Speciale Pubblicato il 01/08/2016

Jobs Act lavoratori autonomi: nuovo testo DDL approvato in commissione

di Rag. Lumia Luigia

Fotografo freelance

Riduzione contributi gestione separata, ricongiunzione gratuita, copertura gravi malattie, maternità: ecco le principali misure del Jobs Act autonomi, con il testo approvato in Commissione Senato

Tutelare il presente dei lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata con la riduzione dei contributi, e il futuro con regole piu’ favorevoli per il ricongiungimento dei versamenti dei contributi a diverse gestioni: ecco l’obiettivo del Jobs Act lavoratori autonomi, che viene espresso con queste parole : il Governo vuole «costruire anche per i lavoratori autonomi un sistema di diritti e di welfare moderno capace di sostenere il loro presente e di tutelare il loro futuro»;

Diverse sono le misure pensate dal Governo nei disegni di legge 2233 e 2229 che terminato l’esame delle commissioni parlamentari, approdano all'Aula.

Vediamo di seguito le principali novità.

Segui tutte le novità sul nostro  Dossier: Il Jobs Act 2017 per i lavoratori autonomi

Obiettivo Jobs act lavoratori autonomi: riduzione contributi e ricongiunzione gratuita

Il Governo prende atto di alcune criticità del sistema previdenziale dei lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata che a fronte di contributi elevatissimi hanno una aspettativa di pensione con importi irrisori.

Questa categoria di lavoratori, inoltre, è spesso titolare di lavori discontinui e saltuari con versamenti di contributi a gestioni previdenziali diverse e quindi con il problema di ricongiungere tutti questi periodi in un unico ente spesso a titolo oneroso.

Il  governo con i decreti in esame, in corso di approvazione, vuole intervenire su tutte queste problematiche con diverse soluzioni normative:

  • possibilità di ricongiungere tutti i versamenti fatti a diverse gestioni senza ulteriori oneri a carico del lavoratore, e con la liquidazione di un unico trattamento pensionistico.
  • Riduzione dei contributi, attualmente elevatissimi (nel 2018 dovrebbero raggiungere il 33,72%)  al 24% per equipararli a quelli degli artigiani e commercianti
  • Possibilità anche per questi lavoratori di effettuare versamenti volontari maggiorati, entro i limiti previsti da massimali.


 

Obiettivo Jobs act lavoratori autonomi: maggior tutele per valorizzare il lavoro dei freelance

Il Governo prende atto di una realtà sotto gli occhi di tutti di cui sono vittime i giovani, che a causa della contrazione della domanda e dell’accresciuta concorrenza si trovano spesso a lavorare come freelance,  cioè senza regole né garanzie.

A tal riguardo, sono state definite alcune condizioni per favorire il "lavoro agile" o "smart working" cioè quello svolto da casa, fuori dall'azienda. Ad esempio è stato chiarito, con l'approvazione del testo alla Commissione Lavoro del Senato avvenuto il 27 luglio 2016, che anche per questa tipologia di lavoratori sono garantite condizioni economiche e normative almeno pari a coloro che svolgono l'attività all'interno dell'azienda.

Misure relative al riconoscimento dell’indennità di malattia

Attualmente gli iscritti alla gestione separata hanno diritto all'indennità di malattia per i casi di degenza ospedaliera: in particolare, per ogni giornata di degenza presso strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate dal Servizio sanitario nazionale ovvero per ogni giornata di degenza, autorizzata o riconosciuta dal servizio stesso, presso strutture ospedaliere estere.

Il disegno di legge 2233  equipara, per gli iscritti alla gestione separata i periodi di malattia, certificata come conseguente a terapie di malattie oncologiche, alla degenza ospedaliera.

Un emendamento chiede di considerare l’erogazione di una indennità nel caso di numerose altre malattie gravi, come affezioni del sistema circolatorio, dipendenza da sostanze stupefacenti, psicotrope e da alcool, epatite cronica, fibrosi cistica, insufficienza renale cronica, malattia di Alzheimer, sclerosi multipla, o per i soggetti in attesa di trapianto o nati con condizioni di gravi deficit fisici, sensoriali e neuropsichici.

In termini piu’ tecnici si vogliono equiparare alla degenza ospedaliera,  tutte le forme di malattia grave, facendo specifico riferimento, per l'individuazione delle stesse, all'allegato 1 del decreto ministeriale 28 maggio 1999, n. 329.

Il nuovo testo approvato in Commissione al Senato

Tra le numerose modifiche e integrazioni inserite dalla Commissione  al Senato due commi che prevedono la delega al Governo in materia di atti pubblici rimessi alle professioni ordinistiche e in materia di sicurezza e protezione sociale; in particolare si prevede di autorizzare le casse previdenza ad attivare prestazioni non solo di carattere previdenziale  e socio-sanitario, ma "anche  altre prestazioni sociali, finanziate da  apposita contribuzione" per gli iscritti in difficoltà economiche.

Altro nuova modifica mportante ( Art 6 BIS) prevede la delega al Governo per Decreti legislativi che si occupino di regolamentare la sicurezza negli  studi professionali .

In materia di appalti  il comma 2 bis  dell'art 7  sulla partecipazione ai bandi  per incarichi e appalti  privati consentiti " è riconosciuto ai soggetti che svolgono attività professionale, a prescindere dalla forma giuridica rivestita, la possibilità:

a) di costituire reti di esercenti la professione e consentire agli stessi di partecipare alle reti di imprese (reti miste) di cui all’articolo 3, comma 4-ter eseguenti del decreto-legge n. 5 del 2009 convertito con la legge n. 33 del 2009, con accesso alle relative provvidenze in materia;

b) di costituire consorzi stabiliprofessionali;

c) di costituire associazioni temporanee professionali"





Prodotti per Contributi Previdenziali, Lavoro Autonomo, Pensioni: Quota 100 e novità 2019, Jobs Act: novità dipendenti e autonomi

 
14,90 € + IVA
 

GRATIS


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)