HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

INVESTIMENTI NEL CINEMA: OPPORTUNITÀ E VANTAGGI

Investimenti nel cinema: opportunità e vantaggi

La disciplina del Tax credit cinema offre interessanti vantaggi, ma serve un’attenta gestione dei complessi aspetti fiscali e contabili

La disciplina di settore prevede, come noto, vantaggiose forme di credito d’imposta rivolte ai soggetti operanti nel settore del cinema, impegnati nella produzione e nella post-produzione cinematografica, audiovisiva, web, nella distribuzione e nell’esercizio cinematografico (sale cinematografiche) e per l’attrazione di investimenti in Italia da parte di produttori esteri.

Interessanti agevolazioni sono previste anche per i soggetti italiani estranei al settore del cinema che finanzino la produzione cinematografica e audiovisiva. Il credito d’imposta riconosciuto varia dal 20 al 40% degli apporti in denaro versati a titolo di investimento di rischio per la produzione di film di nazionalità italiana di lungometraggio, in esecuzione di contratti di Associazione in partecipazione stipulati con produttori indipendenti italiani.

Leggi anche Crediti d'imposta cinematografici: controlli e recupero

Ti consigliamo l'ebook: Crediti imposta cinema musica videogiochi (eBook 2022)

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti consigliamo l'ebook: Crediti imposta cinema musica videogiochi (eBook 2022)

1) Stipula dei contratti tra finanziatori e produttori

In base agli artt. 24 e ss. del decreto MIC/MEF n. 152 del 08.04.2021, il credito d’imposta per i finanziatori esterni rappresenta un’opportunità aperta a ogni impresa che consente il riconoscimento di vantaggi economici e fiscali tramite la stipula di specifici contratti con il produttore.

Data la complessità della materia e le numerose implicazioni di natura civilistica, fiscale e penale che possono determinare anche l’irrogazione di importanti misure sanzionatorie e connessi recuperi impositivi, è di fondamentale importanza la corretta redazione dei contratti di “Associazione in partecipazione” con i produttori al fine di determinarne la perfetta rispondenza ai canoni giuridici previsti dagli artt. 2549 e 2554 c.c. ed evitare che l’accordo, qualificandosi non a titolo investimento di rischio, non produca una reale partecipazione dell’associato all’affare economico alla base del contratto.

Vi sono, poi, anche altri importanti profili da considerare che devono essere gestiti correttamente per evitare contestazioni. Tra questi, il più importante concerne il trattamento contabile e l’appostamento in bilancio da parte del produttore, degli apporti ricevuti dai finanziatori esterni che si qualificano a titolo di debiti nei confronti degli associati in partecipazione.

Per approfondire ti consigliamo l'ebook: Crediti imposta cinema musica videogiochi (eBook 2022)

2) Corretta gestione delle implicazioni fiscali/contabili

Non è soltanto la procedura di richiesta del credito di imposta, con particolare riguardo alla determinazione del quantum eleggibile ai fini delle agevolazioni in parola, a imporre la necessità di un’attenta analisi e valutazione degli elementi aziendali e societari, ma anche la fase successiva all’ottenimento dell’agevolazione con particolare riguardo, a mero titolo esemplificativo, ai seguenti aspetti:

  • utilizzo del credito di imposta con particolare riguardo agli obblighi dichiarativi e alla circostanza che il credito de quo può essere utilizzato solo se congiuntamente si verifica che le spese siano sostenute ex art. 109 del T.U.I.R. e su avvenuto l’effettivo pagamento delle stesse che, si ritiene, può essere posto in essere anche mediante “compensazione commerciale”;
  • cessione del credito di imposta che può avvenire anche nei confronti della società consolidante;
  • trasferimento del credito d’imposta che può essere posto in essere anche in seno alla cessione di un ramo d’azienda;
  • reinvestimento del credito d’imposta che è imposto in via obbligatoria per soli crediti di imposta di cui all’art. 15 della legge n. 220/2016.
Ti consigliamo l'ebook: Crediti imposta cinema musica videogiochi (eBook 2022)

3) La co-produzione

Il tema della co-produzione cinematografica è centrale rispetto all’analisi della normativa in esame.

La definizione delle spese ammissibili al beneficio in esame nel caso di opere in coproduzione internazionale, compartecipazione internazionale e produzione internazionale, è affidata alle disposizioni di cui ai commi 3 e 4 dell’art. 3 del decreto MIC/MEF n. 70 del 2021 in base ai quali le spese sostenute dal produttore indipendente italiano nei confronti di un soggetto extra UE, sono ammissibili nella misura necessaria al raggiungimento della propria quota di competenza prevista nel contratto di coproduzione internazionale, di compartecipazione internazionale e di produzione internazionale, ma solo se un ammontare pari all’importo del credito stesso sia speso in Italia.


Ti consigliamo l'ebook: Crediti imposta cinema musica videogiochi (eBook 2022)
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 01/07/2022 Credito di imposta digitalizzazione agenzie e tour operator: ecco i beneficiari

Il DL 152/2021 prevede un credito d'imposta per la digitalizzazione di agenzie di viaggio e tour operator. Con decreto l'elenco dei beneficiari

Credito di imposta digitalizzazione agenzie e tour operator: ecco i beneficiari

Il DL 152/2021 prevede un credito d'imposta per la digitalizzazione di agenzie di viaggio e tour operator. Con decreto l'elenco dei beneficiari

Decontribuzione  SUD 2022:  ok della UE fino a fine anno

Decontribuzione SUD con esonero del 30% applicabile fino a fine 2022. Requisiti e modalità di applicazione

Fondo perduto discoteche e sale da ballo: ecco l'importo spettante

Determinato l'importo spettante a ciascun beneficiario del fondo perduto per discoteche e sale da ballo: codice Ateco 2007 “93.29.10"

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.