HOME

/

FISCO

/

DICHIARAZIONE IRAP 2024

/

DICHIARAZIONE REDDITI PERSONE FISICHE 2024: RATEAZIONE DELLE IMPOSTE E DATE DA RICORDARE

Dichiarazione redditi persone fisiche 2024: rateazione delle imposte e date da ricordare

La rateizzazione delle imposte dovute a titolo di saldo 2023 e primo acconto 2024 derivanti dalla Dichiarazione dei redditi PF 2024: scadenze da ricordare e modalità di versamento

Ascolta la versione audio dell'articolo

In linea generale e salvo proroghe, tutti i versamenti delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, a titolo di saldo per l’anno 2023 e prima rata di acconto per il 2024, devono essere eseguiti:

  • entro il 30 giugno 2024
  • ovvero entro il 30 luglio 2024 maggiorando l’importo dovuto dello 0,40 per cento a titolo d’interesse corrispettivo. 

I termini che scadono di sabato o in un giorno festivo sono prorogati al primo giorno feriale successivo.

I contribuenti che aderiscono al Concordato Preventivo Biennale, per il primo anno di applicazione dell'istituto, possono provvedere ai versamenti entro il 31 luglio 2024 senza alcuna maggiorazione (art. 37 D. Lgs 12 febbraio 2024, n. 13).

Tutti i contribuenti, titolari e non di partita Iva, hanno la possibilità di versare in rate mensili le somme dovute a titolo di saldo e di acconto delle imposte che risultano dalla dichiarazione dei redditi, compresi i contributi risultanti dal quadro RR relativi alla quota eccedente il minimale, ad eccezione dell’acconto di novembre che deve essere versato per intero entro il 2 dicembre 2024 (il 30 novembre cade di sabato).

Non è necessario rateizzare tutti gli importi, infatti, è possibile optare solo per la rateizzazione di alcuni di essi, ad esempio solo del primo acconto IRPEF e versare in un’unica soluzione il saldo, o viceversa.

I versamenti rateali sono effettuati entro il giorno 16 di ciascun mese, in ogni caso dovranno essere completati entro il 16 dicembre dello stesso anno di presentazione della dichiarazione.

Vediamo ora, una breve sintesi delle scadenze da ricordare per il versamento delle imposte, in particolare per chi opta per la rateazione sulla base delle scadenze ordinarie.

1) Redditi PF 2024 termini ordinari: rateizzazione imposte per tutti i contribuenti

I contribuenti che optano per il pagamento rateale delle imposte, devono effettuare il pagamento della prima rata entro:

  • il 1° luglio 2024 (il 30 giugno 2024 cade di domenica)
  • ovvero entro il 31 luglio 2024 (in questo caso l’importo da rateizzare deve essere preventivamente maggiorato dello 0,40 per cento a titolo d’interesse corrispettivo).

Sugli importi rateizzati sono dovuti gli interessi nella misura del 4% annuo, da calcolarsi secondo il metodo commerciale, tenendo conto del periodo decorrente dal giorno successivo a quello di scadenza della prima rata fino alla data di scadenza della seconda.

Pertanto, sugli importi da versare con le rate mensili successive alla prima, si applicano gli interessi dello 0,33 per cento in misura forfetaria, a prescindere dal giorno in cui è eseguito il versamento, come indicati nella seguente tabella che riporta anche le scadenze delle singole rate:

RATA

VERSAMENTO
(primo versamento il 1° luglio)

INTERESSI %

VERSAMENTO
(primo versamento 31.07 con maggiorazione)
in questo caso l’importo da rateizzare deve essere preventivamente maggiorato dello 0,40 per cento

INTERESSI %

1° luglio

0,00

31 luglio

0,00

16 luglio

0,17

20 agosto

0,18

20 agosto

0,50

16 settembre

0,51

16 settembre

0,83

16 ottobre

0,84

16 ottobre

1,16

18 novembre

1,17

18 novembre

1,49

 16 dicembre
 1,5

16 dicembre

1,82


 


Vieni a scoprire il nostro Pacchetto Dichiarativi 2024 una raccolta completa di 7 Tools excel utili per la compilazione delle Dichiarazioni dei redditi 2024 ad un prezzo speciale!

2) Redditi PF 2024: modalità di versamento delle imposte e principali codici tributo

Tutti i contribuenti per il pagamento delle imposte devono utilizzare il modello di versamento F24.

I contribuenti titolari di partita Iva sono obbligati ad effettuare i versamenti in via telematica con le seguenti modalità:

  • direttamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (“F24 web” e “F24 online”) utilizzando i canali Entratel o Fisconline mediante i servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’Agenzia (banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione, prestatori di servizi di pagamento).
  • tramite gli intermediari abilitati (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.) che:
    • sono abilitati al canale telematico Entratel dell’Agenzia delle Entrate e aderiscono a una specifica convenzione con la medesima Agenzia (servizio “F24 cumulativo”)
    • sono abilitati al canale telematico Entratel dell’Agenzia delle Entrate e utilizzano il servizio “F24 addebito unico”;
    • si avvalgono dei servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’Agenzia.

I contribuenti non titolari di partita IVA, possono effettuare i versamenti:

  • utilizzando il modello F24 cartaceo 
  • oppure possono adottare le modalità telematiche di versamento utilizzando i servizi online dell’Agenzia delle Entrate o del sistema bancario e postale.

Nel modello F24 è necessario indicare il codice fiscale, i dati anagrafici, il domicilio fiscale, l’anno d’imposta per il quale si versa il saldo o l’acconto, nonché i codici tributo necessari per imputare correttamente le somme versate.

Il versamento può essere effettuato in contanti o con addebito sul conto corrente bancario o postale:

  • con carte Pago Bancomat, presso gli sportelli abilitati;
  • con carta Postamat, assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari e vaglia postali;
  • presso gli uffici postali;
  • con assegni bancari e circolari nelle banche;
  • con assegni circolari e vaglia cambiari, presso gli agenti della riscossione.

Gli importi devono essere sempre indicati con le prime due cifre decimali, anche nel caso in cui tali cifre siano pari a zero.

Versamento rate delle imposte

Tutti i contribuenti possono versare in rate mensili le somme dovute a titolo di saldo e di acconto delle imposte, compresi i contributi risultanti dal quadro RR relativi alla quota eccedente il minimale, ad eccezione dell’acconto di novembre che deve essere versato in un’unica soluzione, in ogni caso dovranno essere completati entro il 16 dicembre dello stesso anno di presentazione della dichiarazione.

La rateazione non deve necessariamente riguardare tutti gli importi, è possibile infatti rateizzare, ad esempio, il primo acconto IRPEFe versare in un’unica soluzione il saldo, o viceversa.

Abbiamo detto che sugli importi rateizzati sono dovuti gli interessi nella misura del 4% annuo, da calcolarsi secondo il metodo commerciale, tenendo conto del periodo decorrente dal giorno successivo a quello di scadenza della prima rata fino alla data di scadenza della seconda.

Nell'ipotesi di scelta della rateazione delle imposte, l’ammontare indicato in dichiarazione deve essere successivamente elaborato prima di essere versato, in questo caso si applica la regola generale dell’arrotondamento al centesimo di euro (es. euro 10.000,752 arrotondato diventa euro 10.000,75; euro 10.000,755 arrotondato diventa euro 10.000,76; euro 10.000,758 arrotondato diventa euro 10.000,76) trattandosi di importi che non si indicano in dichiarazione ma direttamente nel modello di versamento F24.

Nella compilazione del modello F24 è opportuno ricordare che:

  • gli interessi relativi agli importi a debito rateizzati di ciascuna sezione vanno esposti cumulativamente in un unico rigo all’interno della stessa sezione utilizzando l’apposito codice tributo. Si ricorda che gli interessi da rateazione non devono essere cumulati all’imposta, ma devono essere versati separatamente.
  • in corrispondenza di ciascun rigo, è possibile compilare soltanto una delle due colonne relativa agli importi a debito e agli importi a credito. Sullo stesso rigo del modello, infatti, può comparire un solo importo;
  • l’importo minimo da indicare nel modello relativamente ad ogni singolo codice tributo è pari a euro 1,03. Tuttavia, non va eseguito alcun versamento se l’importo risultante dalla dichiarazione, riferito alla singola imposta o addizionale, è inferiore o uguale a 12 euro per le somme dovute a titolo di IRPEF e addizionali regionali e comunali.

Relativamente ad ogni singolo codice tributo, in caso di opzione per la rateazione, nella colonna denominata “rateazione/regione/prov.” del Modello di versamento F24, deve essere indicato:

  • la rata che si sta versando, 
  • il numero di rate prescelto

ad esempio, se si versa la prima di 5 rate, si dovrà indicare “0105”.

Vieni a scoprire il nostro Pacchetto Dichiarativi 2024 una raccolta completa di 7 Tools excel utili per la compilazione delle Dichiarazioni dei redditi 2024 ad un prezzo speciale!

Ti potrebbero interessare i nostri tools excel:

e i nostri eBook: 

Visita il Focus sulle Dichiarazioni Fiscali continu amente aggiornato con Libri E-book Fogli di calcolo

3) Redditi PF 2024: principali codici tributo da utilizzare per il versamento delle imposte

I principali codici tributo necessari per imputare correttamente le somme versate (reperibili sul sito Internet dell’Agenzia all'indirizzo https://www1.agenziaentrate.gov.it/servizi/codici/ricerca/index.htm), sono:

  • 4001: Irpef – Saldo
  • 4033: Irpef – Acconto prima rata
  • 4034: Irpef – Acconto seconda rata o unica soluzione
  • 1668: Interessi pagamento dilazionato. Importi rateizzabili Sez. Erario Addizionale regionale
  • 3801: Addizionale comunale - Saldo Addizionale comunale - Acconto
  • 3844: Imposta sostitutiva regime fiscale forfetario – Saldo
  • 3843: Imposta sostitutiva regime fiscale forfetario – Acconto prima rata
  • 1792: Imposta sostitutiva regime fiscale forfetario – Acconto seconda rata o unica soluzione Cedolare secca locazioni – Saldo
  • 1790: Cedolare secca locazioni – Acconto prima rata
  • 1791: Cedolare secca locazioni – Acconto seconda rata o unica soluzione
  • 1842: Irpef – Saldo
  • 1840: Irpef – Acconto prima rata
  • 1841: Irpef – Acconto seconda rata o unica soluzione
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

DICHIARAZIONE IRAP 2024 · 18/04/2024 Dichiarazione IRAP 2024: specifiche tecniche per Regioni e Province

Le Entrate pubblicano le specifiche tecniche per l'invio delle Dichiarazioni IRAP 2024 alle regioni e province autonome

Dichiarazione IRAP 2024: specifiche tecniche per Regioni e Province

Le Entrate pubblicano le specifiche tecniche per l'invio delle Dichiarazioni IRAP 2024 alle regioni e province autonome

Dichiarazione redditi persone fisiche 2024: rateazione delle imposte e date da ricordare

La rateizzazione delle imposte dovute a titolo di saldo 2023 e primo acconto 2024 derivanti dalla Dichiarazione dei redditi PF 2024: scadenze da ricordare e modalità di versamento

Dichiarativi 2023: aggiornamento dei software al 19.12

Sei distinti provvedimenti per le regole dei Modelli dichiarativi 2023: Redditi PF, Redditi SC, Redditi SP, Redditi Enc, IRAP

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.