HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

REDDITO DI LIBERTÀ DONNE VITTIME DI VIOLENZA 2022

Reddito di libertà donne vittime di violenza 2022

Si puo ancora fare domanda per il Reddito di liberta: ci sono nuovi fondi per 9 milioni di euro per il sostegno contro la violenza sulle donne erogato dall'INPS

Il reddito di libertà è una misura a favore delle donne vittime di violenza istituito dal decreto Rilancio 2020 . Prevede un contributo economico mensile  erogato dall'INPS alle donne ospiti di centri di violenza per favorire l'uscita e un nuovo inizio in autonomia all'esterno. 

Il contributo intende infatti aiutare nelle spese di affitto orlre che nelle spese necessarie per la vita quotidiana e  per la scuola dei figli eventualmente presenti. Per riceverlo bisogna rivolgersi direttamente ai servizi sociali del proprio comune che trasmettono la richiesta all'INPS. 

Un messaggio inps  di ieri 13 settembre 2022  fa presente che le domande presentate che ancora non hanno avuto riscontro  per esaurimento dei fondi sono in corso di elaborazione,  grazie ad ulteriori  9  milioni di euro stanziati da un Decreto del presidente del consiglio dei ministri e da  ulteriori stanziate direttamente da Regioni e Province Autonome.

Le persone interessate riceveranno conferma  tramite mail o sms (a seconda del recapito fornito al momento della domanda).   Consigliabile verificare  presso il Comune la situazione  specifica  della propria Regione.

Di seguito un riepilogo delle istruzioni sul  Reddito di libertà contro la violenza sulle donne

1) Reddito di libertà: importo, cumulabità

Si ricorda che il reddito di libertà è un contributo economico per le donne vittime di violenza, sole o con figli minori, seguite dai centri antiviolenza riconosciuti dalle regioni e dai servizi sociali  .

L'importo è pari a euro 400 pro capite su base mensile per un massimo di 12 mensilità  e ha l 'obiettivo di garantire una maggiore autonomia  nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza anche  di fuori dei centri di protezione.

Il Reddito di libertà  è destinato in particolare al 

  1. riacquisto di una autonomia personale ( spese di affitto per un alloggio autonomo,  per l'uscita dal Centro antiviolenza ) e 
  2. spese per  il percorso scolastico e formativo dei/delle figli/figlie minori.

Va sottolineato che:

  • il bonus è cumulabile con altri strumenti di sostegno come il Reddito di cittadinanza, Reddito di Emergenza NASPI e altre  misure di sostegno economico dei Comuni e delle Regioni
  • l'Inps può procedere eventualmente alla revoca del contributo erogato, qualora dovessero intervenire motivi ostativi al mantenimento .
  • Va richiesto tramite i servizi sociali dei Comuni in cui risiede l'interessata.

2) Reddito di libertà: requisiti e domande

Sono destinatarie del reddito di liberta le 

  • donne vittime di violenza e accolte nei centri riconosciuti dalle Regioni
  • residenti in Italia
  • con cittadinanza italiana, comunitaria o
  • extracomunitaria con permesso di soggiorno o lo status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria.

Le domande vanno inviate per il tramite dei Comuni. Vedi maggiori indicazioni  qui: Reddito di libertà: cos'è , come si richiede

3) Istruzioni agli enti locali per integrare i Fondi

Con il messaggo n. 1073 2022 l'INPS aveva fornito  le istruzioni per l'incremento dei  fondi per il Reddito di Libertà (Fondo per il reddito di libertà per le donne vittime di violenza”, istituito dall’articolo 105-bis del D.L. n. 34 del 2020, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 77 del 2020) da parte di Regioni e provincie autonome. 

Le risorse attribuite a ciascuna Regione/Provincia autonoma dallo Stato infatti  possono essere incrementate dagli stessi enti locali  con risorse proprie, trasferite direttamente all’INPS, previa presentazione di apposita istanza di incremento del budget, da trasmettere all’indirizzo PEC della Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile [email protected]

L’accoglimento della richiesta della Regione/Provincia autonoma si perfezionerà con il versamento della somma integrativa sul conto corrente di tesoreria centrale n. 20350, IBAN IT70L0100003245350200020350, intestato a questo Istituto, con campo causale: “Reddito di Libertà Dpcm 17 dicembre 2020 - Regione/Provincia autonoma ______”.

L’Istituto utilizzerà tali risorse per la gestione delle domande presentate nella stessa Regione/Provincia autonoma e non accolte per insufficienza della quota di stanziamento statale assegnato alla Regione/Provincia autonoma medesima (cfr. il messaggio n. 4352 del 7 dicembre 2021).

L’Istituto provvederà, quindi, all’erogazione, in unica soluzione, delle prestazioni sulla base delle domande presentate, a favore delle beneficiarie , fino a esaurimento della provvista, salvo ulteriori successivi stanziamenti . 

Con un nuovo messaggio 2453 del 16 giugno l'istituto precisa che  sta procedendo all'istruzione delle domande rimaste insoddisfatte utilizzando le risorse delle regioni e province.

L'ordine che viene seguito è quello di inserimento della domanda nella piattaforma online dell’INPS (non la  data di sottoscrizione del modulo cartaceo in Comune da parte dell'Interessata.)

L’eventuale accoglimento verrà comunicato all’interessata utilizzando i dati di contatto indicati in domanda (il numero di cellulare ovvero l’indirizzo e-mail).

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LAVORO ESTERO 2023 · 24/03/2023 Lavoro dipendente e residenza fiscale in Svizzera

Residenza fiscale lavoratore dipendente italiano in Svizzera: cosa fare se la data di trasferimento del domicilio risulta differente nei due stati

Lavoro dipendente e residenza fiscale in Svizzera

Residenza fiscale lavoratore dipendente italiano in Svizzera: cosa fare se la data di trasferimento del domicilio risulta differente nei due stati

TFA sostegno 2023: decreto in arrivo

Pubblicazione a breve del decreto MIUR che da il via ai percorsi TFA sostegno per laureati di tutte le discipline. Come funziona come fare domanda, le sedi universitarie

Bonus assunzioni giornalisti ed esperti IT: domande dal 28 marzo

Le istruzioni per l'utilizzo dei contributi a fondo perduto per assunzioni e stabilizzazioni da parte dei aziende editoriali. Domande retroattive entro aprile 2023

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2023 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.