IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 21/04/2020

Cassa in deroga Covid 19: le regole per il Veneto

di Staff di Fiscoetasse

Tempo di lettura: 8 minuti
cig deroga veneto zaia

L'Accordo Quadro regionale e le procedure sindacali e di richiesta della cassa integrazione in deroga per le PMI nella regione Veneto

Commenta Stampa

A seguito del decreto Cura Italia  del 17 marzo che ha istituito il finanziamento straordinario  per il COVID 19 della Cassa in  deroga in tutto il territorio nazionale,  le Regioni italiane hanno concluso da poco la stipula dei diversi accordi sindacali necessari per l'attuazione della misura .

Va ricordato che la cassa integrazione  in deroga, finanziata con uno stanziamento ministeriale  che definisce gli importi per ciascuna regione e provincia autonoma , viene poi  autorizzata  attraverso decreti regionali ed è quindi a ciascuna regione che le aziende fanno domanda.

Per la regione Veneto, interessata da misure di contenimento sociale e blocco parziale della attività  economiche  anche prima del 17 marzo 2020,   è stato sottoscritto un accordo quadro in data 20 marzo 2020 (allegato in fondo a questo articolo) che fa riferimento:

  1. all' Art. 15, DL n. 9/2020 - concessione del trattamento di Cassa Integrazione in deroga (CIGD) per le unità produttive ubicate nel Comune del Veneto (Vo' Euganeo) 
  2. all' Art.17, DL n. 9/2020 - concessione del trattamento di Cassa Integrazione in deroga (CIGD) per tutti gli altri Comuni del Veneto.
  3. all' Art. 22, DL n. 18/2020 -  concessione del trattamento di Cassa Integrazione in derogaCIGD per i datori di lavoro del settore privato in tutta Italia,   con unità produttive ubicate nei Comuni del Veneto. 

Vediamo di seguito un riepilogo della normativa e delle procedure previste.

1. CONDIZIONI PER L'ACCESSO   per le unità produttive ubicate nel Comune del Veneto (Vo' Euganeo).

Sono interessati :

  • datori di lavoro che sono subentrati a seguito di un cambio di appalto successivo al 23 febbraio 2020, per i lavoratori per i quali è avvenuto il subentro.
  •  datori di lavoro del settore terziario sopra i 50 dipendenti che non possono attivare la cigs  per la causale Covid – 19 e i datori di lavoro di cui all'art. 20, comma 1, lett. b), c) e d) del  D.lgs n. 148/2015, in attesa di ulteriori chiarimenti dal Ministero.
  • datori di lavoro con unità produttive esterne al Veneto limitatamente ai lavoratori subordinati residenti o domiciliati in Veneto nei casi connessi all’emergenza
  • epidemiologica da COVID-19.

Durata: retroattivamente a decorrere dal 23 febbraio 2020 per una durata massima di tre mesi, pari a 13 settimane.

2. Condizioni per l’accesso alla Cassa Integrazione Guadagni in deroga   per tutti gli altri Comuni del Veneto
La CIGD è prevista per i datori di lavoro del settore privato, compreso quello agricolo, con unità produttive ubicate nei restanti Comuni del Veneto nonché per i datori di lavoro  privati che non hanno sede legale o unità produttive/operative in Veneto, limitatamente ai lavoratori in forza che risiedono o sono domiciliati nei restanti Comuni del Veneto.
Durata: retroattivamente a decorrere dal 23 febbraio 2020 per una durata massima di un mese, pari a 4 settimane.

3. Condizioni per l’accesso alla Cassa Integrazione Guadagni in deroga ex Art. 22, d.l. n. 18/2020 per le  aziende ubicate nel Veneto
Possono accedere alla CIGD i datori di lavoro del settore privato, ivi inclusi quelli agricoli, della pesca e del terzo settore compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti  SOLO SE privi delle  tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario, ivi compreso l’accesso al FSBA 

Durata: retroattivamente a decorrere dal 23 febbraio 2020 per una durata massima di  ulteriori nove settimane.

Ai sensi dell’art. 41, c. 2, d.l. n. 23 del 8.4.2020, (Decreto Liquidità)  possono accedere alla CIGD anche i lavoratori assunti tra il 24 febbraio 2020 e il 17 marzo 2020.

La disciplina anche per tutte le altre Regioni è illustrata in "Coronavirus: gestione dei rapporti di lavoro: guida"  a cura del prof. P.Albi , da cui l'articolo è tratto.

1) CIG in deroga Veneto: beneficiari e presupposti

Beneficiari sono i lavoratori subordinati, anche a tempo determinato assunti alla data del 17 marzo 2020 ( Decreto Liquidita  n. 23 del 8.10.2020).
 Vi rientrano espressamente:
- Operai
- impiegati
- quadri
- apprendisti
- soci delle cooperative con rapporto di lavoro subordinato
- lavoratori somministrati, non coperti dal trattamento di integrazione salariale (TIS)  previsto dall'Accordo del proprio Fondo Bilaterale Alternativo, quando gli altri
lavoratori della stessa unità produttiva/operativa siano interessati o beneficino di  ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro ordinari o in deroga per i propri  dipendenti
- lavoranti a domicilio monocommessa
- lavoratori intermittenti
- lavoratori agricoli
 
I presupposti per il ricorso alla cig in deroga, ai sensi delle “Linee Guida” del 7 aprile  2020 sono:
a) la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato alle dipendenze di un datore di  lavoro destinatario della normativa in deroga
b) sospensione dal lavoro a zero ore o con riduzione di orario, determinate dalle cause  previste nel D.L. n. 9/2020 e dal DL n. 18/2020
c) perdita o decurtazione della retribuzione, proporzionata alle ore di lavoro non prestato,  per le ore o giornate in cui per legge o per contratto sarebbe spettata
d) ragionevole previsione di ripresa dell’attività lavorativa.
Eccetto nei casi di cui all'art. 15, DL n. 9/2020 (Comune del Veneto - Vo' Euganeo), il  datore di lavoro utilizzerà preferibilmente gli strumenti ordinari di flessibilità̀ (congedo  ordinario e ferie 2019) prima dell'accesso alla CIGD.

La disciplina anche per tutte le altre Regioni è illustrata in "Coronavirus: gestione dei rapporti di lavoro: guida"  a cura del prof. P.Albi , da cui l'articolo è tratto.

2) Procedure per la domanda di CIGD COVID 19 Veneto

Procedura sindacale 

ATTENZIONE:

  • I Datori di lavoro di cui all’art. 15 del DL n. 9/2020 (Vo' Euganeo) sono dispensati  dall'obbligo di avvio della procedura di consultazione sindacale.
  •  Tutti gli altri datori possono accedere all’integrazione salariale previo accordo con le  OO.SS. dei lavoratori comparativamente più rappresentative, con precedura semplificata.

Procedura semplificata: invio da parte del datore di lavoro, tramite pec o mail o fax, o altro canale telematico, dell'informativa, anche per il tramite degli enti bilaterali, alle  OO.SS. e alle RSA/RSU laddove presenti, attivando così la procedura sindacale da   esperire entro il termine di 3 giorni lavorativi.
Decorso tale termine il datore di lavoro potrà presentare l’istanza di CIGD allegando alla   domanda l’evidenza dell’informativa data alle OO.SS.
L'informativa dovrà contenere tutti gli elementi utili alla quantificazione della spesa   (numero lavoratori, periodo richiesto, ore stimate di CIG in deroga, modalità della
sospensione).

Il verbale di consultazione sindacale, o l'informativa alle OO.SS., dovrà contenere i seguenti elementi essenziali:

a) dati aziendali (titolare/legale rappresentante, ragione sociale, recapito, partita iva –codice fiscale, telefono ecc ...)

b) settore produttivo (artigianato, PMI fino a 15 dipendenti, industria oltre 15 dip.ti,commercio fino a 50 dipendenti....)

c) settore merceologico...... (metalmeccanico, legno, tessile, confezioni, orafi ....)

d) data di avvio procedura della consultazione sindacale, solo nel caso di verbale di  accordo

e) negli accordi sindacali, assistenza delle parti sociali (organizzazione imprenditoriale,  associazione sindacale)

f) dichiarazione di esaurimento ammortizzatori ordinari

g) dichiarazione di mancanza dei requisiti di legge per accedere agli ammortizzatori  ordinari e relativa motivazione

h) per i datori di lavoro artigiani non edili, dichiarazione di versamento contributo al  FSBA ed eventuale dichiarazione di esaurimento dell'utilizzo del trattamento FSBA

i) periodo richiesto della CIG in deroga (dal ...... al ....)

j) numero lavoratori o elenco dei lavoratori interessati alla CIG in deroga

k) ore complessive richieste

Modalità e termini di presentazione delle domande di CIGD

La domanda  va presentata, anche retroattivamente, in via telematica sul   portale di CO Veneto, corredata dell’accordo o dell'informativa.

Termini:

• entro il termine perentorio di 40 giorni di calendario dal 27 marzo 2020, data di apertura del portale CO Veneto per la presentazione della domanda di CIGD, per
decorrenze della CIGD sino a tale data
• Per decorrenze della CIGD dal 28 marzo 2020 in poi la domanda dovrà essere presentata entro il termine perentorio di 40 giorni di calendario dalla data di avvio della
procedura di consultazione sindacale, nei casi in cui questa è prevista
• Per i lavoranti a domicilio monocommessa, la richiesta di CIG in deroga dovrà essere  effettuata dalla azienda committente.

Nei casi di datori di lavoro di cui all'art. 15 del DL n. 9/2020 (Vo' Euganeo), le domande dovranno essere presentate per un arco temporale di massimo 4 mesi, a partire dal 23 febbraio 2020, indicando il fabbisogno presunto in ore, fino ad esaurimento delle settimane  disponibili. Nel caso in cui non siano esaurite tutte le settimane potrà essere presentata una  nuova domanda.
Negli altri casi, le domande dovranno essere presentate per un arco temporale di massimo due mesi, a partire dal 23 febbraio 2020, indicando il fabbisogno presunto in ore, fino ad esaurimento delle settimane disponibili. Nel caso in cui non siano esaurite tutte le settimane potrà essere presentata una nuova domanda.

La domanda dovrà contenere la data dell’accordo sindacale o dell'informativa inviata alle OO.SS., nei casi in cui è prevista la procedura di consultazione sindacale,

Ciascuna domanda di CIGD dovrà interessare un periodo minimo di una settimana, pari a sette giorni consecutivi, compresi il sabato e la domenica, a prescindere dal giorno della  settimana di inizio. Nel caso di un periodo maggiore si dovrà trattare di un multiplo di 7.

La disciplina anche per tutte le altre Regioni è illustrata in "Coronavirus: gestione dei rapporti di lavoro: guida"  a cura del prof. P.Albi , da cui l'articolo è tratto.

1 FILE ALLEGATO:
Accordo quadro CIGD Veneto

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2021-01-31
Modello IVA 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 69,90 € + IVA invece di 74,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Rimborso trasferte 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 29,89 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Credito di imposta nuovi investimenti (excel)
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 49,90 € + IVA fino al 2021-02-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE