Speciale Pubblicato il 04/06/2012

Detrazioni UNICO e 730 2012: le ultime risposte dell’Agenzia sull'edilizia

di Susanna Finesso

96x128 cantiere

Detrazioni 36 e 55%, condomini e vendite sono alcuni dei temi delle risposte della Circolare n.19 E del 1°giugno 2012 ai quesiti sulle detrazioni nel 730 e UNICO 2012

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso venerdì 1 giugno la circolare n. 19 /E dedicata a chiarire alcuni  dubbi  in tema di detrazioni per molte diverse tipologie applicabili nel 730 e in UNICO 2012 . Vediamo in dettaglio i chiarimenti in tema di edilizia.

Vai alla sezione del Business Center con E-book e utilità dedicate alle Ristrutturazioni, Risparmio energetico e tutte le Agevolazioni per la casa

Chiarimenti sulle detrazioni per lavori di ristrutturazione edilizia

DETRAZIONE 36%: INIZIO LAVORI , COSTO MANODOPERA, LAVORI SU CONDOMINI

Sulla soppressione dell’obbligo di comunicazione dell’inizio dei lavori di ristrutturazione al Centro Operativo di Pescara sopravvenuta con il DL 70/2011 del 14 maggio 2011, la circolare chiarisce, sul problema della decorrenza , che è possibile fruire della detrazione per i lavori iniziati in tutto il 2011 e non solo prima della data  del decreto, a condizione che si indichino in dichiarazione ossa nel 730 (righi e51,E52,E53) o in UNICO 2012 (righi RP51-RP54) i dati catastali dell’immobile (la normativa precedente veniva richiesto di inviare separatamente). I contribuenti che hanno correttamente inviato la comunicazione richiesta per i lavori iniziati prima del 14 maggio dovranno segnalarlo barrando la colonna 2 ”CO Pescara/Condominio”.

 
Anche per quanto riguarda l’indicazione separata del costo della manodopera la soppressione dell’obbligo vale per tutto l’anno 2011, anche retroattivamente rispetto all’entrata in vigore, il 14 maggio, del decreto n. 70 sulla semplificazione fiscale. Quindi le detrazioni fiscali , sia su lavori di ristrutturazione che di riqualificazione energetica degli immobili spettano anche se il costo della manodopera non è evidenziato in fattura .


Per quanto riguarda i lavori effettuati su parti comuni di condomini,  la detrazione Irpef del 36% è possibile con la semplice certificazione da parte dell’amministratore di condominio. Il contribuente dovrà inserire solo il cf del condominio nella sua dichiarazione mentre amministratore indicherà i dati catastali nel quadro AC della propria.


DETRAZIONE PER ACQUISTO BOX 2010

Sempre a seguito del DL 70 che ha soppresso l’obbligo di comunicazione, la  Circolare 19/E conferma che e’ ancora possibile fruire della detrazione per l’acquisto di box pertinenziali effettuato nel 2010 inserendo i dati catastali dell’immobile nelle dichiarazioni 2012 (righi da E51 A E54 del 730 e righi da rp51 a RP 54 di Unico 2012 , associati alle spese sostenute.

 
OBBLIGO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

Per la detrazione IRPEF del 36 % ormai a regime (DL 201/2011) delle spese di lavori di ristrutturazione,  la circolare chiarisce che il contribuente ha l’obbligo di conservare, per eventualI richieste da parte dell’amministrazione finanziaria, i documenti di autorizzazione richiesti dalla legislazione o altrimenti una dichiarazione sostitutiva con la data di inizio lavori e l’attestazione che gli interventi rientrano tra quelli agevolabili anche se non necessitano di alcun titolo abilitativo .

TRASFERIMENTO DELLE DETRAZIONI IN CASO DI VENDITA

In caso di vendita dell’immobile su cui si sono effettuali lavori di ristrutturazione le detrazioni ancora spettanti si trasferiscono all’acquirente sia nel caso di tratti di detrazioni del 36% che del 55 % per riqualificazione energetica.

Resta valida comunque su questo tema , per l’Agenzia, il punto 2.1.14 della circolare 95 del 12 maggio 2000 riguardante le clausole negli atti di compravendita che possono stabilire tra di loro a chi compete la fruizione di eventuali detrazioni residue al 31 .12 dell’anno di trasferimento di un immobile . Solo In mancanza di accordi per le cessioni successive al 17 settembre 2011 la fruizione delle quote di detrazione residua passa all’acquirente.


RETE FOGNARIA E BONIFICA DEL SUOLO

La circolare 19 chiarisce che sui lavori di bonifica del suolo effettuali a seguito di ristrutturazioni e adeguamento della rete fognaria su parti dell’edificio  la detrazione fiscale non si estende automaticamente ma la necessità di tali lavori per l’esecuzione dell’opera agevolabile deve essere provata con approfondite perizie tecniche.  Solo in questo caso si può applicare la detrazione del 36%.

Per ulteriori approfondimenti sul tema delle detrazioni per ristrutturazione edilizia:

Vai al nostro Dossier



Prodotti per Ristrutturazioni Edilizie 2019, Decreto Semplificazioni Fiscali 2012

 
10,90 € + IVA
 

GRATIS


Commenti

un pensionato abitante nella sua casa senza altri redditi e non presenta mod.Unico, può richiedere la detrazione per restauri sulla suddetta casa

Commento di sonia (17:57 del 10/08/2012)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)