HOME

/

DIRITTO

/

PRIVACY 2022

/

WHATSAPP E FACEBOOK E LA PRIVACY DEGLI UTENTI

WhatsApp e Facebook e la privacy degli utenti

La Policy Privacy di WhatsApp è stata aggiornata. WhatsApp è stato acquistato da Facebook: il Garante della Privacy ha avviato una istruttoria

Il servizio di messaggistica più diffuso nel mondo, WhatsApp,  ha aggiornato, pubblicandola sul proprio sito, la Policy Privacy.
Gli utenti, entro il 25 settembre, dovevano decidere se accettare o meno  le nuove condizioni riportate nel messaggio di avviso Whatsapp.
L’intento, a detta della proprietà, è stato quello di realizzare Servizi con un “livello di privacy elevato.”
Poiché  WhatsApp è stato acquistato da Facebook, si spiega che non ci sarà una commistione tra i due brand, per cui “Nulla di ciò che gli utenti condividono su WhatsApp, compresi i messaggi, le foto, e le informazioni dell'account, sarà pubblicato su Facebook o su altre applicazioni del nostro gruppo di applicazioni per essere visto da altri, e nulla di ciò che viene pubblicato su queste applicazioni sarà condiviso su WhatsApp per essere visto da altri.“
In realtà questa release della informativa sulla privacy è il preludio a  Facebook affinchè possa capitalizzare al meglio l’investimento fatto con l’acquisto avvenuto nel 2014.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Segui tutti gli aggiornamenti nel dossier dedicato alla Privacy

Tutta la normativa aggiornata sulla Privacy nel Commento breve al Regolamento europeo per la privacy

1) La nuova privacy policy di Whatsapp e la condivisione di dati con Facebook

La nuova privacy policy di Whatsapp introduce la possibilità di condividere alcune informazioni dell’account Whatsapp con Facebook.
Chi non intende accettare la nuova condizione può farlo, togliendo la spunta alla voce relativa alla condivisione dati con Facebook che si trova in coda al contratto di utilizzo aggiornato. Si specifica, comunque, che le chat e il numero di telefono non verranno condivisi su Facebook a prescindere da questa impostazione.
La privacy degli utenti sarebbe garantita dal fatto che WhatsApp non può leggere i messaggi, che, peraltro, non vengono neanche memorizzati.
Sempre nella Policy si legge che, “la iscrizione a WhatsApp comporta l’accettazione delle  procedure sui dati, inclusi la loro raccolta, il loro utilizzo, l'elaborazione e la condivisione delle sue informazioni come da descrizione contenuta nella nostra Informativa sulla privacy, nonché il trasferimento e l'elaborazione delle informazioni negli Stati Uniti e in altre nazioni a livello globale in cui sono presenti le nostre strutture, i nostri fornitori di servizi o i nostri partner, indipendentemente dal luogo in cui vengono utilizzati i nostri Servizi. L'utente prende atto che le leggi, le norme e gli standard del Paese in cui vengono archiviate o elaborate le sue informazioni potrebbero essere diversi da quelli vigenti nella sua nazione.”
Questo aspetto merita di essere valutato con attenzione in quanto si discute di trasferire dati personali degli utenti negli Stati Uniti, ove il governo può chiedere – per motivi che attengono alla sicurezza nazionale – di accedere ai data base di società come F.B.

2) La posizione del Garante sulla modifica della privacy policy WhatsApp

Attraverso un comunicato stampa, del 27 settembre 2016, il Garante per la protezione dei dati personali ha avvisato di avere avviato “un'istruttoria a seguito della modifica della privacy policy effettuata da WhatsApp a fine agosto che prevede la messa a disposizione di Facebook  di alcune informazioni riguardanti gli account dei singoli utenti di WhatsApp, anche per finalità di marketing.”
A tale scopo il Garante ha invitato WhatsApp e Facebook a fornire tutti gli elementi utili alla valutazione del caso.
In particolare ha chiesto di conoscere nel dettaglio:
• la  tipologia di dati che WhatsApp intende mettere a disposizione di Facebook;
• le modalità per la acquisizione del consenso da parte degli utenti alla comunicazione dei dati;
• le misure per garantire l'esercizio dei diritti riconosciuti dalla normativa italiana sulla privacy, considerato che dall'avviso inviato sui singoli device la revoca del consenso e il diritto di opposizione sembrano poter essere esercitati in un arco di tempo limitato.
Il Garante ha chiesto inoltre di chiarire se i dati riferiti agli utenti di WhatsApp, ma non di Facebook, siano anch'essi comunicati alla società di Menlo Park, e di fornire elementi riguardo al rispetto del principio di finalità, considerato che nell'informativa originariamente resa agli utenti  WhatsApp non faceva alcun riferimento alla finalità di marketing.
Perplessità  e preoccupazioni  sono state espresse anche da Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, che in una comunicazione all’Ansa  del 27 settembre 2016 rileva come Facebook e Whatsapp, acquisiscano anche i dati di chi non usufruisce dei servizi che erogano e a tale proposito fa l’esempio di chi si trova all’interno di una rubrica telefonica di un utente di Whatsapp, i cui dati vengono di fatto acquisiti, senza che gli sia stato richiesto il rilascio di una autorizzazione in merito.
Questa procedura, di acquisizione dei dati (indirizzi) anche di chi non è iscritto Facebook e Whatsapp rappresenta una palese violazione della privacy perché va a ledere il principio di autodeterminazione che regola tutta la normativa in materia di protezione dei dati personali.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IDENTITÀ DIGITALE · 12/05/2022 Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Cybersicurezza: le raccomandazioni dell'ANC sui prodotti legati alla Russia

Agenzia Nazionale Cybersicurezza: le raccomandazione della Circolare 4336/2021 sui prodotti legati al territorio russo

Come bloccare le chiamate indesiderate: in arrivo il nuovo Registro delle opposizioni

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpr sul nuovo Registro pubblico delle opposizioni: dal 31 luglio sarà possibile opporsi al telemarketing selvaggio anche da cellulare

Registro pubblico oppositori: le regole in vigore dal 14.04

In GU n 74 del 29.03.2022 pubblicate le regole istituzione e funzionamento del registro pubblico oppositori all'utilizzo di numeri telefonici e dati per fini commerciali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.