HOME

/

FISCO

/

LEGGE DI BILANCIO 2024

/

DEDUCIBILITÀ SPESE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST

Deducibilità spese operazioni con paesi black list

Legge di Bilancio 2023: nuovi limiti di deducibilità alle spese derivanti da operazioni intercorse con Paesi in black list

Ascolta la versione audio dell'articolo

La Legge di Bilancio 2023 (Legge 29 dicembre 2022, n. 197), all’art. 1 comma 84 re-introduce i limiti di deducibilità in riferimento alle spese connesse ad operazioni poste in essere con imprese / professionisti residenti in Paesi “non cooperatiVi” (ossia inseriti in una black list)

Tale formulazione era già stata introdotta, nell’art. 110 TUIR dal comma 10 l comma 12bis, dal D.lgs. n. 147/2015 e poi successivamente abrogata dalla Legge 28 dicembre 2015, n. 208. 

Ti potrebbero interessare

Visita la sezione delle Promozioni in continuo aggiornamento

1) Legge di bilancio 2023: le modifiche all’art. 110 TUIR

La Legge di Bilancio sostanzialmente riproduce tale formulazione, introducendo i commi 9bis, 9ter, 9quater e 9quinques all’art. 110 TUIR e prevedendo nello specifico che le spese e gli altri componenti negativi derivanti da operazioni, che hanno avuto concreta esecuzione, intercorse con imprese residenti ovvero localizzate in Paesi o territori non cooperativi a fini fiscali sono ammessi in deduzione nei limiti del loro valore normale, determinato ai sensi dell'articolo 9. 

Al riguardo, si considerano Paesi o territori non cooperativi a fini fiscali le giurisdizioni individuate  nell'allegato I alla lista UE  delle giurisdizioni non cooperative  a fini fiscali, adottata  con conclusioni del Consiglio dell'Unione europea (nuovo comma 9 bis). 

Le precedenti disposizioni non si applica quando le imprese residenti in Italia forniscono la  prova  che:

  • le operazioni poste in essere rispondono a un effettivo interesse economico  
  • le stesse hanno avuto concreta esecuzione.  

Le  spese e gli altri componenti negativi vanno separatamente indicati nella dichiarazione dei redditi.   

L’Amministrazione, prima di procedere all'emissione dell'avviso di accertamento d'imposta o di maggiore imposta, deve notificare all'interessato un apposito avviso con il quale è concessa al medesimo la possibilità di fornire, nel termine di novanta giorni, le prove sopra indicate. 

Tuttavia, qualora l’Amministrazione non ritenga idonee le prove addotte, deve  darne specifica motivazione nell'avviso di accertamento. 

A tal fine, il contribuente può interpellare l'Agenzia  delle  entrate ai  sensi dell'articolo 11, comma 1, lettera b), della legge 27 luglio 2000, n. 212, ossia mediante interpello probatorio. (nuovo comma 9 ter)

Le disposizioni sopra richiamate non si applicano per le operazioni intercorse con soggetti non residenti cui risulti applicabile l'articolo 167, concernente disposizioni in materia di imprese estere controllate (nuovo comma 9 quater); si applicano, invece, alle prestazioni di servizi rese dai professionisti domiciliati in Paesi o territori non cooperativi così come definiti dalla norma in esame  (nuovo comma 9 quinques)

Per tutte le novità in sintesi sulla legge di Bilancio 2023:

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LEGGE DI BILANCIO 2024 · 16/05/2024 Plastic e sugar tax: i nuovi termini di vigenza

Slittano la plastic e la sugar tax: vediamo cosa ci si deve aspettare dalla conversione del DL superbonus (dl n39/2024)

Plastic e sugar tax: i nuovi termini di vigenza

Slittano la plastic e la sugar tax: vediamo cosa ci si deve aspettare dalla conversione del DL superbonus (dl n39/2024)

La regolarizzazione del magazzino nella Legge di Bilancio 2024

Correggere errori commessi nella valorizzazione delle giacenze fisiche. Cosa prevede la reintroduzione dell’istituto della regolarizzazione delle esistenze iniziali di magazzino

Bonus impianti di compostaggio 2023: domande entro il 31.05

Modello per richiedere il bonus impianti di compostaggio 2023: le date entro cui presentare domanda e riepilogo delle regole

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.