HOME

/

FISCO

/

PACE FISCALE 2021

/

PACE FISCALE 2018 PER SOCIETÀ SPORTIVE:COME FARE

Pace fiscale 2018 per società sportive:come fare

ASD e SSD: definizione agevolata atti di accertamento nel collegato fiscale alla legge di bilancio 2019

Con il decreto Legge 23 Ottobre 2018, n°119, è stata introdotta la tanto attesa Pace fiscale nella quale è stato dedicato un apposito articolo alle Associazioni sportive Dilettantistiche e alle Società Sportive Dilettantistiche. Il combinato disposto degli articoli 2 e 7 consente a tali enti sportivi, a condizione che siano iscritti al CONI, di definire gli atti del procedimento di accertamento notificati e sottoscritti entro il 24 ottobre con il pagamento ridotto della maggior parte delle imposte e degli interessi. Cerchiamo quindi di analizzare le peculiarità della “pace fiscale sportiva dilettantistica”.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondimenti sullo stesso tema ti consigliamo la Circolare del Giorno n°227 del 16.11.2018

1) Pace fiscale: requisito soggettivo per le società sportive

Il requisito soggettivo della definizione agevolata in oggetto è disciplinato dai commi 1 e 2 dell’art.7 d.l.119/2018, secondo i quali possono avvalersi dell’agevolazione le società e le associazioni sportive dilettantistiche iscritte nel registro del CONI. Il requisito dell’iscrizione è stato anche ulteriormente chiarito attraverso il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n° 301338/2018 secondo il quale: i soggetti interessati possono procedere alla definizione agevolata se nel periodo d’imposta oggetto di definizione risultano iscritti nel citato Registro.

Non potranno quindi avvalersi della procedura quei soggetti che, pur essendo attualmente iscritti nel registro del CONI, non lo erano nell’annualità accertata. Potranno invece beneficiarne quegli enti sportivi dilettantistici che oggi non risultino iscritti nel Registro del CONI ma lo sono stati all’epoca dell’annualità oggetto di accertamento.

2) Requisiti oggettivi della pace fiscale per ASD e SSD

Per quanto riguarda i requisiti oggettivi è opportuno specificare che ve ne è uno di carattere generale introdotto dal D.L.119/2018 e rivolto alla generalità dei contribuenti, nonché alle ASD e SSD, ed uno specifico per tali tipologie di Enti.

Il primo requisito è costituito dal fatto che è possibile aderire alla pace fiscale in esame solo per quegli atti del procedimento di accertamento, notificati e sottoscritti entro il 24 Ottobre 2018. Per tali atti, inoltre, non deve essere stata operata l’impugnazione dell’atto ma deve essere ancora possibile farlo in quanto la legge richiede espressamene che si tratti di atti non impugnati ma ancora impugnabili.

Il provvedimento 301338/2018 pubblicato dall’ Agenzia il 14 novembre, attraverso un rimando al provvedimento 298724/2018 del 9 novembre, ha chiarito che possono essere oggetto di definizione anche:

  • gli inviti al contraddittorio (per i quali entro il 24 ottobre non è stato ancora sottoscritto e perfezionato un avviso di accertamento con adesione o notificato un avviso di accertamento);
  • gli accertamenti con adesione (sottoscritti entro il 24 Ottobre, non perfezionati e ancora perfezionabili alla stessa data);

Altro requisito oggettivo è rappresentato da un limite quantitativo introdotto dal coma 3 dell’art.7 D.L.119/2018 il quale recita: “La definizione agevolata… è preclusa se l’ammontare delle sole imposte accertate o in contestazione, relativamente a ciascun periodo d’imposta, per il quale è stato emesso avviso di accertamento o è pendente reclamo o ricorso, è superiore a euro 30 mila per ciascuna imposta, IRES o IRAP, accertata o contestata”. Sostanzialmente quindi vi è un limite quantitativo di 30.000 euro a cui fare riferimento:

  • per ogni anno accertato,
  • per ogni singola imposta accertata (IRES o IRAP).

L’Iva non rientra invece entro tale limite in quanto, come si dirà a breve, deve essere versata per intero.

Qualora la società o l’associazione sportiva dilettantistica superi il suddetto limite è possibile tuttavia aderire alle definizioni disciplinate, per la generalità dei contribuenti, dall’ artt. 2 del DL.119/2018. È quindi previsto che gli enti nei confronti dei quali siano state accertate imposte superiori a 30.000 euro (considerate singolarmente e per ogni esercizio) possano usufruire della definizione, seppur meno vantaggiosa, prevista per il resto dei contribuenti e pagare l’intero importo delle somme accertate a titolo d’imposta e non pagare nulla che riguardi sanzioni e interessi.

Imposta accertata
Maggiore di 30.000 euro minore di 30.000 euro

Definizione agevolata ex art.2

Definizione agevolata ex art.7

3) Pace fiscale ASD e SSD: quanto pagare

Per avvalersi dell’agevolazione è necessario che venga versato un importo pari alla metà delle maggiori IRES e IRAP o il totale della maggiore IVA indicata nell’atto di accertamento.

Deve essere inoltre versato il 5% delle sanzioni ed il 5 % degli interessi dovuti mentre nulla deve essere versato per quanto riguarda eventuali oneri accessori come ad esempio le spese di notifica.

Per quanto riguarda le sanzioni, il 5% deve essere calcolato sul totale delle sanzioni irrogate, così come riportate nel provvedimento di irrogazione presente nell’atto da definire, considerando sia le sanzioni che hanno concorso alla determinazione del cumulo giuridico (indicate nel prospetto A), sia quelle che non vi hanno concorso (indicate nel prospetto B).

In merito agli interessi il 5% deve essere calcolato sull’importo degli ulteriori interessi relativi a ciascuna imposta, a tale importo deve essere aggiunto il 5% degli ulteriori interessi per ogni giorno successivo sino alla data di pagamento inclusa.

4) Pace fiscale: i termini della definizione

Se gli accertamenti con adesione sottoscritti entro il 24.10.2018, potevano essere perfezionati ai sensi dell'art. 9 del D.Lgs. n. 218/1997, con il pagamento, entro il termine di cui all'articolo 8, comma 1, del decreto 119/2018 (20 giorni) e quindi entro il 13 novembre, per tutti gli atri atti è ancora possibile procedere all’adesione.

La disciplina prevede infatti che per gli altri atti di accertamento la definizione debba avvenire entro 30 giorni dal 24.10.2018 (termine: 23.11.2018) o, se più ampio, entro il termine di cui all'art. 15, comma 1, del D. Lgs. 19.6.1997, n. 218, che residua dopo la data di entrata in vigore del decreto. Tale ultimo termine è quello concesso per il ricorso (ordinariamente, 60 giorni): se quindi il termine per il ricorso rimane più ampio di quello di 30 giorni dal 24.10.2018, la definizione può avvenire entro il termine del ricorso.

5) Modalità di adesione alla pace fiscale

La definizione si perfeziona con il versamento in unica soluzione o della prima rata entro il termine del 23 novembre 2018 o, se più ampio come detto pocanzi, entro il termine utile per la proposizione del ricorso.

In caso di pagamento rateale, il versamento delle somme può essere effettuato con un massimo di venti rate trimestrali di pari importo. Le rate successive alla prima devono essere versate entro l’ultimo giorno di ciascun trimestre. Sull’importo delle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi legali.

Per predisporre correttamente il pagamento gli enti sportivi dilettantistici devono utilizzare i dati presenti nel prospetto per la compilazione del modello F24 ricevuto unitamente all’atto da definire, riducendo gli importi dei tributi del 50% e utilizzando i relativi codici tributo, il codice atto, il codice ufficio e l’anno di riferimento.

È necessario utilizzare un distinto modello F24 o F23 per ogni atto che viene definito e, inoltre, non è possibile avvalersi della compensazione.

Entro dieci giorni dal versamento in unica soluzione o della prima rata, il contribuente consegna all’ufficio competente la quietanza dell’avvenuto pagamento.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CORSI ACCREDITATI PER COMMERCIALISTI E REVISORI LEGALI 2021 · 23/10/2021 Revisori legali: abilitati dal Decreto Fiscale a presentare la dichiarazione con Entratel

Il Decreto Fiscale prevede che i revisori legali siano tra coloro che sono incaricati di presentare la dichiarazione con Entratel

Revisori legali: abilitati dal Decreto Fiscale a presentare la dichiarazione con Entratel

Il Decreto Fiscale prevede che i revisori legali siano tra coloro che sono incaricati di presentare la dichiarazione con Entratel

Rottamazione e notifica cartelle: tutte le novità nel Decreto Fiscale 2021 2022

Guida alle novità del decreto fiscale appena pubblicato in GU n 252 del 21 ottobre e riguardanti: cartelle di pagamento, dilazioni e rottamazione

Rottamazione ter e Saldo e stralcio: entro il 30.11 versamento rate scadute 2020 e 2021

Rottamazione-ter e Saldo e stralcio: slitta al 30.11.2021 il termine ultimo per il versamento delle rate 2020, come effettuare il versamento per non perdere i benefici

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.