HOME

/

FISCO

/

BOLLO E CONCESSIONI GOVERNATIVE

/

IMPOSTA DI BOLLO 2012 E ALTRE NOVITÀ SULLE SPESE BANCARIE

Imposta di bollo 2012 e altre novità sulle spese bancarie

Imposta di bollo abolita per i conti correnti bancari e postali sotto i 5000 euro. Per i titoli imposta dello 0,1%. Il decreto Salvaitalia frena le spese bancarie

Il governo Monti con il Dl201/2011 ha ritoccato la disciplina dell’imposta di bollo sui conti correnti e sui titoli, già modificata in senso progressivo con le manovre estive del 2011 ed è intervenuto  per porre un limite alle spese di commissione bancaria per fidi e sconfinamenti sui conti correnti. Fissato un tetto anche alle commissioni sui  pagamenti con carte elettroniche .

1) Le nuove imposte di bollo sugli estratti conto

L’attuale normativa (Dl 201/2011)t. prevede che l’onere dell'imposta di bollo già fissato a 34,20 euro annuali venga pagato dagli intestatari persone fisiche solo se il conto è attivo e con un saldo medio nell’anno oltre i 5000 euro.

Per chi non supera il limite o è in rosso, eventualità purtroppo comune in questo periodo, l’imposta di bollo sul conto corrente non è dovuta. Questo è di fatto un risparmio per ben  8 milioni di contribuenti, un terzo dei correntisti italiani.

Per le imprese invece il bollo aumenta da 73,80 a 100 euro, indipendentemente dal saldo. In concomitanza con l'imposizione del limite all'utilizzo del contante che costringe anche la pubblica amministrazione a pagare  le somme oltre i 1000 solo con mezzi tracciabili, è previsto anche un conto corrente base a zero spese , esentato quindi anche dal bollo  esatta definizione per le fasce meno abbienti, le la cui esatta definizione si attendono ancora le disposizioni applicative.

Anche sui titoli si è cercato di introdurre un principio di equità , perché l’imposta è diventata proporzionale e si calcola con una percentuale sul valore totale posseduto dello 0,1% nel 2012 e 0,15%  dal 2013, comprendendo però tutti i tipi di prodotti finanziari , compresi quelli detenuti all’estero. Con un limite fisso di 34,20 minimo e, solo per il 2012, un massimo di 1200 euro di imposta.

Il limite minimo creerà di fatto almeno una penalizzazione dei patrimoni finanziari sotto i 34.200 euro (importo fino al quale nel 2012 ad esempio si paga sempre l’imposta fissa di 34,20€). 

In sintesi:

  • BOLLO SUI CONTI CORRENTI, CONTI DI DEPOSITO e LIBRETTI DI RISPARMIO
    Persone fisiche: confermato a 34,20€ . Esenti c/c e depositi con giacenza media annua fino a 5000€
    Imprese: aumento da 73,80 a 100 euro
  • BOLLO SUI TITOLI (azioni obbligazioni , titoli di stato quote di fondi di investimento, assicurativi, future, derivati certificati di deposito, cfd, valuta negoziata con cfd, detenuti sia in Italia che all’estero Sono esclusi solo i fondi pensione e sanitari.)
    • 2012 aliquota 0,1 con un minimo di 34,20 e limite massimo di 1200€.
    • Dal 2013 aliquota dello 0,15 con minimo di 34,20€ . Niente tetto massimo. Il valore dei titoli considerato sarà quello di mercato e solo in mancanza, sul valore nominale o di rimborso
  • BUONI FRUTTIFERI POSTALI
    Aliquote come per i titoli bancari e assicurativi ma esentati sotto la soglia di 5000€ di giacenza. L’imposta verrà calcolata ed addebitata alla scadenza.
  • BOLLO SPECIALE SULLE ATTIVITA’ FINANZIARIE OGGETTO DI EMERSIONE (SCUDO FISCALE)
    Il decreto salva italia ha contemporaneamente fissato una imposta di bollo speciale annuale dello 0,4% che però nel 2012 è dello 1% e nel 2012 dello 1,35%. Tale prelievo si applica al netto dell’imposta di bollo ordinaria .Sono state individuate alcune criticità nell’applicazione di questa imposta rispetto a quanto previsto per patrimoni di natura diversa (immobili, barche ecc) e/o per quelli non oggetto di emersione.

2) Le novità sulle spese bancarie

Per i contratti di apertura fidi è prevista una commissione unica commisurata all’importo affidato ma che non potrà superare lo 0,5% trimestrale.

Per gli sconfinamenti in c/c oltre il fido o in assenza di questo, spesa fissa di “istruttoria veloce” commisurata ai costi, o anche non dovuta in rapporto all’entità dello sconfinamento. E’ stata infatti affidata  al  Comitato  Interministeriale per il credito e il risparmio l’emanazione delle norme applicative e l’eventuale estensione di questa disciplina ad altri tipi di contratti.

Inoltre , nell’ottica anche di facilitare il settore del commercio al dettaglio ad adeguarsi alla normativa antiriciclaggio che limita l’uso del contante , il decreto ha stabilito che le commissioni pagate dagli esercenti per l’utilizzo del pos da parte dei loro clienti non potranno superare la percentuale dell’1%.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

maria - 29/01/2014

nel 2001 è stato aperto un c/c per una associazione Onlus, purtroppo in banca non è stata consegnata la documentazione che attestava la natura del conto, nè è stato detto al momento. sino ad oggi sono stati addebitati i bolli governativi.una richiesta di rimborso presentata in banca è stata rifiutata. ''LORO'' NON SONO TENUTI A CHIEDERE PERCHE'SI STA APRENDO UN CONTO PER UNA ASSOCIAZIONE E SE UN NO PROFIT.mi hanno detto che c'è una legge n.????? del ???? che per i conti censiti prima del 2003 no n è possibile alcun rimborso.SARA' VERO?????? GRAZIE SALUTI

filippo di maria - 25/05/2013

il 28/1/13 sul conto mi e stato prelevato 34.20 euro. ad aprile altri 8.55 per il 1 trimestre. Domando se effettivamente abbia pagato 2 volte.

Tommaso - 10/01/2013

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/wcm/connect/36af63004de40911b8a5fe0fd12eb01d/cir48e+del+21+12+12.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=36af63004de40911b8a5fe0fd12eb01d

Enzo - 30/10/2012

Salve. A proposito dell'imposta di bollo: Ho appena esaminato gli estratti conto trimestrali relativi al conto BancoPosta e l'ultimo addebito "quadrimestrale" di €. 8,55 risale a dicembre 2011. In effetti per l'anno in corso l'imposta di bollo non l'ho pagata, avendo mediamente un saldo inferiore a €. 5.000. Saluti

Fiammetta - 22/07/2012

Confermo. La Deutsche Bank mi preleva ogni 3 mesi 8,55 pur avendo un conto corrente molto al di sotto dei 5000 euro e un lavoro a chiamata che mi da come guadagno circa 300 euro al mese. Aggiungo che questo prelievo mi ha fatto andare in rosso anche se di pochi euro. Ora son curiosa di vedere se mi applicheranno gli interessi sullo sconfinamento!

giovanni - 31/05/2012

Come la capisco Fabio, ho telefonato ieri al n. verde postale per ol conto Bancoclick e mi han detto che il bolli sotto i 5000 euro si pagano. oggi ho richiamato e mi han detto che non si pagano.,quello che mi fà rabbia è che ci sono operatori incompetenti, ignoranti e presuntuosi che hanno il coraggio di divulgare con sicurezza informazioni non corrette solo perchè ne sono convinti loro.

marco - 12/04/2012

Purtroppo la BANCA POPOLARE DI VICENZA il giorno 31/03/2012 mi ha fatto pagare l'imposta di bollo( 8.55) anche se il mio conto è ben al di sotto dei 5000 euro. nessuno mi ha dato risposta e gli operatori fanno solo scarica barile. mentre altre banche non la fanno pagare. perchè queste differenze.

Fabio - 20/02/2012

mi spiace deludervi, ma sul campo le cose non sono mai come ci vengono dipinte dai tg. volevo aprire un conto corrente postale, MA SIA IN posta che al numero verde mi hanno confermato che il bollo anche sotto i 5000 viene ancora applicato. Mentre sui libretti oltre i 5000 l'adeguamento è già operativi. Grazie Italia.Avete notizie inmerito. A me il conto servirebbe ma non voglio che mi vwngano tolti i soldi del bollo. Assoc consumatori che fate?

Fabio - 10/02/2012

Salve, ho chiesto informazioni in merito all'imposta di bollo sui conti correnti , in particolare conto banco posta click all'ufficio postale di Corato centro, ma nessuno sa nulla sull esenzione da bollo dei conti correnti sotto i 5000 euro. Ho appena parlato con il numero verde dedicato ai conti di Poste Italiane (800.00.33.22 il giorno 10/02/2012 ore 14,10 circa) e l'operatore mi ha espressamente detto che pur essendo applicato il bollo anche ai libretti con giacenza sopra i 5000 euro, per i conti correnti il bollo viene ancora applicato anche se con giacenza media sotto i 5000 euro ????? Che fare??? si paga ? non si paga? da quando non si paga??? se apro un postaclick ora che accade?? Visto che avete pubblicato il vostro articolo in merito, perche' non telefonate voi al numero verde su indicato e mi fate sapere se in italia si applicano solo e subito le norme sfavorevoli, ma tardi o mai quelle favorevoli??? attendo una vostra risposta Grazie

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 23/09/2022 Contributo Consap periti assicurativi 2022

Fissato l'importo del contributo di gestione CONSAP da parte dei periti assicurativi per l'anno 2022

Contributo Consap periti assicurativi 2022

Fissato l'importo del contributo di gestione CONSAP da parte dei periti assicurativi per l'anno 2022

Imposta di bollo fatture elettroniche: agevolazioni dal 1 gennaio 2023

Sale a 5.000 euro la soglia che consente i pagamenti cumulativi della imposta di bollo sulle fatture elettroniche senza sanzioni e interessi. In vigore dal 1 gennaio 2023

Imposta di bollo fatture elettroniche 2° trimestre 2022: pagamento entro il 30 settembre

Imposta di bollo e-fatture 2022: entro il 30 settembre versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche del 2° trimestre 2022, e il punto sulle principali novità

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.