HOME

/

LAVORO

/

SUSSIDI SOCIAL CARD REDDITO DI CITTADINANZA

/

ASSEGNO UNICO: DOMANDA 2024 PER I PERCETTORI DI ADI

Assegno Unico: domanda 2024 per i percettori di ADI

Nuove istruzioni per gli ex percettori di Reddito di cittadinanza che hanno diritto all'Assegno di inclusione: come fare domanda. Carta RDC ancora attiva fino a febbraio 2024

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con il messaggio 2632 del 12 luglio 2023 INPS aveva fornito le prime indicazioni per i percettori del Reddito di Cittadinanza, terminato  per molti  a luglio 2023   per fare posto:

  •  all'Assegno di inclusione (dal 2024) oppure 
  • al Supporto per la formazione e il lavoro da settembre 2023,

 come previsto dalla  legge di bilancio 2023 e dal decreto legge  48 2023 del Governo Meloni.

In particolare l'istituto si sofferma  sulla fruizione dell'Assegno Unico e universale per i figli maggiorenni da parte dei nuclei che percepivano il RDC e non avranno più diritto dal 1 gennaio 2024

Come noto per i percettori di reddito di cittadinanza l'importo dell'Assegno unico veniva erogato  nella carta RDC, conguagliando la  quota per i figli a carico

Il 7 agosto  l'istituto di previdenza ha pubblicato un messaggio n. 2896/2023  con le indicazioni operative  sui  pagamenti dell'Assegno unico fino a febbraio 2024

Con il messaggio 258 2024 l'istituto ricorda  ai percettori del nuovo Assegno di inclusione  che sono tenuti a inoltrare una nuova domanda di Assegno Unico . Vedi ultimo paragrafo.

Regime transitorio  Reddito di cittadinanza dopo il Decreto Lavoro 48 2023

L'istituto ribadisce che pur rimanendo confermata la previsione generale relativa al riconoscimento del Reddito di cittadinanza nel limite massimo di sette mensilità  per i nuclei composti solo da soggetti "occupabili" (tra 18 e 59 anni senza disabilità o carichi di cura)  e, comunque, non oltre il termine del 31 dicembre 2023, l’articolo 13, comma 5, del decreto-legge n. 48/2023 ha previsto che tale  limite temporale non si applica per i percettori del Reddito di cittadinanza per i quali venga comunicata all’INPS la presa in carico da parte dei servizi sociali entro il suddetto termine di sette mesi, e comunque non oltre il 31 ottobre 2023

In questi casi i percettori potranno continuare a fruire del Reddito di cittadinanza fino al 31 dicembre 2023.

Necessario a questo fine che l'istituto riceva dai servizi sociali  del Comune non oltre il 31 ottobre 2023, la comunicazione della presa in carico;  in caso contrario l’erogazione  del Reddito di cittadinanza viene interrotta  ma può riprendere per tutte  le mensilità sospese,  dopo tale comunicazione.

Si ricorda anche che per i nuclei familiari al cui interno siano presenti :

  • persone con disabilità, come definite ai sensi del regolamento in materia di ISEE, di cui al D.P.C.M. n. 159/2013, 
  • minorenni o 
  • persone con almeno sessanta anni di età 

la scadenza   è fissata al  31 dicembre 2023, con eventuale  diritto poi al nuovo Assegno di Inclusione. 

Domanda Assegno unico  e termine del Reddito di Cittadinanza

Nel messaggio 2632/2023  INPS  richiedeva ai  nuclei familiari aventi diritto alla prestazione di Assegno unico e universale  dopo la scadenza delle sette mensilità del Reddito di cittadinanza,  di fare  domanda  entro l’ultimo giorno del mese di competenza del Reddito di cittadinanza, 31 luglio 2023.

Nelle ipotesi di sospensione del Reddito  in attesa della  presa in carico dei soggetti non attivabili al lavoro, il termine è fissato al  31 ottobre 2023.

In tali casi, a seguito della presentazione della domanda, l’Assegno unico e universale verrà erogato per l’intero importo spettante, salvo eventuali conguagli d’ufficio nel caso di ripresa temporanea dell’erogazione del Reddito di cittadinanza per la presa in carico da parte dei servizi sociali, come in precedenza specificato.

Anche i nuclei ai quali non si applica il limite di sette mensilità, dovranno presentare autonoma domanda per il riconoscimento dell’AUU, qualora percepiscano la quota integrativa entro l’ultimo giorno del mese di competenza del Reddito di cittadinanza cosi che potranno ricevere  l'assegno unico con continuità  dal mese successivo alla cessazione  del Rdc.

 L'inps ricordava, infine, che  dal 1° gennaio 2024, tutti i nuclei familiari con figli a carico, qualora non l’avessero già presentata in precedenza, dovranno presentare la domanda di AUU per percepire la prestazione aggiornata,  dal 1° marzo 2024. 

La richiesta di AUU per i percettori di ADI

come anticipato nei messaggi precedenti INPS ricorda che a decorrere dalla mensilità di marzo 2024, è necessario presentare una nuova domanda di Assegno unico e universale per i figli a carico. L’eventuale presentazione della domanda di ADI da parte dei nuclei potenziali beneficiari della nuova misura, infatti, non sostituisce in alcun modo la domanda di AUU 

L'obbligo vale anche per i nuclei familiari che includono figli nella fascia di età compresa tra 18 e 21 anni, per i quali è intervenuta la sospensione del RdC nel corso dell’anno 2023  e per i quali l’INPS garantisce la fruizione della prestazione fino alla competenza del mese di febbraio 2024. 

L'istituto sottolinea l'importanza di verificare la correttezza dei dati di pagamento in particolare del codice IBAN del conto corrente o della carta prepagata, che deve essere intestato/cointestato al richiedente la prestazione.

La domanda di  AUU e l’ISEE aggiornato possono essere presentati entro il termine del 30 giugno 2024, senza perdita degli arretrati.

In assenza dell’ISEE  aggiornato infatti  l'assegno unico sarà versato a partire dal mese di marzo 2024  con l'importo minimo e solo con  nuova Dichiarazione sostitutiva unica (DSU)  presentata entro il 30 giugno 2024, gli importi eventualmente già erogati per l’annualità 2024 saranno adeguati a partire dal mese di marzo 2024 con la corresponsione dei relativi arretrati.

La domanda di Assegno Unico  va inoltrata in modalità telematica attraverso:

-    il sito internet dell’Istituto (www.inps.it), ed autenticandosi con SPID, Carta Nazionale dei Servizi (CNS) e Carta di Identità Elettronica (CIE);

-    gli Istituti di patronato 

a questo LINK.


Tag: SUSSIDI SOCIAL CARD REDDITO DI CITTADINANZA SUSSIDI SOCIAL CARD REDDITO DI CITTADINANZA LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUSSIDI SOCIAL CARD REDDITO DI CITTADINANZA · 15/02/2024 Domande Assegno inclusione: richieste riesame dal 27.2

INPS riepiloga le procedura di risposta alle domande dell'Assegno di inclusione: cosa fare in caso di richieste respinte, sospese

Domande Assegno inclusione:  richieste riesame dal 27.2

INPS riepiloga le procedura di risposta alle domande dell'Assegno di inclusione: cosa fare in caso di richieste respinte, sospese

Assegno inclusione 2024, tutte le regole e calendario pagamenti

Pagamento dell'assegno di Inclusione ADI, in sostituzione del Reddito di cittadinanza: i requisiti e la procedura per ottenerlo. Nuovi dettagli su verifica condizioni

Bonus trasporti 2024: solo con Carta Dedicata a Te

Il bonus trasporto pubblico nel 2024 va solo ai destinatari della Carta dedicata a te. Norme e dettagli

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.