HOME

/

DIRITTO

/

SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE

/

LE AZIONI “PRIVILEGIATE”

Le azioni “privilegiate”

Possono essere definite privilegiate tutte quelle azioni che sono munite di diritti patrimoniali maggiori rispetto a quelli che sono collegati alle azioni ordinarie.

Con il termine azione si è  soliti indicare una frazione minima ed indivisibile del capitale sociale delle S.P.A., S.A.P.A., e delle società cooperative a cui possono essere collegati una serie di diritti e di obblighi del socio che decide di acquisirle.

I principi fondamentali che riguardano le azioni, possono essere riscontrati negli articoli 2347 co. 1 del c.c. dove si sottolinea che ciascuna azione è indivisibile, e nell’art 2348 del c.c., dove si afferma che ogni azioni attribuisce al possessore della stessa un identico complesso di diritti e di poteri di natura patrimoniale ed amministrativa.


Tuttavia, la legislazione consente di creare delle categorie di azioni che vantano, rispetto a quelle ordinarie, un privilegio collegato ad un diritto patrimoniale maggiore.

L’emissione delle azioni privilegiate è di competenza dell’assemblea straordinaria che può deliberarne l’emissione nel rispetto di quelli che sono i quorum stabiliti dalla legge e dallo statuto.

Giova ricordare che la delibera straordinaria deve dettagliatamente specificare le caratteristiche del “privilegio” che, da un punto di vista pratico, si coglie nella partecipazione all’utile oppure alla perdita o ancora può ancorarsi al rimborso delle azioni stesse.

Una volta stabiliti i privilegi, l’assemblea straordinaria può essere chiamata anche per modificare il privilegio stesso, purchè, tale delibera abbia il consenso dell’assemblea degli azionisti privilegiati e nel rispetto delle maggioranze imposte per le assemblee straordinarie.

1) Le due fattispecie di privilegio per le azioni

Passiamo ad analizzare due fattispecie di privilegi riferiti alle azioni, ovverossia quelli collegati agli utili oppure alle perdite.

 
I privilegi collegati agli utili di esercizio possono riguardare:

  •  l’eventuale attribuzione di un dividendo maggiore rispetto a quello spettante per le azioni ordinarie, oppure, 
  •  un diritto di preferenza nella distribuzione degli utili sino ad un determinato ammontare, soddisfatto il quale prima vengono assegnati gli utili  alle azioni ordinarie sino ad arrivare all’importo già erogato per le azioni privilegiate e per la parte eccedente un’ ulteriore modalità di divisione delle azioni.

Per quanto riguarda le azioni privilegiate nelle perdite, lo statuto può prevedere un’attribuzione delle perdite in misura diversa rispetto a quella riferita alle azioni ordinarie.


Si sottolinea che soprattutto in sede di ristrutturazione aziendale, potrebbe far comodo emettere azioni privilegiate con postergazione(*) nelle perdite, in quanto ci troveremmo di fronte ad una situazione in cui, in presenza di una perdita integrale del capitale sociale, il valore delle azioni verrebbe intaccato soltanto dopo che la perdita ha intaccato le azioni ordinarie.



(*), la postergazione si ha quando uno o più creditori, senza rinunciare al credito, permettono che il loro credito sia soddisfatto solo dopo l'integrale soddisfazione di altri creditori

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE · 15/10/2021 Società semplice: il reddito imponibile e la tassazione dei soci

Le Entrate con risposta a interpello forniscono chiarimenti sulla tassazione della società semplice, dei suoi soci e cosa accade nella cessioni di immobili.

Società semplice: il reddito imponibile e la tassazione dei soci

Le Entrate con risposta a interpello forniscono chiarimenti sulla tassazione della società semplice, dei suoi soci e cosa accade nella cessioni di immobili.

I vantaggi e svantaggi della società semplice per una holding

Un testo di recente pubblicazione tratta delle caratteristiche, opportunità ed utilizzo come holding di una società semplice illustrando i pro e i contro

Holding: approfondimenti con la Circolare n 28 del 28.09 di Assonime

Un approfondimento sulla nozione di "intermediari finanziari e di holding" fornito da Assonime con Circolare n 28 del 21 settembre.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.