Domanda e Risposta Pubblicato il 23/03/2010

Che cosa succede se il datore di lavoro fallito non è in grado di pagare al lavoratore il Trattamento di Fine Rapporto maturato?

Come previsto dall'art. 2 della Legge n. 297 del 1982, in caso di insolvenza del datore di lavoro a causa del fallimento, il lavoratore potrà rivolgersi al Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto, istituito presso l'INPS.

Tale fondo ha proprio lo scopo di salvaguardare il pagamento delle somme maturate a tale titolo da parte del lavoratore o degli aventi diritto, sostituendosi al datore di lavoro insolvente.

Il fondo di garanzia del Tfr opera sull'intero territorio dell'Unione europea.  La circolare 52 del 7 marzo 2007 dell'Inps spiega il funzionamento del fondo che interviene in caso di insolvenza del datore sulla base delle disposizioni vigenti e degli orientamenti giurisprudenziali.

Ti puo interessare l'ebook "Il welfare aziendale" di P.Stern et al.

E' disponibile  anche un utile  foglio excel  "Calcolo valore usufrutto e rendite "  aggiornato al 2018  - di A. Pegoraro

Sulla crisi d'impresa altri utenti hanno trovato utile:




Prodotti consigliati per te

240,00 € + IVA
199,00 € + IVA
98,36 € + IVA
79,90 € + IVA

Commenti

ho dato le dimissioni per giusta causa il 26/05/2010 perchè non percepivo le retribuzioni da novembre 2009 nonostante ero in meternità scaduta la maternità mi sono dimessa,nei mesi precedenti ho anche fatto raccomandate all'inps e ispettorato di lavoro di bari (naessun provvedimento nei confronti del datore)da pochi giorni il negozio ha cessato l'attività ma al momento non ho ricevuto nessun avviso ma il datore dice di non aver denaro.cosa succede x il tfr e gli stipendi arretrati preciso che lavoravo dal 2000.

Commento di miolla giulia (13:49 del 28/06/2010)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)