HOME

/

LAVORO

/

MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

/

ASSEGNO UNICO 2023: ISEE DA RINNOVARE ENTRO FINE FEBBRAIO

Assegno unico 2023: ISEE da rinnovare entro fine febbraio

Scade il 28 febbraio il termine per l'invio della DSU aggiornata sia per le nuove domande di Assegno unico che per l'aggiornamento del precedente. Ecco le istruzioni

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con la circolare 132 del 15 dicembre 2022  l'INPS ha fornito  le istruzioni  sull'assegno unico universale per i figli a carico introdotto dal decreto legislativo n. 230/2021,   e in particolare sulle novità riguardanti le modalità di domanda per ottenerlo nel 2023.

Si specifica  che  coloro che, nel corso del periodo gennaio 2022 – febbraio 2023, hanno presentato una domanda di Assegno unico e che non sia stata respinta, revocata o decaduta od oggetto di rinuncia,  NON sono tenuti a presentarne una nuova in quanto l’INPS continuerà a erogarlo  d’ufficio.

La circolare specifica che :

  • il pagamento dell'assegno proseguirà in continuità laddove la domanda si trovi nello stato di “Accolta”, mentre
  •  l’erogazione per le domande in stato di “In istruttoria”, “In evidenza alla sede”, “In evidenza al cittadino”, “Sospesa”, inizierà al termine degli specifici controlli previsti per le domande che si trovano in tali stati, qualora le verifiche si completino con esito positivo.
  • Nei casi in cui vi siano state variazioni rispetto alle condizioni dichiarate nelle domanda presentate  i richiedenti  dovranno intervenire sulla apposita piattaforma per comunicarle 

In assenza di variazioni segnalate dall’utente ovvero  anche rilevate in automatico dalle procedure dell’Istituto, l’Assegno unico e universale verrà erogato alle condizioni già in essere  fino a febbraio  2023  mentre da marzo farà fede il nuovo isee 2023 (v. sotto)

Assegno unico: obbligo di DSU aggiornata

Per tutti gli aventi diritto è necessario presentare una nuova DSU per l’anno 2023, per ottenere a partire dal mese di marzo gli importi spettanti dell’Assegno unico  sulla base della propria situazione economica e per ottenere le maggiorazioni, anche sulla base delle modifiche apportate dalla legge di bilancio 2023.

In assenza di una nuova DSU presentata per il 2023 l’importo dell’Assegno unico e universale sarà versato con gli importi minimi previsti.

Inoltre va tenuto presente che

  1. Se la  DSU aggiornata  viene presentata entro il 28 febbraio 2023,  gli importi saranno adeguati già da marzo 2023
  2. Se la  DSU aggiornata  viene presentata entro il  30 giugno da quella data saranno erogati anche gli arretrati (marzo-giugno)

L'  ISEE può essere presentato in modalità ordinaria o precompilata e che sono disponibili modalità semplificate di accesso al Sistema ISEE, mediante la propria identità digitale, da parte di tutti i componenti maggiorenni che autorizzano il dichiarante alla precompilazione dell’ISEE.

Assegno unico 2023:  comunicazione delle variazioni 

In alcuni casi è necessario modificare la domanda di Assegno unico e universale inizialmente presentata e/o presentare una dichiarazione sostitutiva unica (DSU) aggiornata. Si tratta in particolare dei casi di  

- la nascita di figli;

- la variazione o inserimento della condizione di disabilità del figlio;

- le variazioni della dichiarazione relativa alla frequenza scolastica/corso di formazione per il figlio maggiorenne (18-21 anni);

- le modifiche attinenti all’eventuale separazione/coniugio dei genitori;

- i criteri di ripartizione dell’Assegno tra i due genitori sulla base di apposito provvedimento del giudice o dell’accordo tra i genitori;

- variazione delle condizioni che occorrono per la spettanza delle maggiorazioni previste dagli articoli 4 e 5 del decreto legislativo n. 230/2021;

- variazioni delle modalità di pagamento prescelte dal richiedente e/o dall’eventuale altro genitore.

Domanda  Assegno unico per i nuovi beneficiari

In caso di soggetti che non hanno mai beneficiato dell’Assegno unico e universale o che hanno presentato domanda  risultata  “Respinta” o “Decaduta”, “Rinunciata” o “Revocata”, devono presentare una nuova domanda di Assegno unico e universale.

Possono essere utilizzati i seguenti canali 

  1. portale web dell’Istituto, www.inps.it., se si è in possesso di SPID di Livello 2 o superiore, di una Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  2. Contact Center Integrato, contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori);
  3. Istituti di Patronato, utilizzando i servizi offerti dagli stessi.

 Si ricorda che:

  •  per le domande presentate entro il 30 giugno dell’anno di riferimento, l’Assegno è riconosciuto  dal mese di marzo dello stesso anno. 
  • se la presentazione avviene dopo il 30 giugno  la prestazione decorre dal mese successivo a quello della domanda.

Per verificare il possibile importo di assegno unico 2023 sulla base delle novità   della nuova legge di bilancio scarica il tool  ASSEGNO UNICO 2023 in excel  (previsto  l'aggiornamento gratuito in caso di modifiche della normativa).

Per sapere come si richiede leggi anche ISEE 2023 guida completa

Tag: MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LAVORO ESTERO 2023 · 22/05/2024 Frontalieri: diritto alle stesse prestazioni sociali dei residenti

Nella sentenza 27/23 la Corte di Giustizia Europea specifica i diritti del lavoratori frontalieri in tema di prestazioni sociali come l'assegno familiare per i minori in affido

Frontalieri: diritto alle stesse prestazioni sociali dei residenti

Nella sentenza 27/23 la Corte di Giustizia Europea specifica i diritti del lavoratori frontalieri in tema di prestazioni sociali come l'assegno familiare per i minori in affido

Bonus maternità atlete  2024:  istruzioni e modello

Rifinanziata l'indennità di maternità per le sportive non professioniste: come fare domanda, modello e requisiti di accesso

Assegni nucleo familiare Tabelle 2024-2025

Circolare INPS 65/2024: tabelle aggiornate degli importi e livelli di reddito degli assegni per il nucleo familiare (ANF)

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.