La settimana del fisco dal 12 al 16 ottobre 2015

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità sul Fisco  dell’ultima settimana.

Nel Consiglio dei Ministri di ieri giovedì 15 ottobre è stato approvato il testo del disegno di Legge di Stabilità 2016, che potrà così iniziare il suo consueto iter parlamentare per essere poi approvato in via definitiva entro la fine dell’anno. In merito ai contenuti del testo in  materia di Fisco, si segnala:

  •       il taglio delle tasse su tutte le abitazioni principali (comprese quelle di lusso), dell’Imu e Irap agricola e dell’Imu sugli imbullonati;
  •       il progetto per il taglio dell’Ires graduale in due fasi: dall’attuale 27,5% al 26% nel 2016, e successivamente al 24% nel 2017 (i taglio Ires sarà, tuttavia, vincolato al via libera dell’UE              sulla   flessibilità dei costi collegata all’ondata migratoria);
  •       il super ammortamento del 140% del valore fiscale dei macchinari acquistati nell’ultimo trimestre 2015 e nel corso del 2016;
  •       l’IVA al 4% prevista ora per i soli libri elettronici estesa anche a “giornali, notiziari, quotidiani, dispacci delle agenzie di stampa, libri e periodici”;
  •       per il regime forfetario, l’innalzamento di 10.000 euro delle attuali soglie di ricavi differenziate per tipologia di attività, mentre per i professionisti la soglia passerà dagli               attuali 15mila a      30mila euro;
  •       per le nuove start up la tassa sostitutiva sarà del 5% per i primi 5 anni;
  •       la riduzione del canone RAI dagli attuali 113,50 a 100 euro e si pagherà attraverso la bolletta elettrica della casa di abitazione;
  •       l’innalzamento del limite all’uso del contante da 1.000 a 3.000 euro.

Il Governo si prepara a modificare il regime del patent box introdotto a gennaio 2015 per adeguarsi alle linee guida Ocse. Le modifiche restringeranno il bonus fiscale, soprattutto per i marchi e il know how. Fino al 30 giugno 2016, invece, potranno aderire solo se il marchio è stato prodotto internamente, acquisito da terzi diversi dal Gruppo cui appartengono, ovvero all’interno del Gruppo ma esclusivamente da soggetti residenti in alcuni paesi con un regime privilegiato in materia. Dal 1° luglio 2016, poi, non sarà più possibile optare per il patent box per marchi commerciali. Inoltre, le eventuali opzioni effettuate nel 2015 e fino al 30 giugno 2016 avranno durata quinquennale e non saranno rinnovabili, a differenza di quelle relative agli altri beni. Per il know how varranno le stesse regole dei marchi commerciali per il 2015 e il primo semestre 2016, mentre a partire dal 1° luglio 2016 sarà necessaria una certificazione ad hoc, mentre non sarà ammessa l’adesione dei “grandi” contribuenti.

Gli esercenti che operano nel settore turistico e che intendono usufruire del credito d’imposta per la digitalizzazione delle proprie strutture ricettive previsto dal D.L. n. 83/2014, dovranno portarlo in compensazione con altri tributi nel modello F24, che andrà presentato esclusivamente attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel e Fisconline), pena il rifiuto dell’operazione di versamento. È quanto ha stabilito il provvedimento delle Entrate pubblicato il 14 ottobre. Per ciascun modello F24 ricevuto, l’Agenzia effettuerà dei controlli automatizzati, verificando che l’importo del credito d’imposta utilizzato non risulti superiore all’ammontare del credito complessivamente concesso all’impresa (al netto dell’agevolazione fruita attraverso i modelli F24 già presentati).

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *