HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

AFFISSIONE CODICE DISCIPLINARE: OBBLIGATORIA PER LE PRASSI AZIENDALI

Affissione codice disciplinare: obbligatoria per le prassi aziendali

Obbligatorietà dell'affissione del codice disciplinare e licenziamento per giustificato motivo nella sentenza n. 4826 2017 della Cassazione lavoro

La sentenza della Cassazione lavoro  n.  4826 2017 ha ribadito che  la pubblica affissione del codice disciplinare non è necessaria per sanzionare condotte del lavoratore  in violazione di norme di legge o norme di "minimo etico" ,  cioè comunemente reputate condannabili dal senso comune. Il  licenziamento disciplinare  per giustificato motivo oggettivo in questo caso quindi è legittimo. L'affissione è da ritenersi necessaria  invece per elencare gli obblighi per i lavoratori che derivino da specifiche prassi operative aziendali o locali che potrebbero  non essere note ai lavoratori.

Un dipendente del Comune di Campobasso aveva impugnato il licenziamento che gli era stato  intimato per giustificato motivo soggettivo ,affermato a causa di  numerose assenze ingiustificate . Il Tribunale aveva deciso con sentenza non definitiva la parte della domanda avente ad oggetto l'impugnazione del licenziamento. In particolare, il Tribunale aveva ritenuto che a fronte delle prove  documentali e delle sanzioni disciplinari già irrogate,  nessuna delle giustificazioni addotte fosse rilevante. Il lavoratore aveva infatti dichiarato di assentarsi dal lavoro per assistere i genitori malati, e giustificandosi con il malfunzionamento della macchinetta marcatempo,  e contestando la mancata affissione del codice disciplinare.

Il lavoratore ha poi presentato ricorso per cassazione, affidandosi a due motivi :
1) il Comune non aveva adempiuto all'obbligo di provare la giusta causa e il giustificato motivo di licenziamento;
2) vi è stata la violazione dell'art. 25 del CCNL, del personale del comparto Regioni e autonomie locali e dell'art. 7, comma 1, della legge n. 300 del 1970; in particolare, la Corte d'Appello si limitava a richiamare la motivazione resa in primo grado, senza effettuare un'analisi critica dei contenuti del gravame, che richiedevano la necessità di una diversa e nuova valutazione delle risultanze istruttorie. Infatti, il ricorrente aveva dedotto l'illegittimità/nullità/inefficacia dei provvedimenti disciplinari per la violazione della disciplina normativa e contrattuale ed in particolare il punto 10 dell'art. 25 del CCNL di settore che prevedeva l'affissione del codice disciplinare, obbligo che il Comune di Campobasso non aveva ottemperato .

I giudici della Cassazione hanno rigettato il ricorso,  in quanto hanno applicato il principio giurisprudenziale maggioritario, secondo cui “in materia di licenziamento disciplinare, il principio di necessaria pubblicità del codice disciplinare mediante affissione in luogo accessibile a tutti non si applica nei casi in cui il licenziamento sia irrogato per sanzionare condotte del lavoratore che concretizzano violazione di norme penali o che contrastano con il cosiddetto "minimo etico", mentre deve essere data adeguata pubblicità al codice disciplinare con riferimento a comportamenti che violano mere prassi operative, non integranti usi normativi o negoziali”.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire scarica il commento completo Affissione o meno del codice disciplinare? con orientamenti giurisprudenziali e testo integrale della sentenza.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 11/08/2022 Bollette gas: nuova tutela ad anziani,famiglie svantaggiate e disabili

Il Decreto aiuti bis introduce una nuova tutela contro il caro bollette per le forniture di gas ad una ampia la platea di soggetti: disabili, over 75, isole minori, terremotati

Bollette gas: nuova tutela ad anziani,famiglie svantaggiate e disabili

Il Decreto aiuti bis introduce una nuova tutela contro il caro bollette per le forniture di gas ad una ampia la platea di soggetti: disabili, over 75, isole minori, terremotati

Fringe benefits e bonus bollette aziendali: soglia  più alta con il DL Aiuti bis

La soglia di esenzione del welfare aziendale incrementata a 600 euro potrà ricomprendere erogazioni liberali per il pagamento delle utenze domestiche

Aiuti bis: contributi al trasporto pubblico locale

Nuovo fondo per le imprese di trasporto pubblico locale su strada, mare, laghi e ferroviario nel decreto Aiuti bis n. 115 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.