Speciale Pubblicato il 17/09/2018

Pagamento stipendi con mezzi tracciabili: novità

di Zamberlan Dott. Ernesto

retribuzioni tracciabili bonifico online

Modalità, obblighi,divieti e sanzioni della nuova normativa sulla tracciabilità degli stipendi . I rimborsi spese non rientrano nell'obbligo

La legge di stabilità 2018, legge n. 205 2017  ha stabilito che   le retribuzioni o i compensi  dei lavoratori , sia subordinati che parasubordinati (collaboratori),  debbano essere corrisposti  esclusivamente con mezzi tracciabili. Niente piu denaro contante,  quindi, indipendentemente dall'importo e dalla tipologia di rapporto di lavoro instaurato.  La norma entra in vigore il 1 luglio 2018.

La finalità è quella di porre un freno agli abusi di datori di lavoro  che in molti casi consegnano una busta paga regolare ma erogano poi in contanti ai lavoratori somme inferiori, condotta cui i lavoratori sono costretti a sottostare per evitare di perdere il lavoro .

Nella lettera di accompagnamento del provvedimento si legge testualmente che "la ratio della disciplina, è chiaramente volta a contrastare la pratica diffusa tra alcuni datori di lavoro di corrispondere ai lavoratori, "sotto il ricatto del licenziamento o della non assunzione […], una retribuzione inferiore ai minimi fissati dalla contrattazione collettiva, pur facendo firmare […] una busta paga dalla quale risulta una retribuzione regolare".

A questo fine la norma specifica anche che la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce in alcun modo ricevuta di pagamento della retribuzione  riportata in essa.

Vediamo di seguito in dettaglio tutti gli obblighi e i divieti, sanzioni e i casi particolari sulle nuove modalità obbligatorie di  pagamento degli stipendi che  si applicano dal  1 luglio 2018, con  tutti i chiarimenti forniti dall'ispettorato del Lavoro fino ad oggi.  

Pagamento tracciabile delle retribuzioni: i casi in cui si applica

L'obbligo di utilizzo di mezzi tracciabili per l'erogazione degli stipendi  e dei compensi ai collaboratori si applica nei seguenti casi:

L'OBBLIGO DI TRACCIABILITÀ SI APPLICA

lavoro subordinato in qualsiasi forma e durata

contratti di collaborazione coordinata e continuativa;

contratti di lavoro  in qualsiasi forma tra le cooperative e i propri soci

I casi in cui è ancora possibile utilizzare il contante per le retribuzioni  sono i seguenti:

L'OBBLIGO NON SI APPLICA A:

lavoro  con la pubblica amministrazione

lavoro domestico

prestazioni occasionali ex art.2222 C.C

borse di studio

rimborsi spese per tirocini

CASO PARTICOLARE: "Anticipi di cassa": Nella nota n. 4538 del 22.5.2018 l'INL ha chiarito che per gli anticipi di cassa ai lavoratori ad es. per rimborsi spese di trasferta , il divieto di contante non si applica (non si tratta pero di una fonte normativa primaria e sono stati espressi dubbi  per cui si attende una conferma ministeriale).  A fronte dei dubbi espressi da molta stampa specializzata l'Ispettorato ha  ribadito l'assenza di obbligo di tracciabilità per il pagamento di rimborsi spese  sostenute dal lavoratore (viaggi, vitto, alloggio) anche nella nota n. 6201 del 16 luglio 2018,  a motivo del fatto che non si tratta di elementi della retribuzione. 

Aggiornamento del 12 settembre 2018

L' Ispettorato  del lavoro è intervenuto  nuovamente sul tema   con la nota n. 7396-2018 del 10 settembre 2018, mettendo in chiaro che  gli ispettori  potranno a effettuare controlli anche presso gli istituti di credito per ottenere le informazioni sulle modalità di pagamento .

Inoltre  ribadisce che la normativa riguarda la retribuzione ed anticipi di essa ,  non altre somme destinate al lavoratore a titolo diverso  (ad  esempio  anticipi e/o rimborso spese di viaggio, vitto, alloggio), che potranno,  quindi, continuare ad essere corrisposte in contanti. Per  quanto  riguarda  l’indennità  di  trasferta, però  in  considerazione  della  natura  “mista”   sia risarcitoria e che  retributiva delle somme,    essa andrà ricompresa negli obblighi di tracciabilità,  diversamente da quello che avviene  per rimborsi (chiaramente  documentati) se di natura solo restitutoria.

In tema di STRUMENTI DI PAGAMENTO CONSENTITI, l'ispettorato specifica che  si ritengono  tracciabili e quindi accettabili anche:

  • il  pagamento  in  contanti  presso  lo  sportello  bancario  o  postale  attraverso  un  conto corrente ordinario,  e non solo " di  tesoreria " con  mandato  di  pagamento,   come inizialmente indicato.
  • lo strumento del vaglia postale , in quanto  rientrante nella categoria degli "assegni consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato"  .

Per i vaglia  è necessario pero che siano rispettate  le  condizioni  e  le modalità  di cui all’art. 49, commi 7 e  8, del  D.Lgs. n. 231/2007:  “gli  assegni  circolari, vaglia  postali  e  cambiari sono  emessi  con  l'indicazione  del  nome  o  della  ragione sociale  del  beneficiario  e  la  clausola  di  non  trasferibilità" e “il  rilascio  di  assegni  circolari,  vaglia  postali  e cambiari, di importo inferiore a 1.000 euro può essere richiesto, per iscritto, dal cliente senza la clausola di non trasferibilità” –  devono essere esplicitati nella causale i dati essenziali dell’operazione  (indicazione  del  datore  di lavoro che effettua il versamento e del lavoratore/ beneficiario, data ed importo dell’operazione ed il mese di riferimento della retribuzione).

Tutti i mezzi tracciabili consentiti oggi dalla normativa

MEZZI TRACCIABILI CONSENTITI PER IL PAGAMENTO DEGLI STIPENDI/COMPENSI

bonifico bancario

strumenti di pagamento elettronico : Carte di credito, Carte ricaricabili, Paypal, Bonifico bancario online , Vaglia postale 

pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia un conto corrente di tesoreria, con mandato di pagamento a nome del lavoratore, oppure un conto corrente ordinario 

assegno bancario o circolare consegnato direttamente al lavoratore o a un suo delegato.

In particolare, con la nota 5828 del 4.7.2018 l'INL ha specificato che tra gli strumenti di pagamento elettronico rientra anche il versamento degli importi su carta di  credito prepagata intestata al lavoratore, anche laddove la carta non sia collegata ad un IBAN. In questo ultimo caso, per consetire la tracciabilità  dell'operazione, il datore di lavoro dovrà conservare le ricevute di  versamento anche ai fini della loro esibizione agli organi di vigilanza.

Inoltre il pagamento dei soci lavoratori di cooperativa, che sono anche  prestatori, ossia intrattengono con la cooperativa un rapporto di prestito  sociale, potrà avvenire anche attraverso versamenti su "libretto del prestito",  aperto presso la medesima cooperativa, a condizione che:
 questa modalità di pagamento sia stata richiesta per iscritto dal socio lavoratore prestatore;
 il versamento sia documentato nella "lista pagamenti sul libretto" a cura dell'Ufficio paghe, e sia attestato dall'Ufficio prestito sociale che verifica l'effettivo accreditamento il giorno successivo alla sua effettuazione.

Si ricorda  che la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga  retribuzione non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione. Ciò è stato ribadito anche con la nota 5828 del 4.7.2018 dell'INL anche se l’obbligo di redigere la busta paga è prevista dall’art. 1 L. n. 4/1953 e  la sottoscrizione per ricevuta di tale prospetto non è mai stata considerata  quietanza dell’avvenuto pagamento della retribuzione. 

Le sanzioni per violazione dell'obbligo di pagamento tracciabile

Per i datori di lavoro o i committenti che violano le disposizione sulla corresponsione della retribuzione, viene comminata una sanzione amministrativa pecuniaria  che va da 1.000 euro a 5.000 euro. 
Da sottolineare che  la violazione puo essere rilevata dall'Ispettorato per:
mancato utilizzo dei mezzi di pagamento previsti
utilizzo dei mezzi tracciabili  non andato a buon fine, ad es. revoca del bonifico, annullamento dell'assegno mancanza di fondi nel conto addebitato ecc.

L'Ispettorato del Lavoro ha chiarito che essendo una violazione non materialmente sanabile una volta ravvisata , non sarà possibile diffidare il datore di lavoro a provvedere alla regolarizzazione .
Sarà possibile, invece, pagare una somma:

  • ridotta a 1/3 del massimo della sanzione prevista;
  •  o, se più favorevole, pari al doppio del relativo importo;

oltre alle spese del procedimento.
La sanzione dovuta  sarà  €1.667 (5.000/3) da versare tramite il mod. F23 con il codice tributo "741T", entro 60 giorni dalla  notifica del verbale di accertamento.

Con la nota n. 5828 del 4.7.2018 l'INL ha chiarito che la sanzione: 

  1.  prescinde dal numero di  lavoratori interessati quindi è la stessa per il pagamento non tracciabile sia  1 che di  5 lavoratori  ma
  2. è applicata in base al  numero di mesi nei quali la violazione si è verificata.

Cosa succederà con il Governo Conte?

La legge di stabilità 2018 prevedeva anche che entro 3 mesi dalla data di entrata in vigore  il Governo stipulasse una convenzione con le associazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro maggiormente rappresentative, l'Associazione bancaria italiana (ABI) e la società Poste italiane Spa, per promuovere la conoscenza e la corretta attuazione delle nuove disposizioni in tema di pagamento degli stipendi.

In realtà il cambio di Governo e le dichiarazioni di alcuni suoi rappresentanti vanno in tutt'altra direzione. E' stato infatti preannunciato dal vicepremier Salvini  un provvedimento che dovrebbe eliminare qualsiasi divieto di utilizzo di contante, non solo per le retribuzioni;  tale divieto , istituito inizialmente dal Governo Monti con finalità antiriciclaggio e anti evasione,  è  attualmente fissato a 3mila euro per qualsiasi transazione commerciale.  Questa nuova norma potrebbe dunque essere a breve modificata. Seguiremo ovviamente gli sviluppi reali dei molti annunci di questi giorni e vi  daremo conto immediatamente delle novità.




Prodotti per La busta paga 2018, Legge di bilancio 2019, La rubrica del lavoro

prodotto_fiscoetasse

SCARICALO A

39,00 €

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

14,33 € + IVA

fino al 30/06/2019

prodotto_fiscoetasse
14,33 € + IVA

IN PROMOZIONE A

12,40 € + IVA

fino al 15/06/2019

prodotto_fiscoetasse
20,96 € + IVA

IN PROMOZIONE A

15,29 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

14,33 € + IVA

fino al 20/05/2019

prodotto_fiscoetasse
32,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

27,20 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
18,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

15,30 € + IVA


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)