La settimana del fisco dal 24 al 28.7.2017

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana. Partiamo dalla attesa proroga versamenti  per i lavoratori autonomi al 20 agosto .
Dal 21 luglio 2017 al 20 agosto 2017 infatti anche i lavoratori autonomi potranno effettuare i versamenti delle imposte con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40%. A dirlo il comunicato del MEF 131 del 26.07.2017. Il nuovo termine verrà formalizzato con un DPCM su proposta del MEF che uniformerà il trattamento tra titolari di reddito di impresa e titolari di reddito di lavoro autonomo. In dettaglio, i versamenti interessati dalla nuova scadenza sono quelli derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione IVA di imprenditori e lavoratori autonomi. Con un altro decreto in dirittura d’arrivo, viene prorogato, al 31 ottobre 2017 il termine per la presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770) e delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di Irap.

Controversie tributarie pendenti 2017: pubblicato il modello
Con il Provvedimento del 21.07.2017 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modello di domanda con le relative istruzioni sulla chiusura agevolata delle liti pendenti. Com’è noto, i contribuenti interessati possono risolverle entro il 2 ottobre 2017 pagando un importo agevolato. In particolare, la chiusura riguarda le controversie instaurate avverso avvisi di accertamento e atti di irrogazione delle sanzioni, e quelle inerenti agli avvisi di liquidazione e ai ruoli. Restano, invece, escluse le liti relative al rifiuto alla restituzione di tributi, quelle di valore indeterminabile, come, ad esempio, per il classamento degli immobili e, più in generale, quelle per le quali manchino importi da versare da parte del contribuente.

Note spese e giustificativi e la loro gestione documentale
L’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 96 del 21 luglio 2017, sollecitata da un’istanza di interpello, ha fornito chiarimenti sulle note spese dei dipendenti e i relativi giustificativi, ricordando che documento informatico avente rilevanza fiscale come le note spese debba possedere, tra le altre, le caratteristiche della immodificabilità, integrità ed autenticità. Laddove tali accorgimenti siano effettivamente presenti, nulla osta a che i documenti analogici siano sostituiti da quelli informatici che la procedura sia interamente dematerializzata.  Ove, tuttavia, il giustificativo allegato alla nota spese non consenta di risalire al suo contenuto attraverso altre scritture o documenti di cui sia obbligatoria la conservazione, ed abbia pertanto natura di documento analogico originale unico, la conservazione elettronica necessita dell’intervento del pubblico ufficiale.

Rottamazione cartelle esattoriali 2017: entro il 31 luglio prima rata
Conto alla rovescia per la definizione agevolata, la cosiddetta rottamazione delle cartelle e degli avvisi in quanto scade il prossimo 31 luglio, infatti, il termine entro il quale effettuare il pagamento della prima o unica rata. Si ricorda che il mancato o tardivo pagamento fa perdere i benefici della definizione agevolata e l’Agenzia delle entrate-Riscossione dovrà riprendere le procedure di riscossione.

Scheda carburante 2017: imprescindibile la compilazione in tutte le parti
Compilazione in tutte le sue parti: è il requisito imprescindibile della scheda carburante. A ribadirlo è la Cassazione Per la deducibilità dei costi carburante è necessaria
¨        l’apposizione della firma sulla scheda da parte del gestore dell’impianto di distribuzione carburanti
¨        l’indicazione del numero dei chilometri percorsi.
La Corte di Cassazione con la sentenza del 7 luglio 2017 n. 16809 ha ribadito che tali adempimenti non ammettono equipollenti né possono essere sostituiti dalla mera contabilizzazione delle operazioni nelle scritture dell’impresa.

Aziende vittime di mancati pagamenti: nuovi requisiti per l’accesso al fondo
Lunedì 24 luglio 2017, sono stati aggiornati dal MISE i requisiti per l’accesso al Fondo per il credito di aziende vittime di mancati pagamenti. Con l’art. 60-bis della legge 21 giugno 2017, n. 96 è stato previsto che per accedere al Fondo, le imprese richiedenti vittime dei mancati pagamenti per truffa, insolvenza fraudolenta, estorsione e false comunicazioni sociali devono risultare parti offese in un procedimento penale a carico delle imprese debitrici denunciate, che sia in corso alla data di presentazione della domanda di finanziamento agevolato al Ministero. Si ampliano quindi le possibilità per le imprese che hanno denunciato imprese debitrici, imputate per comportamenti penalmente rilevanti.

Emergenza siccità 2017: il piano MIPAAF a tutela degli agricoltori
Il ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che sono state attivate alcune misure di contrasto all’emergenza siccità. Tre gli assi principali di intervento: attivazione del fondo di solidarietà nazionale, aumento degli anticipi dei fondi europei Pac, 700 milioni di euro per piano di rafforzamento ed efficientamento delle infrastrutture irrigue.

Un cordiale saluto e buone vacanze.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *