HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

MOBBING E ART. 2087 C.C.

Mobbing e art. 2087 c.c.

Una recente pronuncia della Cassazione su un caso di mobbing e interpretazione dell'art. 2087 del Codice Civile sull'obbligo di tutela della salute del lavoratore

Il mobbing è riconosciuto dalla giurisprudenza come una serie di atti e comportamenti parte dei colleghi o del datore di lavoro he aggrediscono la sfera psichica del lavoratore,  protratti nel tempo e diretti a perseguitare ed emarginare il soggetto.  L'importante sentenza della Cassazione n. 18927 del 5 Novembre 2012 lo mette in relazione con l'art. 2087  quale norma che impone al datore di lavoro di tutelare il lavoratore di fronte a tutti i possibili comportamenti lesivi della sua integrità psico - fisica qualunque ne siano la natura e l'oggetto ben oltre il rispetto della normativa infortunistica, secondo quella che è l'intrinseca vocazione della disposizione alla tutela dei valori della persona.

IL CASO

La Corte di Appello di Napoli aveva respinto la domanda di una lavoratrice che chiedeva la condanna del titolare della farmacia al risarcimento del danno esistenziale e del danno derivante dall'anticipato pensionamento e di ogni altro danno patito in conseguenza delle azioni vessatorie poste in essere dai dipendenti e/o dai titolari della farmacia stessa (mobbing).
A causa del rigetto della domanda, la ricorrente proponeva ricorso per cassazione per due motivi:
1) si denuncia che la Corte d'appello non ha accolto l'istanza della ricorrente di deferimento al titolare della farmacia del giuramento decisorio sui fatti posti a fondamento della propria domanda giudiziale,
2) si denunciava la non applicazione degli artt. 2 e 32 Cost. e art. 41 Cost., comma 2, dell'art. 2087 cod. civ., della L. n. 300 del 1970, del D.Lgs. n. 626 del 1994; infatti, si sottolinea che il datore di lavoro ha l'obbligo di tutelare l'integrità psico-fisica del lavoratore.

La Cassazione rigetta il primo motivo ed accoglie il secondo evidenziando che a fronte della denuncia di un lavoratore di condotte vessatorie da parte del datore di lavoro, il giudice che esclude la ricorrenza delle caratteristiche proprie del fenomeno mobbing (reiterazione, sistematicità e intenzionalità) deve comunque valutare i fatti accertati anche nell'ambito della fattispecie di inadempimento agli obblighi contrattuali di cui all’art. 2087 c.c., alla stregua delle regole ivi stabilite per il relativo inadempimento contrattuale . 
 

Ti potrebbero  interessare:

Visita la sezione dedicata agli E-book Lavoro e la Collana dei Pratici fiscali

1) Per approfondire scarica il commento completo ed il testo integrale della sentenza

Mobbing: nozione - Sent. Cass. n. 18927/2012

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 05/08/2022 Processo penale: riforma della giustizia. Ecco cosa cambia

Attuazione della legge 27 settembre 2021, n. 134, recante delega al Governo per l'efficienza del processo penale nonché in materia di processo penale nonché in materia di giustizia

Processo penale: riforma della giustizia. Ecco cosa cambia

Attuazione della legge 27 settembre 2021, n. 134, recante delega al Governo per l'efficienza del processo penale nonché in materia di processo penale nonché in materia di giustizia

Atti giudiziari di valore fino a 1.033 euro: esenzione dall'imposta di registro

Cause di valore modesto che non eccedono la somma di euro 1.033,00 e atti e provvedimenti ad esse relativi: guida dell'Agenzia delle Entrate all'esenzione dall’imposta di registro

Reversibilità pensione al nipote a carico: Corte Cost. n. 88-2022

Sentenza della Corte costituzionale: pensione di reversibilità anche al nipote maggiorenne inabile, come già previsto per i nipoti minori a carico

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.