HOME

/

CONTABILITÀ

/

SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTO

/

AMMORTAMENTO DEI BENI STRUMENTALI PER IL PROFESSIONISTA NEL 2022

Ammortamento dei beni strumentali per il professionista nel 2022

Ammortamento auto, cellulari, beni inferiori a 516,46 euro. Ecco come il professionista deduce il costo dei beni strumentali nel 2022 da indicare nella dichiarazione 2021

I beni strumentali sono i beni destinati ad essere impiegati nell’attività lavorativa e che non esauriscono la loro utilità in un solo esercizio. Nel trattamento contabile e fiscale di questi beni occorre tenere presente:

  • il costo sostenuto per l’acquisto (se l’importo è stato maggiore o inferiore di 516.46 euro)
  • la deducibilità fiscale consentita (se il bene cioè è totalmente deducibile o meno)
  • il regime del professionista (regime ordinario, di vantaggio, minimo, forfetario).

Di seguito un riepilogo delle varie casistiche, tenendo presente il super ammortamento, cioè la maggiorazione del costo d’acquisto per i beni strumentali nuovi come introdotto dalla Legge di stabilità 2016 e poi confermato con modifiche negli esercizi successivi. In particolare, dopo uno stop, il super ammortamento è stato confermato al 130% per i beni nuovi acquistati dal 1° aprile 2019.

L’agevolazione del “super ammortamento” consiste nella possibilità di maggiorare del 30%, ai fini delle imposte sui redditi, il costo di acquisizione dei beni materiali strumentali nuovi, con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di leasing. 

Gli investimenti devono essere effettuati dal 1° aprile al 31 dicembre 2019 ovvero fino al 30 giugno 2020 (termine spostato al 31 dicembre 2020), a condizione che, entro il 31 dicembre 2019, l’ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione. 

Il super ammortamento non è stato piu' previsto dal 2020 ed è stato sostituito dal credito di imposta sugli acquisti di beni strumentali nuovi.

Ti puo' interessare l'aggiornatissimo e-book Credito di imposta beni strumentali (e-Book 2022)

1) Ammortamento beni strumentali 2022

Gli acquisti di beni strumentali, ovvero di beni che sono funzionali all’attività professionale e che non esauriscono la loro utilità in un solo esercizio, sono costi che il professionista sostiene e che, poiché inerenti alla sua attività, possono essere dedotti dal reddito professionale.

Prima di analizzare le diverse categorie di beni strumentali è necessario fare una premessa sul costo d’acquisto del bene e suddividere i beni in due categorie:

  • Beni di costo unitario > 516,46 €: I beni con un valore unitario maggiore di 516, 46 euro vanno ammortizzati in quote annuali secondo i coefficienti previsti dal D.M. 31/12/1988 così che il professionista potrà dedurre ogni anno una quota del costo complessivo sostenuto.
  • Beni di costo unitario ≤ 516,46 €: I beni di importo unitario inferiore a 516,46 euro possono essere registrati come costi di esercizio e dedotti integralmente dal reddito nell’esercizio in cui sono stati acquistati, oppure è possibile ammortizzare il costo in quote costanti nell’esercizio in corso e in quelli successivi. In generale le spese di impiego del bene, come le spese di manutenzione, sono interamente deducibili nell'esercizio di sostenimento.

2) La deducibilità degli ammortamenti in REDDITIPF 2022

Le quote di ammortamento dei beni strumentali vanno indicati nel rigo RE 7 del Modello RedditiPf 2022 (anno di imposta 2021) ma è necessario prestare attenzione alle diverse tipologie di beni:

  • beni a uso esclusivo dell’attività → deducibili al 100%. Sono beni che vengono usati esclusivamente nell’esercizio di arti e professioni e sono deducibili al 100%, come nel caso di mobili e arredo d’ufficio, dei computers, dei macchinari per l’ufficio e così via.
  • beni a uso promiscuo: → deducibili al 50%. Sono beni utilizzati sia nell’esercizio di arti e professioni sia per attività personali estranee all’attività.
  • beni a deducibilità limitata: → deducibili in base alle % previste dal legislatore. Sono beni per cui il legislatore fiscale ha previsto una presunzione di utilizzo promiscuo predeterminata e pertanto hanno una percentuale di deducibilità inferiore rispetto all’intero costo.

Ecco una tabella riassuntiva:

 

Uso esclusivo

Uso promiscuo

Casi particolari

Deducibilità

100%

50%

-80% per cellulari, smartphone,..

-20% per autovetture, autocaravan, motocicli e ciclomotori (*);

-70% per autovetture concesse in uso promiscuo ai dipendenti (**)

(*) si deduce il 20 % delle quote di ammortamento delle autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli, limitatamente a un solo veicolo per professionista, senza tener conto della parte di costo di acquisto che eccede:

  • euro 18.075,99 per le autovetture e autocaravan ;
  • euro 4.131,66 per i motocicli 
  •  euro 2.065,83 per i ciclomotori

(**) il 70 per cento dell’ammontare delle quote di ammortamento dei veicoli dati in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d’imposta (cioè per almeno 183 giorni).

Per quanto riguarda il trattamento fiscale degli immobili, sia di proprietà che in leasing, sia ad uso promiscuo che ad uso esclusivo professionale, leggi lo speciale: La deducibilità degli immobili strumentali del professionista.

3) Ammortamento cellulare: come si deduce il costo nel 2022

Vediamo un esempio su come dedurre il costo del telefono cellulare (lo stesso trattamento è previsto per gli smartphone) nell’ipotesi in cui il costo sia maggiore o minore di 516.46.

Ipotesi in cui il costo del cellulare sia maggiore di 516.46 euro

  1. Costo di acquisto: 1000 + Iva 22% (220)= tot.1220. Per il principio di inerenza utilizzando il bene in modo promiscuo per semplicità detraggo il 50% dell’iva (110 euro) e il rimanente importo di iva indeducibile la capitalizzo.
  2. Costo: 1110 (1000+110).
  3. A questo punto calcolo la quota di ammortamento del 20% pari a euro 222.00 e detraggo l’importo consentito fiscalmente pari a euro 177,60 (80%)

Ipotesi in cui il costo del cellulare sia minore di 516.46 euro

  1. Costo di acquisto: 300 euro + 66 di Iva = 366. Per il principio di inerenza utilizzando il bene in modo promiscuo, detraggo per semplicità il 50% dell’iva (33 euro) e la restante parte la imputo a costo.
  2. Costo: 333 euro (300+33).
  3. Deduco per l’importo di euro 266,40 (pari all’80%)

4) La deducibilità dei beni strumentali per i contribuenti c.d minimi

Per i contribuenti aderenti al regime dei Minimi, così come disciplinati dall’art. 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, bisogna distinguere tra:

  • beni a uso promiscuo → deducibili al 50%, indipendentemente dalle specifiche limitazioni previste dalle norme del TUIR. In particolare c’è una presunzione di promiscuità per cui si deducono al 50% autovetture, autocaravan, ciclomotori, motocicli e telefonia così come tutte le spese ad essi inerenti (es. lubrificanti, tasse di possesso, assicurazioni e altri costi per autoveicoli, leasing, telefonia).
  • beni a uso esclusivo → deducibili al 100%

In entrambi i casi non si procede all’ammortamento ma il costo è deducibile nell’esercizio di sostenimento.

5) La deduzione dei beni strumentali per i forfetari

Per i contribuenti aderenti al regime forfetario così come modificato dalla Legge di bilancio 2019 la deduzione dei costi sostenuti nel corso dell’esercizio non è analitica ma viene fatta in maniera forfetaria. 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Serena - 07/07/2017

Buongiorno sono un professionista in contabilità ordinaria, l'anno scorso ho scordato di rilevare una quota di ammortamento di un computer acquistato nel 2013, nel registro dei beni cosa devo indicare? Inoltre il residuo da dove parto è quello che arriva dal 2013?

Gennaro - 19/12/2016

Salve sono un avvocato e vorrei comprare un notebook dal sito della Dell, per un importo di oltre 800€. Mi hanno detto che la fattura viene emessa dalla Dell con sede in Francia e rappresentante fiscale in Italia. Inoltre hanno aggiunto che l'iva dovraà essere assolta da me. Ora la mia domanda è: Posso scaricare questa fattura? E se si devo per caso essere iscritto in un qualche particolare registro? Grazie in anticipo per la risposta. Gennaro

Fabio - 19/06/2016

sono un dentista è la mia abitazione è destinataria in parte ad uso abitativo e in parte ad uso professionale. La settimana scorsa ho comprato un Televisore nuovo. Volevo sapere se posso detrarlo con la nuova legge del 140% ???? Qualcuno di voi mi sa dare una mano? Grazie

giuseppe - 09/04/2016

salve come libero professionista ipotizzando un acquisto auto per 25.000 euro quanto vado a dedurre ogni anno con il super ammortamento? , non ho capito bene il calcolo per quanti anni va dedotto. cordialità

MIchela - 20/05/2016

Buongiorno Giuseppe, dipende dal regime fiscale in cui si trova come libero professionista (ordinario, minimi, forfettari) . Per rispondere alla Sua domanda mi servirebbe questa informazione. In ogni caso per il super ammortamento legato alle auto le consiglio la lettura di questo speciale di approfondimento: [super ammortamento 140% si applica anche alle auto](https://www.fiscoetasse.com/approfondimenti/12439-super-ammortamento-140-si-applica-anche-alle-auto.html) Cordiali saluti

pifer - 28/10/2015

sono nel regime dei minimi da dicembre 2014, adesso devo acquistare una panda a metano per motivi di lavoro,il consulente mi scoraggia a farmi fatturare con la partita iva, dice che non è più così conveniente (20%), in più se supero i 15.000,00 euro di spese in tre anni, forse perchè potrebbe cambiare il tipo di regime fiscale (non ho capito bene cosa mi può succedere, veramente non ho capito bene pure il calcolo di queste spese che aumenterebbero). sapeste illuminarmi.saluti e grazie.

Romina - 17/09/2015

Salve, se ho ricevuto una fattura per un importo lordo di 640,5 € e poi una nota di credito relativa alla stessa per rettifica prezzo dell'importo di 140,5€ per cui il valore della fattura scende a 500€ lordi posso usufruire della deduzione totale? O è necessario che venga stornata la fattura per il totale ed emessa una nuova fattura per l'importo di € 500? Grazie

Luigia Lumia - 29/03/2016

puo dedurre integramente. Conta il valore del bene.

Titomax - 20/11/2012

Tutto chiaro circa la differenza tra beni < oppure > di 516 e rotti euro. Assolutamente d'accordo sulla incapacità (oserei dire la disonestà) di una classe politica che non è stata neppure capace (o non ha voluto a causa degli interessi delle lobbies che gravitano inorno al Parlamento)di semplificare le normative fiscali ( UNICO da terzo mondo con manuali di istruzione, complessivamente ai tre fascicoli, che sono spessi 5 centimetri). Domanda: sui beni > di 516 euro l'IVA la detraggo tutta il 1° anno o la detraggo in 4 anni?

yassine - 21/11/2012

Buongiorno, l'iva va detratta tutta il primo anno.

Adriano - 09/03/2012

Salve, vorrei capire una cosa: la cifra di 516,46€ equivale al vecchio 1'000'000 di lire quindi mi fa capire che questa regola è in vigore da ALMENO 10 anni. Non capisco come mai non si attualizzino queste cifre: tutto si rivaluta tranne questi importi. 1'000'000 di lire (= 516€) del 1999 oggi sarebbero 683€ con la sola rivalutazione monetaria: perchè non si innalza il limite per l'ammortamento a 1'000€?

Titomax - 17/06/2012

Elementare Watson ! perchè la nostra non è una classe politica capace. E' solo una Banda Bassotti il cui unico scopo è raccattare soldi, a spese del contribuente, per dividerseli in consulenze, pensioni supervalutate, benfits di qualsiasi genere. Spremendo il contribuente impedendogli di detrarre il giusto ci ha portato ad essere il Paese più tartassato dell'occidente.

FBMONTE99 - 20/11/2012

Sono d'accord con Titomax a puntualizzare che viviamo in uno stato di statali parassitari e ladri. Spero solo che un giorno rimangano solo loro, parassiti, a tassarsi l'uno con l'altro, vittime del disastro che hanno creato.

Dario - 02/06/2016

Purtroppo la Storia insegna che il parassita è sempre l'ultimo a morire. A meno che qualcuno non incominci a svegliarsi dal torpore secolare ....

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTO · 14/07/2022 Super-ammortamento: il bene eliminato non può usufruire delle quote non dedotte

L’eliminazione e la cessione del cespite compromettono il beneficio fiscale, per le quote non dedotte, a differenza del furto del bene

Super-ammortamento: il bene eliminato non può usufruire delle quote non dedotte

L’eliminazione e la cessione del cespite compromettono il beneficio fiscale, per le quote non dedotte, a differenza del furto del bene

La sospensione degli ammortamenti: indicazione nella dichiarazione dei redditi

Dichiarazione dei redditi 2022: guida alla compilazione nel caso di sospensione degli ammortamenti

Ammortamento dei beni strumentali per il professionista nel 2022

Ammortamento auto, cellulari, beni inferiori a 516,46 euro. Ecco come il professionista deduce il costo dei beni strumentali nel 2022 da indicare nella dichiarazione 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.