HOME

/

LAVORO

/

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

/

DIFESA CONTRO IL DOPPIO AVVISO DI ACCERTAMENTO FISCO E INPS.

Difesa contro il doppio avviso di accertamento Fisco e INPS.

Doppio avviso di accertamento, pronunciamento della Cassazione e difesa del contribuente

Come risolvere il problema  della difesa  del  contribuente contro il doppio avviso di accertamento , nel caso in cui :

  1. prima arriva un Avviso di Accertamento Fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate e ,
  2. dopo o in contemporanea, arrivi un Avviso di Addebito per Liquidazione di Contributi INPS sulla base delle risultanze del precedente Avviso di Accertamento Fiscale (atto amministrativo non certo e non definitivo , perché  ancora non supportato da una Sentenza Giudiziaria di Accertamento Definitiva).

1) Prefatto

Sulla base di un accertamento che ha dato luogo all’emissione dell’Avviso di Accertamento Fiscale per recupero di maggiori ricavi non dichiarati al fisco, il contribuente si deve difendere davanti al Giudice Tributario: (A) impugnando  l’accertamento fiscale e (B) chiedendo la sospensione della riscossione.

A seguito di tale accertamento l’INPS è solita emettere in automatico un Avviso di Addebito per Liquidazione di Maggiori Contributi superiori al minimale contributivo, basandosi solo ed esclusivamente sulla base delle risultanze del maggior reddito presunto dal Fisco.

In tal caso l’INPS procede  anche ad iscrizione di ipoteca sui beni del debitore, senza attendere una sentenza definitiva di accertamento del tributo da pagare da parte del contribuente.

Recando in tal modo un grave pregiudizio economico ed aziendale al contribuente.

L’accertamento avviene in modo automatico da parte dell’INPS per applicazione immediata ex art.30, co.1, D.Lgs.78-2010, c.d. Accertamento Unificato.

Quindi l’unica possibilità di difesa del contribuente era quella di aprire un giudizio ordinario davanti al Giudice del Lavoro, con aggravio di spese a suo carico.

2) Precedente normativa

In precedenza la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, aveva stabilito l’Illegittimità di tale comportamento da parte dell’INPS, con la famosa sentenza nr.8379-2014.

A seguito di tale pronuncia gli accertamenti cosiddetti automatici dell’ INPS, conseguenti ad un accertamento Fiscale impugnato davanti all’ autorità tributaria , fino a quando non sono divenuti definitivi non permetterebbero all’INPS di emettere l’avviso di addebito per maggiori contributi, né tanto meno di iscrivere ipoteca sui beni del debitore per Illegittimità di tali atti amministrativi.

Nonostante tale situazione giuridica di legittimità l’INPS ha continuato nel suo comportamento emettendo avvisi automatici.

3) Novità normativa

La recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione nr.12333-2015, ha stabilito che se l’INPS ha proceduto ugualmente ad iscrizione a ruolo del credito contributivo, solo e soltanto sulla base di un accertamento fiscale già impugnato davanti alla commissione tributaria e per questo non definitivo , sarà cura del Giudice Del Lavoro decidere nel merito della questione contributiva ma:

  • l’INPS, per il principio generale dell’onere probatorio ex.art.2697 c.c., deve fornire le prove poste a sostegno delle proprie ragioni creditorie per maggiore imponibile contributivo ma devono essere ulteriori e diverse rispetto a quelle indicate nell’accertamento fiscale (non utilizzabili perchè l’avviso è impugnato in sede di contenzioso, quindi per tale motivo atto non definitivo, e per questo non può essere usato né vale come prova);
  • se l’unico elemento di prova per richiedere maggiori crediti contributivi è l’accertamento fiscale non definitivo ed impugnato dal contribuente in sede contenziosa tributaria, la pretesa dell’INPS va considerata Illegittima e respinta, come anche la conseguente iscrizione a ruolo dei contributi previdenziali dell’avviso di addebito impugnato.

Suggerimento Operativo: Il contribuente è sempre costretto ad Impugnare subito l’avviso di accertamento fiscale, presso la sede della commissione tributaria competente. Inoltre si vede costretto suo malgrado, con maggiori costi ed oneri, ad impugnare anche l’avviso di addebito di liquidazione INPS presso la sede del Giudice del Lavoro. In tale sede deve chiedere, nello stesso ricorso del lavoro, la sospensione della riscossione e la dichiarazione di illegittimità perché l’unico elemento fondante della pretesa creditoria dell’INPS è l’avviso di accertamento impugnato presso la competente sede contenziosa, e pertanto non certo e non definitivo e non utilizzabile dall’INPS come prova.

4) Fonti giuridiche

-Sentenza Suprema Corte di Cassazione nr.12333-2015 e nr.14149-2012 e nr.18262-2012;

-Sentenza Suprema Corte di Cassazione nr.8379-2014 e sentenza Corte di Appello Firenze nr.1345-2013;

-art.30, co.1, D.Lgs.n.78-2010;

-art.24, co.5 e co.3 , D.Lgs.n.46-1999;

-Sentenza Suprema Corte di Cassazione nr.18262-2012; e nr.14149-2012; e nr.12333-2015.

La circolare INPS n. 140 del 02.08.2016 ha fornito alcuni chiarimenti circa gli effetti degli accertamenti fiscali ai fini contributivi. Secondo quanto chiarito dall’Istituto, infatti, a seguito della definizione in sede contenziosa o pre-contenziosa di un maggior imponibile, il contribuente sarà raggiunto un avviso di addebito che ricalcola i contributi da versare sulle maggiori somme (sono interessate la Gestione Separata, Artigiani e Commercianti).

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 27/05/2022 Contributi 2022 cooperative agricole per disoccupazione e CIG

Tabelle contributi per ammortizzatori sociali di operai a tempo indeterminato, apprendisti e soci lavoratori in agricoltura, dopo le modifiche della legge 234 2021

Contributi 2022 cooperative agricole per disoccupazione e CIG

Tabelle contributi per ammortizzatori sociali di operai a tempo indeterminato, apprendisti e soci lavoratori in agricoltura, dopo le modifiche della legge 234 2021

Disoccupazione agricola 2021: istruzioni per il calcolo

Le modalità di calcolo dell’indennità di disoccupazione agricola riferita all’anno 2021 nella circolare INPS N. 60 2022. Franchigia extracomunitari ancora a 180gg

Esonero contributivo nel quadro RR del modello Redditi PF 2022

L’esonero contributivo previsto per l’anno 2021 deve essere esposto, in sede di dichiarazione, sul quadro RR del modello Redditi PF 2022. Come si effettua la compilazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.