HOME

/

PMI

/

MERCATO E CONCORRENZA

/

TRUFFE ON LINE: LA GUIDA DEL MINISTERO PER DIFENDERSI

Truffe on line: la guida del Ministero per difendersi

Guida MIMIT per i consumatori: come difendersi dalle truffe on line in 6 mosse

Il MIMIT Ministero delle imprese e del made in Italy ha pubblicato in data 6 aprile 2023  un utile prontuario per i consumatori intitolato:

6 consigli per difendersi dalle truffe

Secondo il Ministero, siamo noi la miglior difesa dalle truffe  on line: 

  • capire per proteggersi meglio, 
  • il rischio di rimanere coinvolti in una truffa riguarda tutti e non va sottovalutato, 
  • spesso le frodi vengono messe in atto da veri “professionisti”
  • i truffatori fanno leva sulla buona fede delle persone e utilizzano diversi metodi per ingannare le possibili vittime come, ad esempio, fingere di chiamare per conto di enti pubblici.

I suggerimenti del MIMIT per aiutare i consumatori a difendersi e a riconoscere alcuni tra i principali tipi di truffa.

Il prontuario è stato realizzato con il contributo delle Associazioni dei Consumatori riconosciute dal Ministero. 

1) Truffe on line: riconoscere provenienza email, SMS e telefonate fraudolenti

La maggior parte delle truffe telematiche è veicolata da telefonate, email ed SMS che hanno tutta l’aria di provenire da enti conosciuti e fonti affidabili, spesso grandi aziende, banche e perfino enti pubblici. 

La prima cosa da fare è verificare la provenienza delle comunicazioni, in particolare di quelle che richiedono:

  • dati personali, 
  • credenziali, 
  • codici dispositivi 
  • o che invitano a cliccare su un link. 

Occorre verificare l’indirizzo di provenienza delle email e i numeri di telefono da cui provengono telefonate e SMS:

Ad esempio, verificare che il numero di telefono appartenga effettivamente all’azienda cui dice di far parte il proprio interlocutore o da cui dovrebbe provenire l’SMS. 

Controllare anche attentamente l’indirizzo del mittente delle email e il testo dei link che contengono: spesso i truffatori usano testi che differiscono di poco da quelli ufficiali delle aziende. 

Anche il testo di email e messaggi può dare indicazioni sulla loro natura fraudolenta, poiché spesso contengono errori di ortografia e di sintassi.

Attenzione al fatto che talvolta le truffe si articolano in forma complessa, poiché i truffatori possono coordinarsi e agire su più canali (ad esempio effettuando una telefonata in seguito all’invio di SMS).

Per opporti a offerte commerciali indesiderate consulta il Registro pubblico delle opposizioni

2) Truffe on line: non avere fretta

Molto spesso le truffe fanno leva sul senso di urgenza e sull’invito ad agire immediatamente. 

Ad esempio;

  • la comunicazione avverte di un servizio in scadenza, 
  • di un pagamento non andato a buon fine o della possibilità che un conto corrente venga bloccato 
  • e invita ad agire in fretta o addirittura immediatamente.

In qualsiasi contesto regolare si ha sempre a disposizione del tempo per effettuare il rinnovo di un servizio o per intervenire su un’operazione di pagamento. 

Perciò non agire d’impulso e prendersi il tempo necessario per verificare, ad esempio attraverso una telefonata all’azienda che fornisce il servizio o un controllo alla propria area riservata, la veridicità della comunicazione.

3) Truffe on line: promesse di denaro o vantaggi

Fare attenzione alle proposte particolarmente vantaggiose o alle promesse di denaro o guadagni facili quali:

  • offerte a prezzi stracciati, 
  • prestiti stranamente vantaggiosi 
  • e proposte sospette relative al trading online

tutte queste potrebbero rivelarsi delle truffe. 

Verificare sempre la bontà dell’offerta paragonandola ad offerte simili e cercando informazioni sull’offerente.

Potrebbe interessarti l'Osservatorio Prezzi e tariffe del Ministero, clicca qui

4) Truffe on line: verificare la pagina web dove si acquista

Nelle pagine web che propongono acquisti è sempre bene fare attenzione alla presenza di alcuni elementi di base, come ad esempio: 

  • l’indirizzo “https”, 
  • la presenza del lucchetto nella barra di indirizzo (che indica che il sito è protetto da sistemi di sicurezza internazionali) 
  • e dei dati del venditore, come il numero di Partita IVA, la sede legale della società, i recapiti per il contatto, le condizioni generali di vendita, o un sistema di pagamento sicuro che riporti chiaramente i costi di spedizione. 

Inoltre ricordare che, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, si può verificare i dati fiscali riportati nella pagina web.

Usare la massima cautela nella gestione di dati, informazioni e documenti personali

Se ti viene richiesto di comunicare dati personali o sensibili o di inviare copia di documenti personali, devi porre la massima attenzione: invia copia dei tuoi documenti solo se necessario e in un contesto affidabile e accertati dell’identità dell’interlocutore.

5) Truffe on line: avere software e password sempre aggiornati

Oltre a modificare periodicamente le password, è necessario che i sistemi operativi e le applicazioni di PC e smartphone siano sempre aggiornati.

In particolare, verificare che il browser che utilizzi sia aggiornato ed elimina periodicamente i cookie e i file temporanei utilizzando gli appositi strumenti del browser.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

MERCATO E CONCORRENZA · 07/08/2023 Trimestre anti inflazione sul carrello della spesa: al via da ottobre 2023

Al via una strategia anti inflazione. Accordo tra Mimit e associazioni della distribuzione moderna e del commercio tradizionale

Trimestre anti inflazione sul carrello della spesa: al via da ottobre 2023

Al via una strategia anti inflazione. Accordo tra Mimit e associazioni della distribuzione moderna e del commercio tradizionale

Truffe on line: la guida del Ministero per difendersi

Guida MIMIT per i consumatori: come difendersi dalle truffe on line in 6 mosse

Le reti di impresa nel report 2022 dell’osservatorio nazionale

Aumento delle reti e miglioramento delle perfomance: alcuni dati sui risultati raggiunti dalle reti d'impresa raccolti dall' Osservatorio Nazionale sulle reti di impresa 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2023 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.