Speciale Pubblicato il 26/07/2018

Come interpretare il rendiconto finanziario

di Dott. Napolitano Nicola

Tempo di lettura: 4 minuti
interpretare rendiconto

Le modalità di interpretazione della parte sintetica del rendiconto finanziario, per poter prendere opportune decisioni strategiche per il futuro

Il legislatore ha pensato bene di rendere obbligatorio il Rendiconto finanziario proprio perché si tratta di un documento fondamentale per la valutazione e l'analisi della gestione e per andare oltre la classica analisi di bilancio mediante indici e ratios.

Evitiamo quindi di redigere un documento solo perché obbligatorio per legge, ma sfruttiamo la sua capacità informativa a beneficio dell'imprenditore e i soci.

Il principio contabile OIC 10 definisce i criteri per la redazione del Rendiconto finanziario e ne elenca i benefici informativi in quanto permette di valutare:

  • Le disponibilità liquide prodotte/assorbite dalla gestione reddituale e le modalità di impiego/copertura;
  • La capacità della società o del gruppo di affrontare gli impegni finanziari a breve termine;
  • La capacità della società o del gruppo di autofinanziarsi.

Considerata l'obbligatorietà del Rendiconto finanziario, tranne esenzioni per microimprese e imprese che redigono il bilancio in forma abbreviata, è bene che chi redige il bilancio impieghi poi del tempo anche alla sua interpretazione a beneficio dell'imprenditore titolare.

In questo speciale illustreremo le modalità di interpretazione della parte sintetica del rendiconto, per avere una prima idea dei flussi finanziari che ha generato l'azienda nell'esercizio trascorso e per poter prendere opportune decisioni strategiche per il futuro. E' possibile anche interpretare il rendiconto finanziario in modo dinamico nel tempo per esaminare il trend dei diversi flussi di cassa effettuando un confronto tra più rendiconti ad esempio per gli ultimi tre esercizi.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per un completo approfondimento del Rendiconto finanziario e della sua interpretazione, ti segnaliamo a guida Come leggere e interpretare il Rendiconto finanziario.
Dello stesso autore leggi anche l'articolo Come interpretare il rendiconto finanziario: 5 casi pratici.



Lo schema sintetico di rendiconto finanziario OIC 10

Lo schema di Rendiconto suggerito dall'OIC 10 è abbastanza articolato e per procedere ad una sua interpretazione occorre farlo per gradi suddividendo il rendiconto in base alle categorie di voci di cui esso è composto.

Qui ci limiteremo ad affrontare l'interpretazione dello schema sintetico, ovvero quello contrassegnato solo dalle lettere maiuscole, che è il seguente:

SCHEMA SINTETICO DI RENDICONTO FINANZIARIO OIC 10

 
Anno n+1
Anno n
  1. FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALLA GESTIONE REDDITUALE
  1. FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALL'ATTIVITA' D'INVESTIMENTO
  1. FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALL'ATTIVITA' DI FINANZIAMENTO
Incremento (decremento) delle disponibilità liquide (A+-B+-C)
Disponibilità liquide al 1° gennaio anno n+1
Disponibilità liquide al 31 dicembre anno n+1

Le categorie contrassegnate con le lettere maiuscole indicano l'origine dei principali flussi finanziari generati dalla gestione aziendale e la loro lettura dà immediatamente contezza dell'origine dei flussi stessi, al fine di individuare le aree della gestione che hanno generato o bruciato liquidità.

Si espongono di seguito alcuni esempi di flussi finanziari relativi ad ognuna delle tre gestioni.

FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALLA GESTIONE REDDITUALE

  • Incassi dalla vendita di prodotti e dalla prestazione di servizi;
  • Pagamenti per l'acquisto di materie prime, semilavorati, merci e altri fattori produttivi;
  • Pagamenti per l'acquisto di servizi;
  • Pagamenti a dipendenti;
  • Pagamenti di imposte;
  • Incassi per proventi finanziari

FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALL'ATTIVITA' DI INVESTIMENTO

  • Acquisti o vendite di fabbricati, impianti, attrezzature o altre immobilizzazioni materiali;
  • Acquisti o vendite di immobilizzazioni immateriali, quali ad esempio i brevetti, marchi, concessioni;
  • Acquisizioni o cessioni di partecipazioni in imprese controllate e collegate;
  • Acquisizioni o cessioni di altre partecipazioni, altri titoli, inclusi titoli di Stato e obbligazioni, erogazioni di prestiti a terzi e incassi per il loro rimborso;

FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALL'ATTIVITA' DI FINANZIAMENTO

  • Incassi derivanti dall'emissione di azioni;
  • Pagamento di dividendi;
  • Pagamenti per il rimborso del capitale di rischio;
  • Incassi o pagamenti derivanti dall'emissione o dal rimborso di prestiti obbligazionari, titoli a reddito fisso, accensione o restituzione di mutui e altri finanziamenti a breve o lungo termine;
  • incremento o decremento di altri debiti, anche a breve o medio termine, aventi natura finanziaria.

E' importante che la gestione reddituale generi un flusso finanziario di segno positivo, stando ciò ad indicare una attività caratteristica che genera e non assorbe liquidità. Ciò è sintomo di una gestione sana.

Inoltre dal segno (positivo o negativo) delle altre due gestioni, di investimento e di finanziamento, possiamo affermare se l'azienda ha effettuato nuovi investimenti (gestione degli investimenti negativa) essendo questo anche un sintomo di crescita, o se stiamo restituendo regolarmente i capitali di finanziamento (gestione dell'attività di finanziamento negativa).

Infine è importante anche sapere di quanto le disponibilità liquide sono variate rispetto all'inizio dell'esercizio.

Esempio pratico di interpretazione dei flussi finanziari

Dal Rendiconto finanziario di una società di capitali, isoliamo e analizziamo il risultato dei flussi finanziari indicati nelle macro voci contrassegnate dalle lettere maiuscole (importi ipotetici):

 
Anno n (euro)
  1. FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALLA GESTIONE REDDITUALE
4.703.600
  1. FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALL'ATTIVITA' D'INVESTIMENTO
-4.403.000
  1. FLUSSI FINANZIARI DERIVANTI DALL'ATTIVITA' DI FINANZIAMENTO
-20.000
Incremento (decremento) delle disponibilità liquide (A+-B+-C)
253.600
  • A. Da tale sintesi è possibile dare un giudizio sulla dinamica dei flussi finanziari. Infatti la gestione reddituale , quella cioè relativa alle vendite di prodotti e ai pagamenti dei fattori produttivi, ha generato nuova liquidità, e questo è un elemento estremamente positivo per l'azienda. Un eventuale dato negativo indicherebbe la diminuzione di liquidità proprio a causa dell'attività caratteristica.
  • B. Il flusso dell' attività di investimento è negativo e questo sta ad indicare che l'azienda ha effettuato nuovi investimenti, e ciò è sintomo di crescita.
  • C. L'area dell' attività di finanziamento risulta negativa, in quanto sono stati rimborsati finanziamenti utilizzando quasi interamente un incremento di capitale proprio.
  • Infine le disponibilità liquide si sono incrementate di euro 253.600.

Questa interpretazione, anche se limitata e sintetica, dà già un'idea dell'andamento della gestione passata e ovviamente è bene che si proceda alle fasi successive di interpretazione e approfondimento mediante il successivo scompattamento delle singole macro voci nelle ulteriori voci del documento.

Si suggerisce inoltre di redigere il documento anche da parte delle società esentate da tale obbligo, considerata l'importanza informativa per chi deve prendere decisioni in azienda.




Prodotti consigliati per te

116,89 € + IVA
82,70 € + IVA
15,90 € + IVA
14,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)