HOME

/

FISCO

/

RIFORME DEL GOVERNO MELONI

/

AMMORTIZZATORE UNICO PER ALLUVIONE: DAL 6 NOVEMBRE LE RICHIESTE DI RETTIFICA

Ammortizzatore unico per alluvione: dal 6 novembre le richieste di rettifica

Inps completa le istruzioni sull' ammortizzatore unico semplificato per l'emergenza alluvione Emilia di maggio 2023. Irreperibilità lavoratori, domande di rettifica

Ascolta la versione audio dell'articolo

Per la nuova cassa integrazione "unica" semplificata  prevista dal Decreto-Legge Alluvione n. 61 2023 con le  misure di emergenza per l' Emilia  Romagna  iNPS  ha fornito le istruzioni dettagliate con la circolare di istruzioni 53/2023  dell'8.6.2023 e  con il messaggio 2215  del 14 giugno 2023 , chiarendo che era sufficiente per la richiesta  un semplice file csv, tramite comunicazione Bidirezionale, senza documentazione, all'INPS,  che dopo i controlli  procede con pagamento diretto. 

Con il  messaggio del 22 giugno ha chiarito anche le indicazioni per la compilazione degli Uniemens (vedi ultimo paragrafo) il  termine  per l'invio è scaduto, con la proroga , il 10 luglio scorso

L'istituto ha pubblicato il 31 ottobre un nuovo messaggio 3825 2023   che fornisce nuove istruzioni sulla consultazione delle domande, la gestione degli esiti in particolare per i casi di irreperibilità del lavoratore e l’invio delle istanze di rettifica, oltre che chiarimenti per la presentazione delle domande da parte delle Aziende agricole

Ammortizzatore Unico: domande respinte per irreperibilità 

Inps precisa che per ogni domanda presentata tramite il servizio di “Comunicazione Bidirezionale il datore di lavoro richiedente riceve una risposta con gli esiti dei controlli effettuati e in caso di anomali riceve anche un file con le decodifiche dei codici di errore.

Eventuali risposte dirette  a questo tipo di messaggio  dall'11 agosto 2023 in poi  vengono scartate perche  si richiede  invece la creazione di una nuova richiesta 

 nel “Cassetto Previdenziale del Contribuente”.

L'istituto sottolinea che   la residenza nelle zone alluvionate  è prevista come requisito di accesso solo per i lavoratori subordinati, sia di datori di lavoro privati che di Aziende agricole, che siano stati impossibilitati a recarsi al lavoro

Diversamente, detto requisito non rileva né per i lavoratori che siano stati impossibilitati a prestare attività lavorativa, né per quelli che siano stati impossibilitati a recarsi al lavoro in quanto domiciliati in uno dei comuni alluvionati.

 Nel caso in cui i lavoratori subordinati risultassero irreperibili, le relative domande sono oggetto di reiezione automatizzata. In questo caso il datore di lavoro dovrà comunicare al lavoratore che in assenza di una regolarizzazione  presso il comune in cui è residente, il pagamento non potrà essere effettuato.

Per tutte le altre tipologie di lavoratori l’irreperibilità non rileva e, in presenza di tutti gli altri requisiti  la prestazione va in pagamento, salvo il caso  di pagamento con  bonifico domiciliato. In tale ipotesi, il datore di lavoro riceve il messaggio  tramite “Comunicazione bidirezionale” e dovrà rinviare la domanda fornendo gli estremi di un IBAN valido.

Ammortizzatore Unico Gestione delle domande di rettifica 

Il messaggio 3825 informa che  dal 6 novembre 2023, qualora il datore di lavoro volesse rettificare i dati di una domanda già trasmessa e non respinta, deve prima annullare la precedente domanda, inviando un flusso con la medesima “Posizione-contributiva”, “Codice-Fiscale-Lavoratore”, “Competenza” e “Tipologia beneficiario” con l’indicazione di un numero di giorni di sospensione pari a “0”, e poi inviare la nuova domanda con i dati rettificati.

Diversamente, tutte le domande aventi a oggetto la medesima “Posizione-contributiva”, “Codice-Fiscale-Lavoratore”, “Competenza” e “Tipologia beneficiario” di una precedente domanda già inviata saranno oggetto di reiezione con codice C00.1 (Posizione già trasmessa).

Le domande che a parità di “Posizione-contributiva”, “Codice-Fiscale-Lavoratore” e “Competenza” di una precedente richiesta già inviata presentano una “Tipologia beneficiario” diversa, vengono invece considerate e gestite come due domande indipendenti l’una dall’altra. Per cui la seconda viene istruita e liquidata nel rispetto del numero massimo di giorni autorizzabili, a norma del decreto 67 2023 (v. sotto)

Sulla base dei dati inviati viene effettuato il ricalcolo e in caso di  eccedenza  l’Istituto avvierà le conseguenti attività di recupero del credito.

Si sottolinea altresì che dal momento che le presenti indicazioni sono operative dalla data del 6 novembre 2023, eventuali flussi con numero giorni di sospensione pari a “0” inviati prima della suddetta data, sono stati respinti e non hanno avuto effetti sulle eventuali domande precedenti.

Cassa integrazione alluvione:  a chi spetta 

Ricordiamo che sono a disposizione  620 milioni per  il nuovo ammortizzatore sociale   che è :

  • unico  per tutti i settori produttivi  
  • semplificato nelle procedure
  • non  richiede  l'accordo preventivo con le rappresentanze sindacali 
  • riguarda i lavoratori  in forza alla data del 1 maggio 2023.

Da sottolineare anche che è possibile  annullare le richieste di CIG e CISOA ordinarie eventualmente già richieste  e chiedere invece la nuova integrazione.

Nello specifico la cassa integrazione Unica spetta:

  •  ai lavoratori subordinati del settore privato che, alla data del  2 maggio 2023 ( posto che il 1 maggio era festivo) , risiedono o sono domiciliati ovvero  lavorano  presso  un'impresa che ha sede legale  od  operativa  in  uno  dei  territori  indicati nell'allegato  1  e  che procede a limitazioni o sospensioni dell'attività a seguito degli eventi straordinari emergenziali  dichiarati con delibera dello stato di emergenza  del  Consiglio  dei  ministri  e' riconosciuta dall'INPS, entro il limite temporale del  31 agosto  2023 per un massimo di 90 giornate una  integrazione  al  reddito,   con   relativa  contribuzione figurativa, di importo mensile massimo  pari  a  quello previsto per le integrazioni salariali  di  cui  all'articolo  3  del  decreto  legislativo  14  settembre  2015,  n.   148. 
  • Con il messaggio 225 del 14 giugno viene precisato che  l'impossibilità, in conseguenza degli straordinari eventi atmosferici in oggetto, non deve intendersi riferita all’intero complesso aziendale ma è sufficiente che riguardi soltanto un settore dello stesso o una singola fase/attività .
  •  La  stessa   integrazione al reddito e' riconosciuta anche ai  lavoratori  privati  dipendenti, impossibilitati in tutto o in parte a recarsi al  lavoro,  ove residenti o domiciliati nei medesimi territori  e  ai  lavoratori   agricoli impossibilitati a prestare  l'attivita'  lavorativa , fino ad un massimo di quindici giornate. ATTENZIONE : l’accesso all’ammortizzatore sociale “unico” è ammesso a prescindere dalla circostanza che l’attività lavorativa si svolga all’interno o al di fuori dei territori ricompresi nell’allegato 1.
  • L'impossibilita' di recarsi al lavoro, deve  essere  collegata  a  un  provvedimento  normativo  o  amministrativo  direttamente connesso  all'evento  alla interruzione o impraticabilita' delle  vie  di  comunicazione  ovvero  alla  inutilizzabilita'  dei  mezzi   di   trasporto,   o  alla  inagibilita'  della  abitazione ,   alle  condizioni di salute di familiari  conviventi,  ovvero  altri avvenimenti che abbiano richiesto la presenza del lavoratore in luogo  diverso.

Cassa integrazione alluvione agricoltura

  • Ai lavoratori agricoli, che alla data dell'evento  straordinario emergenziale  hanno  un  rapporto  di  lavoro  attivo,  e'   concessa  l'integrazione al reddito di cui al comma 1 entro il  limite  massimo di  novanta   giornate.   
  • Per   i   restanti   lavoratori   agricoli non attivi l'integrazione  e'  concessa  per  un  periodo pari al numero di  giornate  lavorate  nell'anno  precedente,  detratte le giornate lavorate nell'anno in  corso,  entro  il  limite  massimo di novanta e rilevano ai fini del calcolo delle prestazioni  di disoccupazione agricola.

AGGIORNAMENTO  31 OTTOBRE

Nel messaggio  3825 2023 INPS precisa che 

Dopo l’accesso è necessario :

  • selezionare la voce dal menu a sinistra denominata “Cassetto Previdenziale del Contribuente”. Per il corretto funzionamento è necessario abilitare i pop-up.
  •  selezionare una Posizione Contributiva (CIDA) tra quelle presenti nel sistema “Gestione deleghe” 
  • nel menu a sinistra. Selezionando la voce “Contatti/Lista Comunicazioni”, verrà aperta una finestra  per una  nuova comunicazione.
  • selezionare  l’oggetto “Ammortizzatore Unico”
  • , inserire il testo della comunicazione e allegare il file nel formato CSV. 
  • verificare la correttezza dei contatti visualizzati prima di effettuare l’invio

Terminate le suddette operazioni, la richiesta sarà presa in carico e i datori riceveranno gli esiti delle verifiche effettuate.

 Cassa integrazione alluvione Emilia:  semplificazioni datori di lavoro 

 I datori di lavoro che presentano domanda per le integrazioni  in  conseguenza  degli  eventi alluvionali  di  cui  al  presente  decreto,  sono  dispensati

  • dall'osservanza degli  obblighi  di  consultazione  sindacale  e 
  • dai  limiti temporali previsti dal decreto legislativo 14 settembre  2015, n. 148
  • dal versamento del contributo addizionale art. 5   d.lgs 148 2015

 Queste integrazioni al reddito   sono  incompatibili con tutti i trattamenti di  integrazione  salariale  vigenti (per gli stessi periodi) ma  non   sono conteggiati ai fini  delle durate massime complessive.

Cassa integrazione alluvione Emilia:  importo e domanda

Nella circolare INPS  riepiloga in contenuti del decreto e riporta  in allegato l’elenco delle località per le quali è previsto il ricorso al nuovo ammortizzatore unico.

Diversamente da quanto specificato nel decreto l'Istituto non richiede documentazione specifica per il diritto riservandosi controlli solo ex post 

Da sottolineare la quantificazione del  importo, per il quale va fatto  riferimento  al  massimale previsto dalla legge fissato per il 2023 ( v. circolare INPS)  a 1.321,53 euro, al netto della riduzione ex legge 41/1986 (5,84%) . 

La nuova integrazione salariale  verrà erogata con pagamento diretto dell'INPS , senza anticipazioni da parte delle aziende, e comprende anche la contribuzione previdenziale figurativa 

Dal punto di vista delle comunicazioni sindacali sono lasciate alla libera scelta delle aziende che possono decidere se   effettuarle  o meno e, nel primo caso, sia prima che dopo la richiesta all'INPS .

Le domande possono essere effettuate dal datore di lavoro all'INPS  dal 15 giugno 2023  alla fine del mese successivo alla sospensione lavorativa( Il termine non è decadenziale).

Va utilizzato un  file in formato .csv  da inoltrare  tramite Comunicazione Bidirezionale, all’interno del Cassetto Previdenziale del Contribuente / Contatti, sotto la voce “CIGO- CIGS - Solidarietà”, selezionando l’apposito oggetto “Ammortizzatore Unico”.

Cassa integrazione alluvione Emilia alternativa a CIGO, CISOA o FIS

 Riguardo  l' incompatibilità   del nuovo ammortizzatore sociale unico  con gli strumenti già vigenti Inps precisa che  i lavoratori che, per i medesimi periodi, sono destinatari dei trattamenti ordinari  non possono fruirne.

Questo comporta che per i datori di lavoro appartenenti ai settori dell’Artigianato e della Somministrazione, tutelati dai Fondi di solidarietà bilaterali  la richiesta equivale ad implicita dichiarazione di non aver fatto richiesta, per i medesimi periodi e per gli stessi lavoratori, dell’Assegno di integrazione salariale a carico dei predetti Fondi di solidarietà.

ATTENZIONE I datori che abbiano  inoltrato domanda di CIGO, AS FIS e/o dei Fondi di solidarietà bilaterali  o CISOA  e volessero optare per la nuova misura di sostegno potranno richiedere, con la massima urgenza, alla Struttura territoriale  competente, l’annullamento dell’originaria istanza e poi  dovranno presentare domanda per accedere alla nuova misura di sostegno di cui trattasi.

 Con il messaggio 2215 Inps precisa ancora che   la misura di sostegno può essere richiesta dai datori di lavoro per un massimo di 90 giornate da collocare nell’arco temporale che va dal 2 maggio 2023 al 31 agosto 2023.

Cassa integrazione alluvione Emilia:  istruzioni Uniemens

Nel messaggio 2325 del 22 giugno che fornisce le istruzioni per la compilazione dei flussi Uniemens delle diverse gestioni , l'istituto  precisa  tra l'altro che:

I datori di lavoro con dipendenti iscritti all’assicurazione generale obbligatoria e ad altri fondi speciali nelle  denunce individuali dovranno valorizzare la causale dell’assenza nell’elemento <CodiceEvento> di <Settimana> con il codice di nuova istituzione “AUA”, avente il significato di “Ammortizzatore Unico Alluvionati”, procedendo alla valorizzazione del “tipo copertura” delle settimane in cui si collocano i periodi indennizzati con le consuete modalità.

Nell’elemento <Giorno> interessato dall’evento dovranno essere fornite le informazioni 

-    Elemento <Lavorato> = N; 

-    Elemento <TipoCoperturaGiorn> = 1 o 2 (in caso di integrazione a carico del datore di lavoro);

-    Elemento <CodiceEventoGiorn> = AUA.

Il valore    <DiffAccredito> andrà determinato sulla base della retribuzione globale che sarebbe spettata al lavoratore per le giornate di lavoro non prestate, comprensiva dei ratei relativi alle competenze ultra-mensili.

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO RIFORME DEL GOVERNO MELONI RIFORME DEL GOVERNO MELONI ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORME DEL GOVERNO MELONI · 12/07/2024 Congruità edilizia: le novità del DL Coesione

Norme più stringenti per la verifica di congruità della manodopera negli appalti in edilizia nel Decreto Coesione convertito in legge

Congruità edilizia:  le novità del DL Coesione

Norme più stringenti per la verifica di congruità della manodopera negli appalti in edilizia nel Decreto Coesione convertito in legge

Liste d'attesa visite mediche: novità dal Governo

DL e un DDL con misure urgenti per sbloccare le liste d'attesa delle visite mediche e garantire le prestazioni sanitarie: controlli e divieto di chiudere le prenotazioni

Indennità mobilità aree di crisi  Sicilia: proroga 2024

Proroga 2024 dell'indennità ai lavoratori delle aree di crisi complessa della Sicilia: indicazioni nel Messaggio INPS 1850 2024

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.