E Book

La pensione ai superstiti

9,90€ + IVA

IN SCONTO 10,90

E Book

Superbonus 2024 (eBook)

16,90€ + IVA

IN SCONTO 18,90
HOME

/

FISCO

/

REDDITOMETRO

/

REDDITOMETRO: LISTE DI CONTROLLO E VERIFICHE PER I CONTRIBUENTI PERSONE FISICHE

Redditometro: liste di controllo e verifiche per i contribuenti persone fisiche

Ascolta la versione audio dell'articolo
Il fine dell'accertamento sintetico è il  recupero della base imponibile non dichiarata attraverso un’attenta selezione dei soggetti da sottoporre a controllo sulla base delle evidenti manifestazioni di capacità contributiva mediante la determinazione sintetica del reddito complessivo netto ai sensi dell’art. 38, quarto e quinto comma, del d.P.R. n. 600/73.

Ti potrebbe interessare l'e-book Redditometro 2021

Per altri prodotti  inerenti l'accertamento e la difesa del contribuente visita il Focus: Difendersi dal Fisco

1) Destinatari e strumenti di ausilio per i controlli

Persone fisiche che sulla base di elementi e circostanze di fatto certi (ad esempio, acquisto a titolo oneroso di un bene immobile, acquisto/possesso di autovetture, disponibilità di residenze secondarie, consumo di energia elettrica per uso domestico, ecc.) fanno presumere una  capacità di spesa che deve trovare giustificazione nel reddito imponibile dichiarato.

Gli elementi certi e le circostanze di fatto possono essere reperiti da:

- Liste selettive elaborate centralmente, banche dati e segnalazioni qualificate predisposte nell’ambito dell’attività di intelligence;
- Liste interattive elaborate appositamente come strumenti di ausilio alla selezione di posizioni  soggettive , quali ad esempio:
- Lista selettiva AU “Autovetture” - con la quale sono segnalate le persone fisiche che, sulla base dei dati forniti dalla Direzione Generale della Motorizzazione, risultano aver  immatricolato nell’anno 2003 autovetture di potenza fiscale uguale o superiore a  21 CV;
- Lista selettiva T “Incrementi patrimoniali” - con la quale sono segnalate le persone fisiche che hanno dichiarato per il periodo d’imposta 2002 e 2003 imponibili incongruenti rispetto alla  consistenza degli esborsi (compravendite e conferimenti di somme di denaro, ecc.) risultanti dagli atti stipulati e registrati negli anni dal 2003 al 2007.

Inoltre al fine di un’autonoma selezione di posizioni significative da valutare è  disponibile nell’ambito del portale F.I.S.CO. - Selezione e Programmazione -  l’applicazione AP.P.L.E., con rilevanti potenzialità quale strumento di ausilio per l’attività di contrasto all’evasione.



2) Criteri di valutazione e condizioni per l'accertamento

I beni acquisiti al patrimonio devono essere considerati sotto il duplice profilo:
- patrimoniale: la spesa rileva come esborso, in quota, solo nell’anno di acquisto del bene e nei quattro anni precedenti;
- gestionale: il costo di gestione è rilevante nell’anno di acquisto e nei successivi fino alla dismissione.

Per procedere con l’accertamento sintetico è necessario verificare che il reddito complessivo netto sinteticamente  accertabile (redditometro) si discosta per almeno un quarto dal reddito imponibile dichiarato e che tale scostamento è verificato per due annualità consecutive.

Inoltre occorre:

- valutare la complessiva posizione reddituale dei componenti il nucleo familiare;

- valutare i redditi imponibili dichiarati per gli anni precedenti i periodi d’imposta oggetto di controllo, nonché gli atti di disinvestimento patrimoniale, successione ereditaria, donazione di denaro, ecc. , che possono aver contribuito alle spese-indice di capacità contributiva.

- valutare attentamente se il soggetto ha dichiarato redditi agrari valutando anche il volume di affari Iva;


3) Le mosse dell’Ufficio

1) Per ciascun contribuente selezionato e inserito nel piano dei controlli  sostanziali, al fine di valutarne la complessiva posizione fiscale, è necessario  preliminarmente notificare una comunicazione informativa circa gli elementi di  capacità contributiva disponibili per i periodi d’imposta oggetto di controllo e del  relativo reddito complessivo netto accertabile determinato sinteticamente, con  invito ad avvalersi della facoltà prevista dall’art. 38 – sesto comma – del d.P.R. n.
600 del 1973 e dall’art. 4 del decreto ministeriale 10 settembre 1992 e successive  integrazioni e modificazioni.

2) Se ritenuto opportuno, sarà prevista la convocazione del contribuente in  Ufficio; in tal caso, gli esiti del colloquio saranno raccolti in un verbale nel quale  sarà dato atto della documentazione prodotta, delle argomentazioni e degli
elementi forniti. Tale verbale costituisce documento formale nell’ambito del  procedimento di accertamento.

La determinazione sintetica del reddito sulla base del c.d. redditometro rientra nell’ambito applicativo dell’accertamento con adesione.
Al fine di conferire il massimo grado di sostenibilità alla pretesa tributaria, gli Uffici, sussistendone i presupposti, valuteranno l’opportunità di esperire le indagini finanziarie nei confronti del soggetto sottoposto a controllo.
Gli elementi fonte di innesco dei controlli devono essere portati a  conoscenza del contribuente analiticamente.

4) La difesa del contribuente

I contribuenti potranno fornire argomentazioni e documenti che gli Uffici devono valutare attentamente, al fine di pervenire a determinazioni reddituali pienamente convincenti, in particolare, quando la determinazione sintetica del reddito complessivo netto si fonda unicamente sul contenuto induttivo degli elementi di capacità contributiva.

Il contribuente potrà dimostrare che i redditi provengono da:

- redditi esenti;
- redditi assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta;
- somme riscosse a titolo di disinvestimenti patrimoniali;
- somme provenienti da altri componenti il nucleo familiare;
- eredità, donazioni vincite;
- redditi conseguiti a fronte di importi fiscali convenzionali (ad esempio, i redditi agrari tassati non in base al reddito effettivamente prodotto, bensì alle rendite catastali aggiornate);
- utilizzo di somme riscosse, fuori dall’esercizio dell’impresa, a titolo di  risarcimento patrimoniale.

Qualsiasi prova documentale o argomentazione per contrastare le pretese dall'Ufficio.



Allegato

Circolare n. 49 del 9/08/2007
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITOMETRO · 05/05/2023 Auto d’epoca: sono indice di capacità reddituale e contributiva

Secondo la Corte di Cassazione anche la proprietà di un’auto d’epoca è indice di capacità reddituale e contributiva ai fini del Redditometro

Auto d’epoca: sono indice di capacità reddituale e contributiva

Secondo la Corte di Cassazione anche la proprietà di un’auto d’epoca è indice di capacità reddituale e contributiva ai fini del Redditometro

Redditometro e controllo  c/c anche per i dipendenti

Anche per il lavoratore dipendente possibile il controllo sui conti correnti per somme non collegate alla busta paga, ricorda la Cassazione. Vediamo i dettagli

Redditometro 2021: nuovo decreto del MEF

Conclusa la consultazione pubblica si attende la pubblicazione in Gazzetta del decreto MEF per l’applicazione del redditometro dal 2016

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.