HOME

/

CONTABILITÀ

/

FATTURAZIONE ELETTRONICA 2022

/

FATTURE ELETTRONICHE DAL 6 GIUGNO 2014

Fatture elettroniche dal 6 giugno 2014

L'obbligo di fatturazione elettronica scatta dal prossimo 6 giugno verso Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti di previdenza. Transizione di tre mesi per concludere i pagamenti delle fatture cartacee già emesse

Dal prossimo 6 giugno 2014, nei confronti di Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti di previdenza (L. n.244/2007) sarà obbligatorio per tutti i fornitori emettere le fatture in formato elettronico.  A seguito del decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 (cd. decreto Renzi) l'obbligo nei confronti di tutte le altre Amministrazioni pubbliche statali e locali invece  è stato anticipato dal  6 giugno 2015 al 31 marzo 2015.
Il Ministero dell'Economia e delle Finanze è intervenuto con la recente circolare n.1/2014  del 31 marzo 2014 per chiarire alcuni punti sugli adempimenti correlati alla fatturazione elettronica nei confronti delle PA. La circolare nello specifico  tratta i sequenti argomenti:
  • il termine per gli uffici pubblici per il caricamento delle proprie anagrafiche nel sistema IPA (Indice delle pubbliche amministrazioni)
  •  il momento di emissione della fattura elettronica;
  •  il divieto di pagamento in assenza di fattura elettronica;
  •  il trattamento dei casi in cui è impossibile il recapito della fattura elettronica all’amministrazione.
Vediamo in particolare gli aspetti che riguardano le imprese fornitrici della pubblica amministrazione.

L'articolo continua dopo la pubblicità

 
Per approfondire la fatturazione elettronica vai al nostro Dossier ricco di approfondimenti e normativa e aggiornamenti.

1) La fatturazione elettronica verso gli enti pubblici

Come noto, la fattura elettronica consiste in un documento in formato XML, sottoscritto con firma elettronica qualificata o digitale.
Una volta predisposta e nominata dal fornitore secondo le modalità definiti dal decreto n. 55/2013 , essa va inviata all' SDI, il sistema informatico gestito dall'Agenzia delle entrate in collaborazione con SOGEI , attraverso i canali previsti: web, web service, SpCoop, Ftp, Pec.  Essi si differenziano tra l'altro per la dimensione dei file  inviabili (5 mega per la il web, trenta per la PEC, volumi maggiori con il Sistema FTP)
L'accreditamento per tale invio va effettuato sul sito ufficiale www.fatturapa.gov.it, nel quale è anche possibile monitorare la situazione delle fatture inviate.
 Il Sistema effettua una serie di controlli tecnici prima di inoltrarlo all'ufficio competente, verificando anche che tale ufficio sia registrato dell' Indice delle Pubbliche amministrazioni ( l'obbligo per  gli uffici decorreva già da tre mesi precedenti la data del 6 giugno 2014.)
Il recente Decreto Renzi con l’art. 25 del recente DL 66/2014 ha stabilito che le fatture elettroniche emesse nei confronti delle PA, devono indicare anche:
  • il Codice identificativo di gara (CIG), salvo gli specifici casi di esclusione della tracciabilità ex Legge n. 136/2010;
  • il Codice unico di Progetto (CUP) per le fatture riferite a opere pubbliche, manutenzioni straordinarie, interventi finanziari da contributi comunitari nonché se previsto ai sensi dell’art. 11, Legge n. 3/2003.
e che , in mancanza di detti codici, la PA non può effettuare il pagamento della fattura.
La ricezione da parte del SDI viene attestata al fornitore attraverso l'invio di una ricevuta che può avere un valore diverso in funzione dell' esito dell'inoltro all'ufficio interessato:
  • notifica di avvenuta consegna
  •  notifica di mancata consegna.
Entrambe sono comunque valide per attestare l'emissione  della fattura da parte del fornitore. In caso di motivazioni tecniche per il mancato inoltro è il sistema che si fa carico di segnalare all'impresa la necessità di modificare il codice identificativo dell'ufficio oppure  richiederà di inviare la fattura con altre modalità.
Vi è di fatto un periodo di transizione di tre mesi per le procedure di invio, verifica e pagamento delle fatture cartacee emesse prima del 6 giugno 2014 , ossia fino al 6 settembre 2014, nel quale le amministrazioni interessate dall'obbligo sono tenute a procedere con i pagamenti mentre i fornitori non possono più emettere  fatture cartacee.
Per le fatture cartacee che non fossero ancora state pagate entro questo termine, le amministrazioni sono tenute comunque a concludere il procedimento, anche ricordando che il DLgs 231/2002 fissa in 30 giorni il termine ordinario per il pagamento delle fatture, con decorrenza dalla data di ricevimento della fattura, trascorsi i quali sono dovuti al creditore gli interessi moratori sull'importo dovuto, senza che sia necessaria la costituzione in mora.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

FATTURAZIONE ELETTRONICA 2022 · 28/06/2022 Esterometro: novità dal 1° luglio nel decreto semplificazioni

Esterometro: escluse dalla comunicazione le operazioni inferiori ai 5.000 euro. Ecco cosa cambia

Esterometro: novità dal 1° luglio nel decreto semplificazioni

Esterometro: escluse dalla comunicazione le operazioni inferiori ai 5.000 euro. Ecco cosa cambia

Imposta di bollo su fatture elettroniche: versamento cumulativo sotto i 5.000 euro

A partire dal 2023, sale da 250 a 5.000 euro il limite per il rinvio del versamento dell'imposta di bollo sulle e-fatture del primo e secondo trimestre

Fatture elettroniche con San Marino: obbligatorie dal 1 luglio

E-fatture verso San Marino: un riepilogo delle novità per gli scambi Italia-San Marino

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.