HOME

/

PMI

/

IMPRESE E LAVORO NEL MONDO

/

COME CAMBIA L'IVA IN SVIZZERA DAL 1 GENNAIO 2018

Come cambia l'Iva in Svizzera dal 1 gennaio 2018

Nuovi criteri di assoggettamento all'imposta sul valore aggiunto Iva in Svizzera per aiutare le imprese svizzere

Con l’1 gennaio 2018 entra in vigore la modifica alla legge sull’IVA svizzera (LIVA; RS 641.20), che sostanzialmente, intervenendo sull’art. 10, cpv 2, lett. a, e 14, cpv 1, lett. b, introduce nuovi criteri sull’assoggettamento all’imposta, che interessano anche le imprese estere.
La sua adozione è determina dalla necessità di eliminare gli svantaggi concorrenziali che le imprese svizzere soffrono rispetto a quelle estere che non sono assoggettate all’imposta.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti potrebbe interessare dello stesso autore La Fiscalità Internazionale delle Imprese

1) Come cambia l'Iva in Svizzera

In base a tale modifica la cifra d’affari annua proveniente da operazioni imponibili oltre la quale è obbligatorio annunciarsi all’AFC è di CHF 100’000- calcolata sull’attività commerciale svolta non più solo in Svizzera, ma a livello mondiale.

Pertanto dall’1 gennaio 2018 saranno obbligatoriamente tenute a identificarsi ai fini dell’IVA svizzera le imprese che, sebbene in Svizzera non raggiungano una cifra d’affari superiore al minimo stabilito, comunque raggiungano complessivamente tale cifra, anche in base all’attività estera.
Il raggiungimento del limite dovrà essere determinato secondo il diritto svizzero, e quindi sulla controprestazione, come se le prestazioni fossero state rese in Svizzera: ciò comporterà un maggiore onere per gli operatori esteri che dovranno rideterminare la loro operatività mondiale secondo la legislazione elvetica.
L’inizio dell’assoggettamento si ha con l’avvio dell’attività imprenditoriale sul territorio svizzero e quindi nel momento in cui l’impresa estera esegue per la prima volta una prestazione su detto territorio. L’annunciazione va fatta entro trenta giorni dallinizio dell’assoggettamento.
A tale proposito all’impresa estera iscritta nel registro dei contribuenti IVA è fatto obbligo di nominare, con apposta dichiarazione diretta all’AFC, un rappresentante fiscale che allestisca periodicamente l’IVA e s’impegni a che i rendiconti siano inoltrati e pagati entro i termini.
Il rappresentante può essere una persona fisica o giuridica con domicilio o sede in Svizzera: non deve necessariamente essere un ufficio fiduciario, un avvocato o un appartenente a una determinata categoria professionale, bensì può essere anche una persona privata.
Al momento dell’iscrizione nel registro dei contribuenti IVA, l’impresa estera deve anche prestare una fideiussione irrevocabile a copertura degli importi dovuti per legge all’AFC: questa dev’essere emessa da una banca domiciliata in Svizzera o dev’essere fornito un deposito in contanti,
Si ricorda che dal 1 agosto 2017 la garanzia va determinata calcolando il 3% dell’ammontare della cifra d’affari che si prevede di realizzare in territorio svizzero, con un minimo di CHF 2’000- e un massimo di CHF 250’000-.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IMPRESE E LAVORO NEL MONDO · 15/10/2021 Brexit: addio Europa, benvenuta America

Il Regno Unito tratta un accordo di libero scambio che rafforzerebbe l’asse finanziario tra New York e Londra

Brexit: addio Europa, benvenuta America

Il Regno Unito tratta un accordo di libero scambio che rafforzerebbe l’asse finanziario tra New York e Londra

Regno Unito e Italia: Il lavoro a distanza aspetti fiscali e previdenziali

Lavoratori che a causa della pandemia hanno prestato la propria attività da remoto e in particolare dall'Italia per un datore di lavoro inglese: l'Agenzia chiarisce

La tassazione del personale di volo

La tassazione del reddito di lavoro dipendente del personale di volo delle compagnie aeree in servizio internazionale

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.