HOME

/

FISCO

/

RIFORMA FISCALE 2023-2024

/

OMESSA DICHIARAZIONE: COME REGOLARIZZARE LA POSIZIONE FISCALE E RIDURRE LE SANZIONI

Omessa dichiarazione: come regolarizzare la posizione fiscale e ridurre le sanzioni

Regolarizzazione e sanzioni per l'omessa dichiarazione dei redditi

Ascolta la versione audio dell'articolo

L'omessa dichiarazione dei redditi comporta rilevanti conseguenze fiscali e sanzionatorie per i contribuenti. 

Questo articolo spiega come regolarizzare la propria posizione fiscale, illustrando le riduzioni delle sanzioni previste dalla normativa vigente. 

Verrà analizzato un caso pratico di applicazione delle sanzioni e la modalità di calcolo per agevolare i contribuenti nel comprendere gli obblighi e i benefici derivanti da una tempestiva regolarizzazione.

1) Dichiarazione omessa e regolarizzazione: le sanzioni e l'integrativa

L’art. 13 del d.lgs. 18.12.1997, n. 472, riconosce la riduzione delle sanzioni dovute a 1/10 del minimo qualora la dichiarazione dei redditi non presentata entro il termine previsto è trasmessa all’Agenzia delle entrate con un ritardo non superiore a 90 giorni

In altri termini la sanzione irrogabile di € 250 (art. 1, comma 1, del d.lgs. 18.12.1997, n. 471) viene ridotta a € 25, mentre, invece, sono dovute le sanzioni per gli eventuali omessi versamenti per i quali sono dovuti gli interessi legali conteggiati giorno per giorno e le sanzioni ridotte in relazione al periodo di ritardo, somme da corrispondere contestualmente alla presentazione della dichiarazione.

Se, invece, la dichiarazione è presentata con un ritardo superiore si ravvisa l’ipotesi di “dichiarazione omessa” per la quale la sanzione irrogabile varia dal 120% al 240% delle imposte dovute, con un minimo di € 250. Ma se non sono dovute imposte la sanzione va da un minimo di € 250 a € 1.000.

Qualora, il contribuente presenti la dichiarazione entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al successivo periodo di imposta, purché prima dell’inizio di attività di accertamento, la sanzione viene irrogata nella misura dal 60% al 120% della maggiore imposta, con un minimo di € 200, ovvero se non sono dovute imposte nella misura fissa da € 150 a € 500.

Con la circolare 19.6.2002, n. 54/E, è stato affermato che, volendo porre rimedio alle omissioni dopo il decorso di 90 giorni dalla scadenza, con una dichiarazione integrativa:

  • se l’irregolarità è riferita a più tributi, è necessario eseguire tanti versamenti quante sono le imposte interessate dalla rettifica e presentare altrettante dichiarazioni rettificative (punto 17.1, quesito 1)
  • se la dichiarazione è stata omessa ma sono stati effettuati i pagamenti previsti, sia pure all’IVA,  la stessa evidenzia un “saldo a zero” per cui, non essendo dovuta alcuna somma a titolo di imposta, l’Agenzia delle entrate irroga la sanzione nella misura fissa di € 250 se il ritardo è posteriore alla scadenza fissata per il successivo periodo d’imposta, ovvero di € 150 se entro tale data (punto 17.1, quesito 2).

Secondo l’art. 1, comma 5, del d.lgs n. 471, ai fini delle imposte sui redditi per imposta dovuta si intende l’imposta conteggiata in sede di accertamento e l’imposta liquidabile ai sensi degli artt. 36-bis e 36-ter del d.p.r. 29.9.1973, n. 600, corrispondente ai versamenti che sono stati effettuati. 

Per l’IVA, l’art. 5, comma 4-quater, va considerato l’ammontare dell’imposta accertata e quello che risulta dall’applicazione dell’art. 57 del d.p.r. 26.10.1972, n. 633.

2) Dichiarazione omessa e regolarizzazione: esempi pratici di applicazione delle sanzioni

Secondo la suddetta circolare (punto 17.1, quesito 4), “qualora l’imposta accertata dall’ufficio sia stata completamente versata dal contribuente, e, dunque, non ci sono maggiori imposte dovute rispetto a quelle già versate, si applica la sanzione da € 258 a € 1.032 (attualmente da € 250 a € 1.000)”, aumentata fino al doppio nei confronti di chi tiene scritture contabili.  

Un esempio è utile per chiarire il problema

Un contribuente ha omesso di presentare la dichiarazione dei redditi per l’anno 2022 omettendo anche il versamento dell’imposta. Volendo porre rimedio all’omissione in data 30.6.2024, la  regolarizzazione comporta il versamento:

  • dell’imposta per € 2.000;
  • della sanzione ridotta del 3.75% pari a € 75 (cioè 2.000 x 30% x 1/8);
  • degli interessi legali per € 76,03 maturati per il periodo 1.7.2023-30.6.2024.

Tale comportamento non deve essere seguito dal versamento della sanzione conteggiata in misura proporzionale per la mancata presentazione della dichiarazione annuale poiché l’ufficio locale dell’Agenzia delle entrate provvederà ad irrogare la sanzione fissa di € 250, che potrà essere definita, entro 60 giorni dalla data di notifica dell’atto, con il pagamento nella misura di un terzo.

Fonte immagine: Foto di StartupStockPhotos da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA FISCALE 2023-2024 · 19/07/2024 Domicilio fiscale: nuovo concetto dal 2024 senza retroattività

La Cassazione specifica che le novità sulla nozione di domicilio fiscale non sono retroattive ai casi ante 1 gennaio 2024

Domicilio fiscale: nuovo concetto dal 2024 senza retroattività

La Cassazione specifica che le novità sulla nozione di domicilio fiscale non sono retroattive ai casi ante 1 gennaio 2024

Concordato preventivo biennale Forfettari: pubblicato in GU il decreto con le regole

Concordato preventivo biennale (CPB) Forfettari: definite le regole per la determinazione della base impobinile concordataria, ai fini della formulazione della proposta

Correttivo CPB: come renderlo più appetibile con l'imposta sostitutiva

Il 10 Luglio arriva il parere degli esperti della Commissione Finanze sul CPB. I dettagli sulla imposta sostitutiva

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.