HOME

/

LAVORO

/

LAVORO AUTONOMO

/

IL TORMENTONE DELL'IRAP PER AGENTI, PROMOTORI FINANZIARI E MEDICI

Il tormentone dell'IRAP per agenti, promotori finanziari e medici

Irap - l’Agenzia delle Entrate con la Circ. n. 28/E del 28 maggio 2010, detta le istruzioni agli uffici per la gestione del contenzioso pendente alla luce delle ultime sentenze della Corte di Cassazione.

L’Agenzia delle Entrate con la Circolare, la n. 28/E del 28 maggio 2010,  detta le istruzioni operative agli uffici per la gestione del contenzioso pendente alla luce delle ultime sentenze della Corte di Cassazione.
In particolare la circolare prende atto che per le “ Attività ausiliarie del commercio di cui all’articolo 2195, primo comma, n. 5 del codice civile” e in particolare per gli agenti di commercio e promotori finanziari, in materia IRAP occorre tenere conto dell’orientamento della Corte di cassazione che indaga, come per i lavoratori autonomi, sull’esistenza dell’autonoma organizzazione per lo svolgimento dell’attività.

Di seguito il commento alla Circolare

L'articolo continua dopo la pubblicità

Segui il Dossier gratuito Difendersi dall'Irap

Per approfondire:

Irap e professionisti - Pacchetto eBook

acquistabili anche singolarmente

Irap professionisti: orientamenti della Cassazione

IRAP - Rimborsi e ricorsi (eBook 2016)

1) Commento alla Circolare n. 28/E del 28 maggio 2010

La circolare prende atto che per le “ Attività ausiliarie del commercio di cui all’articolo 2195, primo comma, n. 5 del codice civile” e in particolare per gli agenti di commercio e promotori finanziari, in materia IRAP occorre tenere conto dell’orientamento della Corte di cassazione che indaga, come per i lavoratori autonomi, sull’esistenza dell’autonoma organizzazione per lo svolgimento dell’attività.

In sostanza l’Agenzia prende atto che la Corte distingue ai fini dell’applicazione dell’imposta, tra ‘impresa’ nella quale l’elemento organizzativo sarebbe ‘connaturato’, e ‘lavoro autonomo’, rispetto al quale sarebbe necessario un accertamento caso per caso dell’esistenza di una ‘autonoma organizzazione’, e per l’attività “ausiliara del commercio” diventa essenziale prendere in esame l’organizzazione per poter stabilire la collocazione in una o nell’altra categoria di reddito.

L’indagine si sposta cioè dall’aspetto qualitativo a quello quantitativo, per un cui un ausiliario del commercio (agente o procacciatore o promotore finanziario) che svolge la propria attività con un peso preponderante derivato dal suo lavoro personale, senza impiego di capitali e senza l’utilizzo di lavoro altrui puo’ essere escluso dall’applicazione dell’IRAP nel presupposto che si tratta di attività non autonomamente organizzata.

Questo principio quantitativo puo’ essere applicato a tutte le attività ausiliarie di cui all’articolo 2195 del codice civile, considerato che i giudici di legittimità pongono a fondamento del proprio ragionamento la distinzione tra “l’attività d’impresa”, nella quale l’elemento organizzativo sarebbe connaturato, e “le attività ausiliarie”, che possono essere svolte dal soggetto senza organizzazione di capitali o lavoro altrui e per le quali si rende necessaria la valutazione caso per caso dell’esistenza di un’autonoma organizzazione.

Dall’esame della giurisprudenza l’Agenzia prende atto che si è in presenza di autonoma organizzazione in presenza di:
- affidamento a terzi, in modo non occasionale, di incombenze tipiche dell’attività (indifferente è se i terzi sono dipendenti o lavoratori autonomi);
- rilevanza di disponibilità di beni strumentali eccedenti il minimo indispensabile per lo svolgimento dell'attività.

In mancanza di questi presupposti l’autonoma organizzazione è assente e il quindi anche il presupposto per l’applicazione dell’IRAP.

La circolare prende anche in esame l’attività di medico di medicina generale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale, per stabilire che, in questo caso la prova
dell’autonoma organizzazione non può essere offerta dall’utilizzo di quelle apparecchiature previste obbligatoriamente dalla convenzione stessa, che devono essere considerate come la misura minima indispensabile per l’esercizio della professione medica.
“Se un bene strumentale è indispensabile, deve ritenersi che risponda anche al requisito della minimalità”.


A seguito di tali considerazioni, che abbiamo riportato in maniera sommaria, l’Agenzia invita i propri uffici, nella gestione del contenzioso concernente l’IRAP “lavoratori autonomi” di tenere conto di queste indicazioni e di valutare l’abbandono del contenzioso.

Come si deve quindi regolare lo studio nel consigliare i propri clienti, posto che la norma è sempre poco chiara e la giurisprudenza e prassi possono cambiare orientamento?

Lo studio necessariamente dovrà invitare il proprio cliente e cercare di spiegargli l’orientamento attuale della giurisprudenza e prassi, e condividere con lo stesso la decisione.

2) L'iter per il rimborso IRAP

Per chiedere il rimborso dell'Irap indebitamente pagata occorre presentare l’istanza di rimborso:
a) l’istanza di rimborso deve essere inviata (entro 48 mesi dal pagamento) all’Agenzia delle entrate territorialmente competente in carta libera
b) dal perfezionarsi del rifiuto senza atto espresso di diniego del rimborso si hanno dieci anni per presentare il ricorso
N.B.: nel caso in cui invece l’Agenzia notifichi un atto espresso di diniego al rimborso, il provvedimento va impugnato entro 60 giorni dalla sua notifica
Giurisprudenza e fac simili per i rimborsi puoi trovarli in questo ebook: IRAP - Rimborsi e ricorsi
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 12/08/2022 200 euro autonomi, decreto firmato: ecco i requisiti

In arrivo il decreto attuativo del bonus 200 euro per autonomi e professionisti: confermato il limite di 35mila euro di reddito. Vediamo a chi spetta e come sarà erogato

200 euro autonomi, decreto firmato: ecco i requisiti

In arrivo il decreto attuativo del bonus 200 euro per autonomi e professionisti: confermato il limite di 35mila euro di reddito. Vediamo a chi spetta e come sarà erogato

FIGEC: nuovo sindacato per operatori della comunicazione ed editoria

Nasce la Federazione Italiana Giornalismo, Editoria e Comunicazione aderente alla CISAL che intende accogliere le nuove figure operanti anche nel web

Lavoro nello spettacolo: ecco la riforma  in arrivo

Il testo e le novità in 10 punti della legge delega per il riordino della disciplina del lavoro nel settore spettacolo appena approvata dal Parlamento

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.