Speciale Pubblicato il 05/03/2019

Esterometro 2019: ecco come funziona

di Dott. Simone Dimitri - Dott.ssa Clara Pollet

esterometro

Fatturazione elettronica o comunicazione "esterometro" per le operazioni con soggetti esteri. Prorogata la scadenza al 30 aprile

Gli adempimenti ai fini IVA riguardanti le operazioni con l’estero, già di per sé articolati, dal 1° gennaio 2019 dovranno interfacciarsi con la fatturazione elettronica che è diventata obbligatoria in Italia per le operazioni in ambito B2B.

In linea di principio le operazioni con l'estero sono escluse dall’obbligo di fatturazione elettronica ma è stato introdotto un nuovo adempimento, il c.d. esterometro, per comunicare le operazioni effettuate da e verso operatori non residenti. Per evitare l’esterometro si può optare per la fatturazione elettronica delle operazioni attive verso l’estero. I soggetti passivi esteri identificati in Italia, se in un primo tempo sembravano dover rientrare tra i soggetti obbligati alla fatturazione elettronica (articolo 1, comma 909, della legge n. 205 del 2017) con la Circolare n. 13/E del 2 luglio 2018 e con l’art. 15 del Decreto fiscale sono stati esclusi dall’obbligo di fatturazione elettronica, in vigore dal 1° gennaio 2019.

Dopo annunci di slittamenti da una parte e minacce di astensione collettiva dall'altra, in extremis il giorno prima della scadenza inziale prevista il 28 febbraio 2019 è stata concessa la proroga al 30 aprile 2019 per gli esterometri relativi alle operazioni dei mesi di gennaio e febbraio 2019.

Questo articolo è  un estratto della Circolare del Giorno 230/2018 Fatturazione soggetti esteri identificati redatta dagli stessi autori e disponibile anche nell'abbonamento alla Circolare del Giorno 

Scarica l'ebook Esterometro 2019 per approfondire e restare aggiornato. L'ebook prevede infatti sei mesi di aggiornamento gratuiti.

Ti potrebbe interessare dello stesso autore Iva e operazioni intra ed extra comunitarie (Pacchetto)

Pacchetto contenente 2 ebook in pdf: Triangolazioni comunitarie ed extra comunitarie e Obblighi connessi agli scambi intra UE beni e servizi

Esterometro 2019: cos'è e quali operazioni include

Con l’introduzione della fatturazione elettronica scompare lo “spesometro” ossia la comunicazione generalizzata di tutte le fatture attive e passive comprese le bollette doganali. Il termine per inviare l’ultima comunicazione delle operazioni del secondo semestre 2018 era previsto il 28 febbraio 2019 ma in seguito alle polemiche e alle richieste degli operatori, in extremis è stata concessa la proroga al 30 aprile 2019 anche per lo spesometro. 

Rimangono confermate nel 2019, con regole invariate, le comunicazioni Intrastat per le operazioni con soggetti comunitari. A partire dalle fatture emesse o registrate dal 1° gennaio 2019, è introdotta una nuova comunicazione delle fatture relative ad operazioni transfrontaliere, il cosiddetto “esterometro”. Gli operatori IVA residenti comunicano le operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato.

Sono escluse dall’obbligo di comunicazione (quindi sono comunicate solo facoltativamente) le operazioni per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche.

Si riepilogano di seguito le operazioni da includere della comunicazione “esterometro”:

  • fatture emesse verso soggetti comunitari non stabiliti anche se identificati ai fini IVA in Italia, per i quali non è stata emessa fattura elettronica tramite SdI;
  • fatture ricevute da soggetti comunitari non stabiliti;
  • fatture emesse per servizi generici verso soggetti extracomunitari per cui non è stata emessa la fattura elettronica e per le quali non c’è una bolletta doganale;
  • autofatture per servizi ricevuti da soggetti extracomunitari;
  • autofatture per acquisti di beni provenienti da magazzini italiani di fornitori extraUe.

Esterometro 2019: cosa indicare

Nella nuova comunicazione occorre pertanto indicare anche le fatture emesse o ricevute da soggetti esteri non stabiliti ma solo identificati direttamente nel territorio dello Stato oppure con rappresentante fiscale. A tal fine occorre indicare nell’esterometro l’acquisto di merce che si trova in Italia con fattura ricevuta:

  • da fornitore comunitario (integrazione della fattura senza Intrastat);
  • da fornitore extracomunitario (autofattura).

Allo stesso modo occorre indicare nell’esterometro le fatture emesse per vendita di beni con consegna in Italia nei confronti di un cliente estero identificato in Italia.
A differenza delle precedenti, le fatture attive e passive che hanno come controparte un soggetto stabilito nel territorio dello Stato, non sono incluse nell’esterometro.
È possibile inoltre non comunicare l’operazione nell’esterometro se viene emessa fattura elettronica con indicazione, tra i dati anagrafici del cessionario, del Codice Destinatario “XXXXXXX” (esclusivamente per i dati delle fatture emesse).

Affinché il file xml sia accettato dal sistema dell’Agenzia delle Entrate predisposto per la ricezione dei file (di seguito Sistema Ricevente), il responsabile della trasmissione (il soggetto obbligato o un suo delegato) deve apporvi una firma elettronica (qualificata o basata su certificati Entrate) oppure, solo in caso di invio del file tramite upload sull’interfaccia web del servizio “Fatture e Corrispettivi”, il sigillo elettronico dell’Agenzia delle Entrate.

  EMISSIONE FATTURA ELETTRONICA VERSO
TIPOLOGIA CLIENTE Non residenti, non stabiliti ma identificati Non residenti, non stabiliti, non identificati
CODICE DESTINATARIO “0000000” “XXXXXXX”
FIRMA ELETTRONICA NO SI
OBBLIGO DI RIPORTARE L’OPERAZIONE NELL’ESTEROMETRO NO NO


E' possibile trasmettere i dati con un file compresso (.zip) non firmato se tutti i file xml in esso contenuti sono firmati. Se, invece, i file xml non sono tutti firmati, il file compresso deve essere obbligatoriamente firmato.

Esterometro 2019: informazioni da trasmettere

Con riferimento alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, gli operatori IVA residenti trasmettono con l’esterometro le seguenti informazioni:

  • i dati identificativi del cedente/prestatore,
  • i dati identificativi del cessionario/committente,
  • la data del documento comprovante l’operazione,
  • la data di registrazione (per i soli documenti ricevuti e le relative note di variazione),
  • il numero del documento,
  • la base imponibile,
  • l’aliquota IVA applicata e l’imposta ovvero, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione.

Esterometro 2019: modalità di trasmissione

È possibile trasmettere i dati con un file compresso (.zip) non firmato se tutti i file xml in esso contenuti sono firmati. Se, invece, i file xml non sono tutti firmati, il file compresso deve essere obbligatoriamente firmato.

Il file può essere inviato dall’interfaccia “Fatture e corrispettivi”. Non è possibile trasmettere i file dati fattura (“Esterometro”) attraverso la piattaforma Desktop telematico. La trasmissione telematica è effettuata entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello della data del documento emesso ovvero a quello della data di ricezione del documento comprovante l’operazione. Per data di ricezione si intende la data di registrazione dell’operazione ai fini della liquidazione dell’IVA.

La prima comunicazione mensile delle operazioni di gennaio doveva essere inviata entro il 28 febbraio 2019 ma come detto è stata prorogata al 30 aprile 2019. 




Prodotti per Redditi esteri, Fatturazione elettronica 2019

prodotto_fiscoetasse
13,46 € + IVA

IN PROMOZIONE A

12,40 € + IVA

fino al 30/08/2019

prodotto_fiscoetasse
12,40 € + IVA

IN PROMOZIONE A

10,48 € + IVA

fino al 15/09/2019

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

9,52 € + IVA

fino al 15/09/2019


Commenti

Gent.mi,

Potreste indicare/consigliare un foglio excel (da acquistare) per la compilazione dell'ESTEROMETRO (generando un file .xml).

Grazie mille Olivier

Commento di Olivier (09:21 del 30/01/2019)

Se registro delle fatture acquisto estere (per esempio con data emissione gennaio ) il 31/03/2019 Potro' fare lo spesometro direttamente ad Aprile?

Commento di stella (16:14 del 07/02/2019)

Essenzialmente l'esterometro non è altro che lo spesometro (comunicazione dati fatture attuale) con la sola indicazione delle fatture da e verso l'estero? corretto?

Commento di Andrea (09:10 del 08/02/2019)

Egr. Sigg., vorrei comprendere dove si trova il modulo per l'invio dell'esterometro. Non esiste traccia di quest'ultimo sul sito dell'Agenzia delle Entrate, tantomeno dall'interfaccia "Fatture e Corrispettivi" come indicato invece dalla vostra comunicazione. Grazie se vorrete fare chiarezza su questo importante punto....la scadenza è il 28/02/19 e ancora non si sa come inviare questa dichiarazione....

Commento di Lorenzo (18:22 del 11/02/2019)

Ma come fanno ad esserci commenti di fine gennaio o dei primi di febbraio se l'articolo risulta "Pubblicato il 05/03/2019" (oggi per me è il 05/03/2019).... Qualcosa non funziona come dovrebbe o forse l'articolo è stato aggiornato?

Commento di Atrano (12:29 del 05/03/2019)

Gent. Atrano, alcuni articoli, in caso di novità, vengono aggiornati. Questo articolo in particolare è stato aggiornato con la proroga della scadenza al 30 aprile. Cordialmente

Risposta di Redazione (15:07 del 05/03/2019) al commento di Atrano

si esatto l'articolo è stato aggiornato. forse bisognerebbe indicare le date dell'aggiornamento... ma a volte aggiorniamo continuamente e anche indicare le date non da' un valore in piu', perchè bisognerebbe indicare anche cosa è stato aggiornato.... cosa per un articolo complicata. grazie comunque dell'occasione che mi ha dato di precisare.

Risposta di Luigia (19:00 del 24/03/2019) al commento di Atrano

Buongiorno, lo dice la parola stessa ESTEROMETRO, che debba includere da e verso l'estero.Il mio programma di contabilità include anche fatture emesse intracomunitarie dove peraltro presento dichiarazione trimestrale. E' corretto includere anche questo tipo di documenti ? Mi confermate che è stata prorogata al 30.04.2019 la trasmissione di Gennaio e Febbraio ? Grazie mille e a presto

Commento di ERMECY (14:17 del 05/04/2019)

Comunicazione operazioni transfrontaliere , alla data odierna non risulta sul sito AdE in fatture e corrispettivi la possibilità di trasmissione del file in xml. Voi avete verificato la possibilità che si possa già trasmettere da oggi, 08/04/2019?

Commento di Francesco Butticè (18:17 del 08/04/2019)

Fattura comunitaria arrivata a gennaio 2019 ma riferita al mese di dicembre 2018 va inserita nell'esterometro?

Commento di ANNA (18:24 del 22/04/2019)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)