Domanda e Risposta Pubblicato il 14/01/2020

Come si calcola l'ISEE ?

decreto semplificazione calcoli

Simulatore e modalità di calcolo dell'ISEE 2020. I parametri di equivalenza e le maggiorazioni previste .

Il calcolo dell'’ISEE è basato su due componenti, redditi e patrimonio, che vengono poi rapportati al numero dei soggetti che fanno parte dello stesso nucleo familiare.
per cui anche un reddito medio alto se presente in una famiglia molto numerosa puo dare come risultato un ISEE basso, con il quale rientrare in alcune agevolazioni sociali.
I conteggi sono effettuati direttamente dall’INPS che elabora l’ISEE sulla base delle DSU presentate dagli interessati all’ente erogatore della prestazione (Comune, Università, INPS ecc..)  , o direttamente all'INPS.
L'algoritmo di calcolo è stato  modificato dal D.Lgs. n. 42 2016. 

Per calcolare l’ISEE si procede in questo modo:
  1. si calcola l’ISE,  che è dato dal reddito complessivo del nucleo familiare più il 20% del patrimonio mobiliare e immobiliare
  2.  si divide l’ISE per il parametro della scala di equivalenza.
La formula per il calcolo dell’ISEE è quindi la seguente:

ISE = R + [(PM + PI) × 0,20]
ISEE = ISE / p
In cui:
R = Reddito complessivo del nucleo familiare
PM = Patrimonio Mobiliare
PI = Patrimonio Immobiliare
p = parametro della scala di equivalenza

SCALA DI EQUIVALENZA
La scala di equivalenza stabilisce i parametri necessari per i calcoli, legati al numero di componenti il  nucleo familiare e le relative maggiorazioni applicabili in alcuni casi specifici. I parametri della scala di equivalenza corrispondenti al numero di componenti il nucleo familiare, previsti  dal decreto di riforma dell’ISEE sono i seguenti:

Numero componenti Parametro
1                                 1,00
2                                 1,57
3                                 2,04
4                                 2,46
5                                 2,85
Il parametro è incrementato di 0,35 punti per ogni ulteriore componente.
A queste maggiorazioni, si aggiunge l’ulteriore quota di 0,5 punti in caso di componenti del nucleo familiare affetti da disabilità.
LE MAGGIORAZIONI APPLICABILI 
Sono inoltre applicate le seguenti maggiorazioni:
  •  0,2 punti in caso di nuclei familiari con tre figli;
  •  0,35 punti in caso di quattro figli;
  •  0,5 punti in caso di almeno cinque figli;
  •  0,2 punti per nuclei familiari con figli minorenni;
  •  0,3 punti in presenza di almeno un figlio di età inferiore a tre anni compiuti, in cui entrambi i genitori o l’unico presente abbiano svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi nell’anno di riferimento dei redditi dichiarati, oppure in caso di nuclei amiliari composti esclusivamente da genitore
  • solo non lavoratore e da figli minorenni (ai soli fini della verifica del requisito fa parte del nucleo familiare anche il genitore non convivente, non coniugato con l’altro genitore, che abbia riconosciuto i figli);
  • 1 punto se tra i componenti il nucleo familiare vi sia un soggetto ricoverato in strutture per disabili che non sia considerato nucleo familiare a sé stante.

Sul sito dell'INPS WWW.INPS.IT è presente un simulatore di calcolo che consente di ottenere inserendo di dati necessari il possibile risultato  del proprio ISEE familiare sia ordinario che specifico. Si accede senza PIN INPS ma è necessario essere in possesso dei dati reddituali (da Unico o 730)

ATTENZIONE!
Le elaborazioni ed i dati che si ottengono  sono basati esclusivamente su dati autodichiarati e pertanto non costituiscono attestazione ISEE valida ai sensi del D.P.C.M. 159/2013.

Segui il nostro Dossier gratuito ISEE Indicatore della situazione economica equivalente .

Per approfondire ti può interessare l'e-book ISEE 2017 150 risposte a quesiti di A. Donati (pdf -57 pagine)





Commenti

Segnalo inoltre che la richiesta della DSU (Dichiarazione Sostituiva Unica) può essere inoltrata dagli intermediari direttamente tramite il portale dell'INPS.

Commento di Studio Pappalardo (22:13 del 21/01/2018)

Esiste isee pari a 0?

Commento di giusy (09:27 del 24/03/2018)

Chiedo se nel secondo anno dalla erogazione del reddito di cittadinanza ci sara' una decurtazione della somma percepita,proprio per l'aumento del reddito causato dal reddito stesso,quindi con un isee piu'alto?

Commento di gennaro (17:21 del 22/01/2020)

salve, il rdc del 2020 fa riferimento all' anno 2018, quindi non considera il reddido già percepito.

Commento di Mario (19:40 del 23/01/2020)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)