HOME

/

DIRITTO

/

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA

/

NOVITÀ IN TEMA DI COMPOSIZIONE NEGOZIATA

Novità in tema di composizione negoziata

Decreto PNRR: cosa prevede sulla composizione negoziata

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il decreto legge del 24 febbraio 2023 numero 13, pubblicato in GU del 24 febbraio 2023 numero 47, entrato in vigore il 25 febbraio 2023 interviene sulla composizione negoziata.

In particolare la norma in commento interviene su diversi fronti per cercare di rendere più vantaggioso e appetibile l’istituto previsto dall’articolo 12 del D. Lgs. 14/2019.

1) Decreto PNRR: estesa la rateazione per l'imprenditore in crisi

Viene modificato il quarto comma dell’articolo 25 bis del D. Lgs. 14/2019; quest’articolo si occupa della misure premiali e il quarto comma prevede che in caso di pubblicazione nel registro delle imprese degli accordi raggiunti ai sensi dell’articolo 23, contratti o altre soluzioni idonee al superamento della situazione di crisi di impresa, l’imprenditore può chiedere all’Agenzia delle Entrate con apposita istanza, sottoscritta anche dall’esperto, un piano di rateazione fino a settandue rate mensili. 

La rateazione può riguardare le somme dovute a titolo:

  • di imposte sul reddito;
  • IRAP;
  • imposta sul valore aggiunto;
  • ritenute alla fonte operate in qualità di sostituto di imposta.

Gli importi rateizzabili sono quelli ancora non iscritti a ruolo e si comprendono anche gli oneri accessori.

Lo stato di difficoltà nell’adempiere normalmente ai pagamenti in questione è attestata dalla sottoscrizione dell’istanza da parte dell’esperto. Si decade dal beneficio della rateazione in caso di:

  • successivo deposito di ricorso presentato ai sensi dell'articolo 40; domanda di accesso agli strumenti di regolazione della crisi come ad esempio, tra gli atri, la domanda per concludere accordi di ristrutturazione dei debiti;
  • in caso di apertura della procedura di liquidazione giudiziale o della liquidazione controllata o di accertamento dello stato di insolvenza;
  • in caso di mancato pagamento anche di una sola rata alla sua scadenza.

Ora l’articolo 38 del D.L. 13/2023 stabilisce, senza modificare l’articolo 25 bis, che nell'ipotesi di trattative che portano al raggiungimento di un accordo, sempre ad istanza del debitore, l'Agenzia dell’Entrate può concedere un piano di rateazione fino a centoventi rate in caso di comprovata e grave situazione di   difficoltà dell'impresa rappresentata nell'istanza depositata ai sensi del medesimo  articolo 25-bis, comma 4, e sottoscritta dall'esperto.

Il provvedimento aumenta, sostanzialmente, il numero delle rate, quindi il piano di ammortamento del debito da sei anni a dieci anni. 

Un intervento di assoluto interesse e rilievo che potrebbe agevolare il risanamento delle imprese cha hanno un peso debitorio elevato verso l’amministrazione finanziaria. 

Dello stesso autore dell'articolo ti consigliamo gli e-book: 

2) Decreto PNRR: le novità per la composizione negoziata

Sempre l’articolo 38 prevede che dalla data della pubblicazione nel registro delle imprese dei contratti o degli accordi di cui all'articolo 23 del D. Lgs 14/2019 (con esclusione della convenzione di moratoria, dei piani attastati di risanamento e del concordato semplificato), si applica l'articolo  26, comma  3-bis , del D.P.R. 633/72 che stabilisce che anche in caso di procedure deflattive della crisi di impresa, e sempre nell’ipotesi di mancato pagamento, il creditore può emettere nota di variazione ai fini IVA per rettificare l’operazione originaria. 

Per snellire l’iter di accesso alla composizione negoziata il terzo comma dell’articolo 38 prevede che al momento della presentazione dell'istanza l'imprenditore può depositare, al posto delle numerose certificazioni stabilite dal comma 3 lettere e), f) e g) che rappresentano in buona sostanza i vari certificati di regolarità fiscale e contributiva, una dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa ai sensi dell'articolo 46 del D.P.R. 445/2000.

Nell’attestazione si dovrà indicare di aver fatto richiesta, da almeno dieci giorni, di rilascio dei summenzionati certificati. 

Infine, si prevede un rinvio di diciotto mesi per l'assegnazione del domicilio digitale da parte della cancelleria in sede di liquidazione giudiziale, come previsto dall'articolo 199 del  D. Lgs. 14/2019; il rinvio è disposto a partire dalla data del 25 febbraio 2023 di entrata in vigore del D.L. 13/2023 in commento. 

Dello stesso autore dell'articolo ti consigliamo gli e-book: 

Fonte immagine: Foto di Mohamed Hassan da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA · 11/06/2024 Crisi d'impresa: III correttivo approvato

Il CdM di ieri 10.06 ha approvato il III correttivo al codice della crisi d'impresa: novità sul concordato preventivo, le segnalazioni di precrisi, responsabilità Sindaci

Crisi d'impresa: III correttivo approvato

Il CdM di ieri 10.06 ha approvato il III correttivo al codice della crisi d'impresa: novità sul concordato preventivo, le segnalazioni di precrisi, responsabilità Sindaci

Revisore legale e obblighi segnalazione precrisi d'impresa

Modifiche terzo correttivo art. 25-octies: obbligo di segnalazione indizi di precrisi in capo al soggetto preposto alla revisione legale dell’impresa - organo di controllo esterno

Dichiarazione IVA: esigibilità operazioni ante e post fallimento

Dichiarazione IVA: chiarimenti su esigibilità IVA delle operazioni ante fallimento

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.