HOME

/

PMI

/

NEXT GENERATION EU E RECOVERY FUND

/

CONOSCERE IL PNRR - REGOLE, STRUMENTI E FUNZIONAMENTO DELLE MISURE PENSATE PER LA RIPRESA

Conoscere il PNRR - regole, strumenti e funzionamento delle misure pensate per la ripresa

Conoscere le regole, gli strumenti e il funzionamento del più imponente piano di misure mai finanziato in Europa il PNRR

150 parole chiave per capire regole, strumenti e funzionamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Un libro appena uscito a cura di Maggioli Editore

Ma non  bisogna pensare a un glossario, abbiamo di fronte un manuale veramente competo che ci guida a navigare tra la complessa materia del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Alla fine di ogni capitolo ci sono link ad approfondimenti multimediali e Riferimenti a documenti / Atti attuativi.

370 pagine e un pool di autori di primordine per questo manuale indispensabile per chi si avvicina al mondo dei finanziamenti agevolati che ci accompagneranno per i prossimi anni.

Gli autori: Michele Cozzio - Professore a contratto presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, con docenze in università italiane ed estere. 

Con interventi di: Andrea Bellucci, Antonella Cupiccia, Antonino Di Giuseppe, Alessia Dini Giovanni Lombardo, Pasquale Pantalone, Nicoletta Parisi, Maria Rovero, Federico Smerchinich, Edoardo Tozzo, Giada Turato, Daniela Vellutino, Alessandro Vetrano, Eleonora Villa, Francesco Zuffada

Nel seguito la breve Presentazione dell'autore dott. Michele Cozzio, e l'indice che rende conto della ricchezza dell'opera.

Acquista il libro cartaceo Conoscere il PNRR - 150 parole chiave per capire regole, strumenti e funzionamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

1) Presentazione

 Il volume è pensato per facilitare la conoscenza delle regole, degli strumenti e del funzionamento del più imponente piano di misure mai finanziato in Europa, oltre 2.000 miliardi di euro (tra strumenti straordinari e consolidati) per stimolare investimenti che spingano la ripresa e riforme che rendano sostenibili le economie nazionali. 

Si tratta di misure che le Istituzioni dell’Unione europea e gli Stati membri hanno predisposto in tempi brevi per far fronte ad un contesto reso particolarmente problematico dalle emergenze pandemiche e climatiche. .

Per approfondire Acquista il libro cartaceo Conoscere il PNRR - 150 parole chiave per capire regole, strumenti e funzionamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Inutile dire che non esistono formule magiche risolutive, tanto più che ancora non vediamo con chiarezza quello che potrà succedere tenuto conto della virulenza della crisi avviata dalla diffusione del Covid-19 e aggravata dal conflitto in Ucraina. 

Ad ogni modo non mancano segnali positivi come quelli che dimostrano la capacità degli Stati di condividere soluzioni nuove per sostenere le proprie economie, con scelte non prive di rischi e complessità. 

Ad esempio, l’Unione europea raccoglierà attraverso lo strumento denominato Next Generation EU 806,9 miliardi di euro facendo ricorso per la prima volta all’emissione di debito comune sui mercati finanziari. L’operazione è gestita dalla Commissione europea e garantita in solido da tutti gli Stati membri. 

L’affidabilità e il rating finanziario dell’UE consentono di effettuare questa operazione con costi meno elevati rispetto a quelli che gli Stati avrebbero negoziato singolarmente. 

In questo modo la Commissione europea è diventata uno dei maggiori emittenti di titoli di debito in euro, il principale a livello mondiale per quanto riguarda obbligazioni sociali e verdi (si consideri che il 30% del totale delle obbligazioni emesse dalla Commissione nell’ambito del Next Generation EU è costituito da obbligazioni verdi). 

Questa massiccia iniezione di risorse transiterà negli Stati membri attraverso l’attuazione dei Piani nazionali per la ripresa e la resilienza (PNRR) che descrivono in modo dettagliato le azioni da intraprendere con i soldi in arrivo. 

Ogni Stato può presentare il proprio piano nel rispetto di condizionalità, obiettivi e modalità definiti in modo uniforme a livello europeo. 

L’erogazione delle risorse è poi rigorosamente vincolata alla dimostrazione del raggiungimento dei risultati promessi nei tempi stabiliti.

Il piano dell’Italia ha avuto accesso alla quota di risorse più importante tra tutti gli Stati membri, oltre 200 miliardi di euro, più della metà dei quali – concessi a prestito – dovrà essere restituita. 

Ci troviamo quindi di fronte ad una quantità straordinaria di risorse per la realizzazione di un programma di investimenti e riforme tanto vasto quanto concentrato nel tempo (entro il 31 dicembre 2026 tutti i piani nazionali dovranno essere conclusi).

 Al contempo, non può sottacersi che l’impiego di queste risorse e l’effettivo raggiungimento dei risultati previsti dal piano rappresentano una sfida altrettanto straordinaria. 

Per la corretta attuazione del piano l’Italia dovrà essere in grado di gestire ogni anno, oltre alle attività ordinarie, più di 50 miliardi di euro di pagamenti previa realizzazione di investimenti e riforme. 

Per centrare questo obiettivo si stanno attivando misure di rafforzamento del personale e dei mezzi delle amministrazioni, si stanno discutendo importanti riforme di semplificazione delle norme e degli adempimenti procedurali nei settori più rilevanti (giustizia, concorrenza, appalti pubblici, ecc.), predisponendo al contempo un articolato sistema di controllo e monitoraggio. Si tratta di interventi straordinari che meritano attenzione da parte di tutti gli attori del sistema, compresa l’intera cittadinanza. Il volume si propone quindi come strumento di conoscenza per cittadini, operatori e funzionari dell’articolato insieme di regole e strumenti predisposti dalle Istituzioni per il rilancio delle economie nazionali.

Lo scopo è perseguito individuando e descrivendo i termini che costituiscono l’alfabeto minimo per quanti sono chiamati a investire e gestire le risorse del PNRR, per quanti possono essere interessati a cogliere le opportunità offerte, per quanti nella società civile possono contribuire al buon utilizzo delle risorse presidiando in modo attivo le attività istituzionali di monitoraggio e rendicontazione. 

Il volume si compone di due parti. 

Nella prima sono raccolti i termini che riguardano l’articolazione e il funzionamento del PNRR sulla base delle disposizioni europee e di quanto stabilito a livello nazionale. 

I termini sono suddivisi in cinque capitoli: 

I. Strumenti e regole europee, 

II. Struttura, 

III. Governance, 

IV. Funzionamento, 

V. Valutazione, monitoraggio e rendicontazione. 

I termini selezionati sono quelli più ricorrenti e utili per disporre di una visione per quanto possibile d’insieme.

Le descrizioni privilegiano la comprensione dei significati, limitando a quanto necessario i tecnicismi; sono inoltre integrate da illustrazioni e collegamenti a filmati, siti web, interviste, documenti, ecc. 

Nella seconda parte sono raccolti i termini che riguardano gli appalti pubblici, suddivisi in tre capitoli: 

VI. Organi, 

VII. Procedure, 

VIII. Istituti, strumenti e soluzioni. 

Quello degli appalti è un settore strategico, investito di funzioni di sostegno e rilancio dell’economia, da sempre, ma in particolare in questa contingenza, proprio in relazione alle aspettative collegate alle risorse disponibili. 

Non va dimenticato che gran parte di esse transiterà attraverso il mercato dei contratti pubblici.

I termini selezionati sono quelli oggetto di norme speciali, talvolta derogatorie, introdotte dal Legislatore con finalità di semplificazione e speditezza per rispondere alla tempestiva attuazione del Piano. Anche le descrizioni di questa seconda parte sono integrate con collegamenti a siti web, interviste, documenti attuativi. I limiti derivanti dalla vastità delle tematiche e dall’essere queste non solo attuali ma in pieno svolgimento non sminuiscono lo sforzo profuso da tutti gli Autori, ai quali va un sincero ringraziamento per la collaborazione, generosa, pronta ed esperta, che ha reso possibile la realizzazione del progetto editoriale. 

Non meno sincero è il ringraziamento alle organizzazioni – Fondazione Enti Locali di Milano, MM S.p.A., Cap Holding S.p.A., Sigma NL S.r.l., LIBenter ATS – per il sostegno che Ci è stato riservato.

2) Indice

I. Strumenti e regole europee

I.1. Dispositivo per la ripresa e la resilienza Recovery and Resilience Facility (RRF)

I.2. Fondo per una transizione giusta Just Transition Fund (JTF)

I.3. Informativa sulla sostenibilità Sustainable Finance Disclosure

I.4. Iniziative faro European Flagship Initiatives I.5. InvestEU

I.6. Meccanismo europeo di stabilità European Stability Mechanism (MES)

I.7. Meccanismo per una transizione giusta Just Transition Mechanism (JTM)

I.8. Next Generation EU (NGEU)

I.9. Obbligazioni verdi (contesto) Green Bond (Framework)

I.10. Orizzonte Europa Horizon Europe

I.11. Patto verde europeo European Green Deal

I.12. Quadro finanziario pluriennale (QFP) Multiannual Financial Framework (MFF)

I.13. React-EU

I.14. Regime generale di condizionalità (Stato di diritto) General Regime of Conditionality (Rule of Law)

I.15. REPowerEU

I.16. Risorse proprie (Unione europea)

I.17. Sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione a fronte di emergenze Support to Mitigate Unemployment Risks in an Emergency (SURE)

I.18. Strumento di sostegno tecnico (SST) Technical Support Instrument (TSI)

I.19. Sviluppo rurale

I.20. Tassonomia UE (per le attività ecosostenibili) EU Taxonomy (for sustainable activities)

II. Struttura

II.1. Assi strategici

II.2. Coesione territoriale (priorità traversale)

II.3. Componenti

II.4. Condizionalità

II.5. Contributo all’obiettivo climatico e digitale (principio del)

II.6. Fondo di rotazione per l’attuazione del Next Generation EU

II.7. investimenti

II.8. Milestone (obiettivi qualitativi)

II.9. Missione 1 (Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turi­smo)

II.10. Missione 2 (Rivoluzione verde e transizione ecologica)

II.11. Missione 3 (Infrastrutture per una mobilità sostenibile)

II.12. Missione 4 (Istruzione e ricerca)

II.13. Missione 5 (Inclusione e coesione)

II.14. Missione 6 (Salute)

II.15. Non arrecare danni significativi (principio del) Do No Significant Harm (DNSH)

II.16. Parità di genere (priorità trasversale)

II.17. Parità generazionale (priorità trasversale)

II.18. Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)

II.19. Piano nazionale integrato per l’energia e il clima 2030 (PNIEC)

II.20. Piano nazionale per gli investimenti complementari (PNC)

II.21. Progetti bandiera del PNRR

II.22. Progetti PNRR

II.23. Riforme abilitanti

II.24. Riforme orizzontali

II.25. Riforme settoriali

II.26. Target (obiettivi quantitativi)

III. Governance

III.1. Amministrazioni centrali titolari di interventi PNRR

III.2. Audit del sistema

III.3. Audit delle operazioni

III.4. Audit delle performance

III.5. Cabina di regia

III.6. Comitato interministeriale per la transizione digitale (CITD)

III.7. Comitato interministeriale per la transizione ecologica (CITE)

III.8. Commissione tecnica PNRR-PNIEC

III.9. Ispettorato generale per i rapporti finanziari con l’Unione europea (IGRUE)

III.10. Organismo di audit

III.11. Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità

III.12. Segreteria tecnica

III.13. Servizio centrale per il PNRR

III.14. Società pubbliche (supporto tecnico operativo)

III.15. Soggetto attuatore

III.16. Soggetto realizzatore o esecutore

III.17. Soprintendenza speciale per il PNRR

III.18. Supporto tecnico operativo

III.19. Tavolo permanente per il partenariato economico, sociale e territoriale

III.20. Ufficio europeo per la lotta antifrode European Anti-Fraud Office

III.21. Unità di missione (struttura di coordinamento)

III.22. Unità per la razionalizzazione e il miglioramento della regolazione

IV. Funzionamento

IV.1. Avviso pubblico di selezione

IV.2. Contratto di sviluppo

IV.3. Dichiarazione di regolarità sul diritto al lavoro delle persone con disabilità

IV.4. Elenco assunzioni a tempo determinato

IV.5. Elenco per conferimento incarichi professionali

IV.6. Esperto

IV.7. Iscritto

IV.8. Personale con alta specializzazione

IV.9. Piattaforma digitale per il reclutamento

IV.10. Portale del reclutamento inPA

IV.11. Procedura di selezione del personale (amministrazioni pubbliche)

IV.12. Procedura di selezione del personale (società pubbliche)

IV.13. Professionisti ed esperti per il PNRR

IV.14. Progetti a regia

IV.15. Progetti a titolarità

IV.16. Programmazione e pianificazione

IV.17. Rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile

IV.18. Reclutamento personale e conferimento incarichi professionali

IV.19. Reclutamento personale e conferimento incarichi professionali negli enti locali

IV.20. Relazione di genere sulla situazione del personale maschile e femminile

V. Valutazione, monitoraggio e rendicontazione

V.1. Attività di controllo e audit

V.2. Doppio finanziamento (divieto del)

V.3. Frode

V.4. Italia Domani – portale PNRR

V.5. Opzione semplificata in materia di costi (OSC)

V.6. Rendicontazione di milestone e target

V.7. Rendicontazione finanziaria

V.8. Servizio di monitoraggio del PNRR

V.9. Servizio di rendicontazione e controllo

V.10. Sistema informatico unitario ReGIS

V.11. Valutazione ambientale strategica (VAS)

V.12. Valutazione d’impatto nel PNRR

V.13. Valutazione dell’impatto ambientale (VIA)

V.14. Valutazione dell’impatto sociale

VI. Organi

VI.1. Collegio consultivo tecnico

VI.2. Comitato speciale del Consiglio superiore dei lavori pubblici

VI.3. Conferenza di servizi

VI.4. Consiglio superiore dei lavori pubblici

VI.5. Direttore dell’esecuzione del contratto

VI.6. Responsabile unico del procedimento

VI.7. Società in house

VI.8. Stazioni appaltanti

VI.9. Stazioni appaltanti (comuni non capoluogo di provincia)

VII. Procedure

VII.1. Affidamento diretto

VII.2. Affidamento sotto soglia (settori ordinari)

VII.3. Affidamento sotto soglia (settori speciali)

VII.4. Aggiudicazione

VII.5. Appalto integrato

VII.6. Appalto integrato complesso

VII.7. Avviso di avvio della procedura negoziata

VII.8. Esecuzione del contratto

VII.9. Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando

VII.10. Procedure di aggiudicazione

VII.11. Procedure di aggiudicazione (ordinarie)

VIII. Istituti, strumenti e soluzioni

VIII.1. Accordo bonario

VIII.2. Accordo collaborativo

VIII.3. Appalti pubblici sostenibili

VIII.4. Banca dati nazionale dei contratti pubblici

VIII.5. Clausole penali

VIII.6. Codice identificativo di gara (CIG)

VIII.7. Codice unico di progetto (CUP)

VIII.8. Compensazione dei prezzi

VIII.9. Dibattito pubblico

VIII.10. Documento di gara unico europeo (DGUE)

VIII.11. Efficacia dei contratti d’appalto PNRR e PNC

VIII.12. Fascicolo virtuale dell’operatore economico

VIII.13. Garanzia provvisoria

VIII.14. Linee guida volte a favorire le pari opportunità

VIII.15. Modellizzazione delle informazioni per le costruzioni Building Information Modelling (BIM)

VIII.16. Partenariato pubblico-privato

VIII.17. Patto di integrità

VIII.18. Piattaforme telematiche

VIII.19. Premio di accelerazione

VIII.20. Prezzari regionali

VIII.21. Progetto definitivo

VIII.22. Progetto di fattibilità tecnica ed economica

VIII.23. Progetto di fattibilità tecnica ed economica (linee guida per la redazio­ne)

VIII.24. Progetto esecutivo

VIII.25. Protocollo di legalità

VIII.26. Punteggio premiale

VIII.27. Revisione dei prezzi

VIII.28. Subappalto

Indice analitico

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NEXT GENERATION EU E RECOVERY FUND · 20/09/2022 NextAppennino: dal 15 settembre nuovi bandi con fondi per le imprese

Next Appennino è il portale per gli incentivi gestiti da Invitalia e Unioncamere: Un riepilogo dei bandi già attivi e in partenza

NextAppennino: dal 15 settembre nuovi bandi con fondi per le imprese

Next Appennino è il portale per gli incentivi gestiti da Invitalia e Unioncamere: Un riepilogo dei bandi già attivi e in partenza

Fotovoltaico: dal 27 settembre domande di fondo perduto del Parco Agrisole

Parco Agrisole: tutte le regole per richiedere il fondo perduto per la realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici a uso produttivo agricolo, zootecnico e agroindustriale

Apprendistato e sistema duale: ecco i  nuovi fondi  PNRR

Pubblicato il decreto di ripartizione delle risorse del PNRR per la formazione duale Vediamo gli importi per regione, quali tipoligie di corsi e di beneficiari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.