HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

ACCERTAMENTI SULLE PRESTAZIONI GRATUITE DEL PROFESSIONISTA

Accertamenti sulle prestazioni gratuite del professionista

Prestazioni gratis verso familiari e amici: rischio accertamento sempre più forte. L'amministrazione non crede alla gratuità e teme compensi "in nero"

La Fondazione nazionale dei dottori commercialisti il 31 gennaio 2017 ha pubblicato un approfondimento sull’accertamento delle prestazioni rese a titolo gratuito dal professionista a cura di Maria Adele Morelli e Andrea di Gialluca. Il motivo del focus va ricercato nel fatto che recentemente c’è stata un’intensificazione da parte dell'Amministrazione finanziaria di accertamenti presuntivi basati su compensi non dichiarati per prestazioni gratuite rese dal professionista a parenti e amici.
Come indicato nella premessa del documento  “In generale, sembra che l’atteggiamento degli Uffici sia quello di un certo scetticismo nell’ipotesi in cui i professionisti sostengono di lavorare gratuitamente, per amicizia o per legami di parentela, giacché tali comportamenti sarebbero in realtà poco razionali e celerebbero proventi incassati in evasione d’imposta.”
In questo approfondimento, cerchiamo di fare il punto su questi particolari accertamenti.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Abbonati alla Banca Dati utility: Centinaia di strumenti per il lavoro pratico del Professionista, sempre al tuo fianco con tutto ciò che ti serve, dove e quando ti serve!

1) Prestazioni gratuite del professionista: il rischio accertamento

Il motivo dell’accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria è la presunzione di incassi da parte dei professionisti di proventi “in nero”. Di norma procedono all’accertamento analitico-induttivo previsto

  • dall’art. 39, comma 1, lett. d), d.P.R. n. 600 del 1973 (ai fini delle imposte dirette)
  • dall’art. 54, comma 2, d.P.R. n. 633 del 1972 (ai fini dell’IVA)

che si applica in presenza di determinate condizioni, ovvero

  • l’incompletezza,
  • la falsità,
  • l’inesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione sulla base di documenti o notizie raccolte dall’Amministrazione Finanziaria.

Come chiarito nella guida FNC di ieri “Utilizzando gli strumenti informativi a sua disposizione e/o per mezzo di questionari e controlli esercitati presso lo studio del professionista l’Amministrazione Finanziaria contesta l’omessa fatturazione dei compensi relativi a prestazioni rese dal professionista a titolo gratuito, ritenendo irragionevole ed “anti economico” lo svolgimento di un’attività senza che sia percepito alcun compenso. Ne consegue la ricostruzione di un maggior reddito professionale e la ripresa a tassazione dei compensi che si presumono percepiti dal professionista per la prestazione resa nel periodo d’imposta a titolo oneroso (nonché l’irrogazione di sanzioni per infedele dichiarazione e per omessa fatturazione).”

2) Accertamento prestazioni gratuite del professionista: le sentenze

Il tema è stato più volte affrontato dalla giurisprudenza tributaria,  e una delle sentenze più importanti è la Cassazione n. 21972 del 2015. In pratica, secondo la Suprema Corte, l’Amministrazione Finanziaria non può accertare un maggior reddito in capo ad un consulente sulla base della semplice presunzione secondo cui i professionisti non sono soliti prestare i propri servizi a titolo gratuito. È plausibile, infatti, che un professionista possa svolgere parte della propria attività senza percepire alcun compenso, per ragioni di amicizia, parentela o di mera convenienza.
Tuttavia le vicende processuali continuano ad avere esiti diversi, alcune volte viene riconosciuta la gratuità delle operazioni del professionista, mentre altre volte viene confermata la ripresa a tassazione di quanto, secondo l’amministrazione finanziaria, è stato “non dichiarato”.

3) Il comunicato dell’ANC per dissociarsi dagli accertamenti

Con Comunicato stampa del 30 maggio 2016 l'ANC (Associazione Nazionale Commercialisti) dissociandosi da questo comportamento dell'amministrazione finanziaria ha precisato che nel procedere a questi accertamenti " L’Agenzia delle Entrate non tiene conto di una serie di circostanze. "
I rilievi che l'ANC antepone sono i seguenti

  • "l’attività dichiarativa è spesso esercitata a margine di una consulenza più ampia, la cui entità economica viene spesso calcolata con un forfait annuale che comprende diversi servizi quali la contabilità, le buste paga ecc…
  • la cerchia della prestazione gratuita non sempre è limitata ai congiunti
  • le tariffe realmente applicate sono diverse da quanto previsto dall'Amministrazione finanziaria e non sono chiari "i presupposti su cui detti importi siano stati determinati, uniformando le casistiche più diverse che si possono presentare nell’ambito di un tipo di dichiarazione."

4) Accertamento prestazioni gratuite del professionista: come difendersi

Uno dei problemi maggiori è come possa il professionista dimostrare di non aver effettivamente ricevuto nulla per la sua prestazione. Un possibile strumento di difesa è la predisposizione di lettere di incarico professionale dalle quali si evinca chiaramente la gratuità della prestazione.
Per quanto riguarda le prestazioni gratuite rese verso società, la documentazione societaria (es. delibere che stabiliscono il compenso dell’amministratore, lo statuto, mastrini contabili di cassa o banca e quelli riferiti al professionista) che evidenzia la gratuità della prestazione del professionista, è una prova difficilmente superabile dall’Agenzia delle Entrate.
Il problema principale, rimangono proprio i privati, non tenuti ad obblighi di contabilità e/o di conservazione di documenti.

Allegato

FNC accertamento prestazioni gratuite
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.