assenza a visita fiscale di controllo non giustificata;
• per il 50% dell'indennità nel restante periodo di malattia in caso di seconda assenza a visita fiscale di controllo non giustificata;
• per il 100% dell'indennità dalla data della terza assenza a visita fiscale di controllo non giustificata.
 
Il medico di controllo domiciliare riscontra l'assenza mediante il rilascio (in busta chiusa) di invito a visita medica di controllo ambulatoriale.
 
 
LA RICHIESTA DI VISITA FISCALE
 
Dal 1° settembre 2017 è entrato in vigore il Polo unico per le visite fiscali che attribuisce all’INPS la competenza esclusiva ad effettuare Visite Mediche di Controllo (VMC)  dei lavoratori in malattia, sia su richiesta dei datori di lavoro (pubblici e privati) sia d’ufficio (messaggio 9 agosto 2017, n. 3265).

La visita medica di controllo  puo essere effettuata viene  richiesta in maniera telematica all’INPS, da parte del datore di lavoro, mediante il servizio “Richiesta visita medica di controllo”. Al termine della visita di controllo il medico redige presso il domicilio del lavoratore un apposito verbale informatico e ne fornisce copia al lavoratore. Il verbale viene trasmesso in tempo reale ai sistemi informatici dell’INPS e reso contestualmente accessibile al datore di lavoro che ha richiesto la visita.

Per utilizzare il servizio di richiesta, è necessario essere in possesso delle credenziali di accesso ed essere dotati della specifica abilitazione. I datori di lavoro, pubblici e privati,  possono richeidere  le credenziali di accesso. presso la struttura INPS territorialmente competente.

 
 

Sulle gestione delle assenze vedi anche  "Assenze ingiustificate in Busta paga" nella Circolare del lavoro n. 24 -2017

Abbonati alla Circolare Settimanale del lavoro per essere sempre aggiornato sulle novità


Commenti

Salve secondo me c'è un errore di trascrizione perchè le fasce di reperibilità dei lavoratori dipendenti sono rimaste invariate dalle 10 alle 12 dalle 17 alle 19.

Commento di Elisabetta (16:39 del 08/10/2015)

ha ragione Elisabetta , riguardo ai dipendenti privati l'orario di inizio è 17.00 e non 15.00 . Ci scusiamo per l'errore.

Risposta di Susanna (09:43 del 06/11/2015) al commento di Elisabetta

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)