HOME

/

FISCO

/

LEGGE DI BILANCIO 2022

/

CESSAZIONI E DELOCALIZZAZIONI: LE NUOVE REGOLE IN LEGGE DI BILANCIO

Cessazioni e delocalizzazioni: le nuove regole in legge di bilancio

Le nuove norme in legge di bilancio in tema di delocalizzazioni con piu di 50 licenziamenti: obbligo comunicazione e accordo sindacale, CIGS, sanzioni

Obbligo  comunicazione preventiva, piano di ricollocazione con accordo sindacale, possibilità di cigs,  per le aziende oltre i 250 dipendenti che intendano  chiudere stabilimenti produttivi licenziando piu di 50 lavoratori. La legge  di bilancio 2022 istituisce una nuova disciplina che prevede il finanziamento per circa 900  milioni di euro fino al  2031.

Vediamo di seguito  ulteriori dettagli  di cosa si tratta: obblighi,le procedure,  le sanzioni previste in caso di violazioni nella cessazione di attività e licenziamenti  collettivi delle grandi imprese.

1) Delocalizzazioni l'oobligo di comunicazione a sindacati regioni ministero

I commi 224-236 della legge di bilancio (Legge n. 234 2021)  per  garantire la salvaguardia dell'occupazione  e de tessuto produttivo   richiede che:

  •  il datore di lavoro    con almeno 250 dipendenti in media nell'anno precedente 
  • che intenda procedere alla chiusura di una sede, stabilimento, filiale, o reparto  situati nel territorio nazionale,
  •  con cessazione definitiva della attività e  licenziamento di un numero di lavoratori non inferiore a 50,

 è tenuto a dare comunicazione per iscritto almeno 90 giorni prima :

  1. alle regioni
  2. alle rappresentanze sindacali aziendali o  nonché alle sedi territoriali delle associazioni sindacali di categori alle regioni interessate
  3. al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, al Ministero dello sviluppo economico
  4.  all'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL). 

La comunicazione può essere effettuata per il tramite dell'associazione dei datori di lavoro alla quale l'impresa aderisce o conferisce mandato. 

Sono escluse le aziende che si trovino in condizioni di squilibrio che  ne rendono probabile la crisi o l'insolvenza e che possono accedere alla procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi d'impresa di cui al decreto-legge 24 agosto 2021, n. 118.

Di conseguenza i licenziamenti intimati in mancanza della comunicazione o prima dello scadere dei 90 giorni sono nulli.

2) Delocalizzazioni: piano obbligatorio per le ricadute della cessazione produttiva

 Entro sessanta giorni dalla comunicazione   il datore di lavoro deve  elaborare un piano per limitare le ricadute occupazionali ed economiche derivanti dalla chiusura e lo presenta  agli stessi soggetti.

 Il piano non può avere una durata superiore a dodici mesi e deve  indicare:

  1. le azioni programmate per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la miiminzzazione delle conseguenze   come il ricorso ad ammortizzatori sociali, la ricollocazione presso altro datore di lavoro e le misure di incentivo all'esodo;
  2.  le azioni finalizzate alla rioccupazione o all'autoimpiego, quali formazione e riqualificazione professionale anche ricorrendo ai fondi interprofessionali;
  3.  le prospettive di cessione dell'azienda o di rami d'azienda con finalità di continuazione dell'attività, anche mediante cessione dell'azienda, o di suoi rami, ai lavoratori o a cooperative da essi costituite; 
  4. gli eventuali progetti di riconversione del sito produttivo, eventualmente anche per finalità socio-culturali a favore del territorio interessato; 
  5. i tempi e le modalità di attuazione delle azioni .

In caso di accordo sindacale, si procede alla sottoscrizione del piano, a seguito del quale il datore di lavoro assume l'impegno di realizzare le azioni in esso contenute.

I lavoratori interessati dal piano  possono beneficiare del trattamento straordinario di integrazione salariale (articolo 22-ter del d.lgs. legislativo 14 settembre 2015, n. 148 ).

In caso di mancato accordo invece il datore di lavoro è soggetto alla sanzione del ticket licenziamento aumentato del 50%.

Interessante sottolineare che qualora il datore di lavoro avvii, al termine del piano, la procedura di licenziamento collettivo di cui alla legge 23 luglio 1991, n. 223, non trova applicazione il versamento del ticket  licenziamento previsto dalla legge 92 2012 moltiplicato per tre volte

La nuova norma prevede inoltre che I lavoratori interessati dal piano accedono al programma Garanzia di occupabilità dei lavoratori GOL e  i nominativi sono comunicati all'ANPAL che li mette a disposizione delle regioni interessate. 

Ancora  la norma prevede che il datore di lavoro  comunichi mensilmente ai soggetti sopracitati  lo stato di attuazione del piano.

3) Sanzioni previste e risorse stanziate

L'INPS dovrà provvedere al monitoraggio del limite di spesa , che è pari a circa 900 milioni di euro  nel decennio 2022 2031.

La verifica formale  che nel piano presentato  siano presenti tutti gli elementi richiesti è effettuata dalla struttura per la crisi d'impresa del MISE.

 In mancanza di presentazione del piano o  di un piano incompleto rispetto alle previsioni normative li datore di lavoro è tenuto a pagare il  ticket licenziamento in misura pari al doppio. 

La sanzione si applica anche qualora il datore di lavoro sia inadempiente rispetto agli impegni assunti, ai tempi e alle modalità di attuazione del piano, di cui sia esclusivamente responsabile.

 Il datore di lavoro deve dare  comunque evidenza della mancata presentazione del piano nella dichiarazione di carattere non finanziario di cui al decreto legislativo 30 dicembre 2016, n. 254. ( Si ricorda che  tale dichiarazione è richiesta per ogni esercizio finanziario  alle imprese che  abbiano avuto, in media, durante l'esercizio finanziario un numero di dipendenti superiore a cinquecento e, alla data di chiusura del bilancio, abbiano superato almeno uno dei due seguenti limiti dimensionali: 

  • a) totale dello stato patrimoniale: 20.000.000 di euro;
  • b) totale dei ricavi netti delle vendite e delle prestazioni: 40.000.000 di euro;

La Dichiarazione individuale di carattere non finanziario copre i temi ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione attiva e passiva, piu rilevanti , descrivendo almeno:

  • a) il modello aziendale di gestione ed organizzazione delle attivita' dell'impresa  
  • b) le politiche praticate dall'impresa, comprese quelle di dovuta diligenza, i risultati conseguiti tramite di esse ed i relativi indicatori fondamentali di prestazione di carattere non finanziario;
  •   c) i principali rischi, generati o subiti, connessi ai suddetti temi e che derivano dalle attivita' dell'impresa)


4) Delocalizzazioni senza licenziamenti : le misure per gli immobili

Il comma  237 articolo 1 della legge di bilancio 2022  prevede invece che per i casi di cessione dell'azienda o di un ramo di essa con continuazione dell'attività e mantenimento degli assetti occupazionali,  in caso di  trasferimento di beni immobili strumentali che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni si applicano l'imposta di registro e le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di euro 200 ciascuna. 

In caso di cessazione dell'attività o di trasferimento per atto a titolo oneroso o gratuito degli immobili acquistati con i benefici citati prima del decorso del termine di 5 anni dall'acquisto sono dovute le imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura ordinaria.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LEGGE DI BILANCIO 2022 · 24/01/2022 Esonero contributivo totale per le nuove cooperative

Tutti i dettagli sullo sgravio contributivo del 100% per 2 anni per le cooperative di lavoratori che rilevano l'azienda in crisi (workers' buy out) in legge di bilancio

Esonero contributivo totale per le nuove cooperative

Tutti i dettagli sullo sgravio contributivo del 100% per 2 anni per le cooperative di lavoratori che rilevano l'azienda in crisi (workers' buy out) in legge di bilancio

Lavoratori fragili: bonus  2021 ma  quarantena 2022 in stand by

Nuova indennità risarcitoria per il lavoratori fragili che hanno superato nel 2021 il periodo di comporto per quarantena Covid ma si ripresenta il problema nel 2022

Bollette luce e gas: la legge di Bilancio 2022 prevede riduzioni

Le legge di Bilancio 2022 interviene per contenere gli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale nel primo trimestre 2022.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.