HOME

/

FISCO

/

SUPERBONUS 110%

/

IL SUPERBONUS NON SFUGGE AI CONTROLLI ENEA

Il superbonus non sfugge ai controlli ENEA

In caso di superbonus del 110% è necessario che i professionisti tecnici asseverino i lavori, nonchè i professionisti “fiscali” appongano eventuali visti di conformità.

E’ ormai noto che se si effettuano lavori sugli immobili che danno diritto alla maxi detrazione del 110%, si hanno tre opzioni da poter scegliere per godere del beneficio fiscale. Sarà possibile detrarre la spesa in dichiarazione dei redditi, cedere la detrazione o richiedere al fornitore uno sconto in fattura, in quest’ultimo caso, l’importo dello sconto potrà essere deciso dalle parti e non potrà comunque superare l’importo totale della fattura. Se in caso di cessione o sconto in fattura è necessario anche richiedere ad un professionista abilitato di apporre il visto di conformità, nel caso della detrazione ciò non è richiesto (il tutto sempre relativamente alle spese connesse con il superbonus del 110%). Mentre, indipendentemente dalla scelta che viene effettuata (detrazione, sconto in fattura o cessione) risulta sempre necessaria l’asseverazione del tecnico.

1) I controlli ENEA

Le asseverazioni e le loro varie fasi di composizione, nonché l’allegazione dei documenti necessari, sono regolate dal DM 6 agosto 2020 (Decreto Asseverazioni, appunto), in base al quale, all’art. 5 vengono anche disciplinati i controlli da parte degli organi preposti. In questo caso ENEA. 

Si legge all’art. 5 in questione che i controlli sulle varie pratiche di asseverazione vengono esperiti secondo le modalità previste dal Decreto del Ministro dello sviluppo economico dell'11 maggio 2018 (GU Serie generale - n. 211 dell'11 settembre 2018). 

Il che significa che ENEA, presenta un programma di controlli a campione sugli interventi che beneficiano delle detrazioni fiscali oggetto delle asseverazioni e sulla regolarità delle asseverazioni stesse. Il campione e' definito nel limite massimo dello 0,5% delle istanze, selezionate tra le richieste di accesso al beneficio della detrazione fiscale caricate sul portale informativo ENEA di cui all'art. 5, comma 1, nell'anno precedente, tenendo conto in particolare di quelle che soddisfano uno o più dei seguenti criteri: 

a) istanze relative agli interventi che hanno diritto a una maggiore aliquota; 

b) istanze che presentano la spesa più elevata;

c) istanze che presentano criticità in relazione ai requisiti di accesso alla detrazione fiscale ed ai massimali dei costi unitari. In aggiunta al campione di cui sopra, il programma dei controlli Enea deve specificare anche l’elenco delle istanze da sottoporre a controllo ispettivo e documentale secondo le procedure di cui al citato decreto del Ministro dello sviluppo economico dell'11 maggio 2018.

Ciò che balza effettivamente all’occhio, dalla lettura dell’art. 5 del DM Asseverazioni è che ENEA esegue i controlli su tutte le asseverazioni relative a interventi avviati prima del 1° luglio 2020. 

Da qua si evince che gli organi Enea preposti non risparmieranno alcun intervento partito ante 1/7/2020.

2) La motivazione

La motivazione di tale controllo a tappeto per le spese sostenute dall’1/1 al 1/7 del 2020 è connessa, in parte anche con quanto affermato nella Faq n. 1/ENEA di ottobre 2020. Dalla risposta a tale Faq, Enea afferma che per comprendere quali debbano essere le spese che scontano il 110% non bisogna prendere a riferimento la data di inizio dei lavori ma quella del sostenimento delle spese (1° luglio 2020).  Ciò comporta che possono esservi lavori papabili di superbonus i cui titoli abilitativi decorrono da una data ante 1/7/2020. Il comma 1 dell’art. 119, Dl 34/2020, inoltre specifica gli interventi “trainanti” ammessi alla detrazione del 110% e pone alcuni vincoli e requisiti per la maxi detrazione 110%. In particolare si evidenziano: 

a) i limiti di spesa differenziandoli per edifici unifamiliari e condominiali e per questi ultimi tenendo conto del numero di unità immobiliari presenti; 

b) il requisito che i materiali isolanti debbano rispettare i criteri ambientali minimi di cui al decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 259 del 6 novembre 2017; 

c) il presupposto in base secondo il quale è agevolabile l’allaccio alla rete di teleriscaldamento, nonchè 

d) quando è agevolabile l’installazione delle caldaie a biomassa. Il successivo comma 3, art. 119, aggiunge il requisito che, ai fini dell’applicazione della detrazione del 110%, bisogna conseguire il miglioramento di due classi energetiche ovvero, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta. 

Da quanto sopra si conclude che, per tutti gli interventi “trainanti” la fruizione dell’aliquota del 110% è subordinata al rispetto di quanto previsto ai commi 1 e 3, sia per i requisiti tecnici che per la spesa massima ammissibile, a prescindere dalla data di inizio dei lavori. 

Ciò comporta, a detta di ENEA nella Faq n. 1, che la documentazione da produrre in questi casi sia quella richiesta per gli interventi con data di inizio lavori a partire dal 1° luglio 2020.

D’altro canto, il controllo per gli interventi ante 1/7/2020 scaturisce proprio ai fini della verifica che le maggiori detrazioni non siano applicate per le spese sostenute ante 1/7/2020 anche se i lavori sono detraibili al 110%.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPERBONUS 110% · 23/11/2022 Comunicazione per Ecobonus all'ENEA: è requisito fondante dell'agevolazione

Una recente ordinanza della Cassazione stabilisce che l'invio della comunicazione dati all'ENEA è requisito fondante per l'agevolazione Ecobonus

Comunicazione per Ecobonus all'ENEA: è requisito fondante dell'agevolazione

Una recente ordinanza della Cassazione stabilisce che l'invio della comunicazione dati all'ENEA è requisito fondante per l'agevolazione Ecobonus

Superbonus villette unifamiliari: nel 2023 agevolazione al 90% legata al reddito familiare

Come si calcola la soglia di reddito per poter accedere al superbonus unifamiliari al 90% nel 2023. Alcuni esempi di calcolo per capire chi può accedere all'agevolazione

Superbonus come funzionerà dopo il Decreto aiuti quater

Decreto Aiuti quater in GU n 270/2022: CILAS entro il 25 novembre e delibere assembleari condominiali entro il 24 novembre per avere ancora il 110%

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.