E Book

ISEE 2023 (eBook)

15,90€ + IVA

IN SCONTO 16,90

E Book

Bilancio di esercizio 2022 (eBook 2023)

18,90€ + IVA

IN SCONTO 19,90
HOME

/

LAVORO

/

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

/

CIGS E FORMAZIONE OBBLIGATORIA: LE REGOLE

CIGS e formazione obbligatoria: le regole

In vigore il decreto ministeriale che prevede l'obbligo di riqualificazione dei lavoratori in cassa integrazione straordinaria, prevista dall'ultima legge di bilancio



 Con il decreto ministeriale del 2 agosto 2022 pubblicato in Gazzetta ufficiale il 29.9.2022 sono entrate in vigore le modalità per la realizzazione dei progetti di formazione obbligatori per i lavoratori in cassa integrazione straordinaria, destinatia a agevolarne  il reinserimento sia nell' azienda di provenienza che in altre realtà.

Il decreto era atteso a seguito delle norme contenute nelle legge di bilancio 2022 e del DL 4 2022 che hanno modificato la disciplina vigente sulla CIGS (articolo 25-ter, comma 4, del Dlgs 148/2015).

Si ricorda i fatti che le norme prevedono che  il  trattamento  di  integrazione  salariale  possa essere   concesso   "ove   emerga   l'impegno   aziendale   (declinato nell'accordo con le parti sociali, sottoscritto in sede di  procedura  di consultazione sindacale  di  favorire  azioni  finalizzate  alla rioccupazione o all'autoimpiego, quali formazione e  riqualificazione professionale"

Lavoratori interessati

Si prevede in particolare l'obbligo di aderire a iniziative per la formazione e la riqualificazione per  i lavoratori beneficiari di 

  • Cigs, 
  •  trattamenti straordinari assicurati dai Fondi di solidarietà bilaterali, anche alternativi e territoriali (articoli 26, 27 e 40 del Dlgs 148/2015), e
  • del Fis 

nell'ambito degli accordi sindacali stipulati dalle aziende ma anche in base al principio di responsabilizzazione dei singoli.

La mancata partecipazione dei lavoratori senza giustificato motivo, comporta  sanzioni che vanno dal taglio del trattamento di integrazione per una  mensilità fino alla sua decadenza .

Sulle sanzioni viene annunciato un ulteriore decreto del Ministero 

Per quanto riguarda i datori di lavoro  sono tenuti a mantenere gli impegni assunti  negli accordi sindacali e a  darne conto durante  gli accertamenti  ispettivi previsti 

Modalità di  realizzazione dei programmi formativi 

Il decreto prevede che  i progetti formativi o di riqualificazione professionale  devono

  • individuare i fabbisogni di carattere formativo o di riqualificazione dei lavoratori coerenti con la riduzione o sospensione dell'attivita'lavorativa,   
  • con obiettivi individuati  anche  al  fine   del   conseguimento   di   una qualificazione  di  livello  EQF  3  o  4,   in   coerenza   con   la  raccomandazione europea del 2016
  • devono prevedere lo sviluppo di competenze finalizzate  ad  agevolare  il riassorbimento  nella  realta'  aziendale  di  provenienza  ovvero
  • incrementare l'occupabilita' del  lavoratore  anche  in  funzione  di processi di mobilita' e ricollocazione in altre  realta'  lavorative.

Tali progetti possono essere cofinanziati dalle  regioni  nell'ambito  delle rispettive misure di formazione e politica attiva del lavoro. 

I  progetti formativi o di riqualificazione devono contemplare: 

  • le esigenze formative collegate  al  programma  di  intervento dell'integrazione salariale straordinaria ai  fini  della  ripresa  a regime dell'attivita' lavorativa in azienda 
  •  la valorizzazione del patrimonio delle competenze  possedute dal lavoratore, ove pertinente, anche attraverso servizi di  individualizzazione o validazione delle competenze; 
  •   personalizzazione   dei   percorsi   di apprendimento, sulla base della valutazione in  ingresso,  
  •  prevedere alla fine del percorso formativo il  rilascio  di  una attestazione di trasparenza, di validazione o di  certificazione  dei  risultatii sensi e per gli effetti del decreto 16 gennaio  2013,  n. 13 e del decreto interministeriale 5 gennaio 2021. 

 Il ruolo dei fondi paritetici interprofessionali 

 I fondi paritetici interprofessionali  possono finanziare azioni formative sul Conto  individuale o formazione oppure attraverso la pubblicazione di avvisi

per la  concessione  di  finanziamenti  sul  Conto  collettivo  o  di  sistema, per la realizzazione di  attivita'  formative  che  facciano  specifico riferimento alle finalita'  sopracitate 

 Per  il  finanziamento  delle   iniziative   formative   o   di riqualificazione  per gli anni 2022 e 2023, i fondi  paritetici interprofessionali possono beneficiare  del  rimborso  del  versamento di cui all'art. 1, comma  722,  della  legge  23  dicembre  2014, n. 190, previsto ai sensi dell'art. 1, comma 242 della legge 30 dicembre 2022, n. 234. 

Ti possono interessare:

La busta paga guida operativa di MC Prudente Libro di carta Maggioli editore

La cessazione del rapporto di lavoro di C. Colosimo - Libro di carta Maggioli editore

Tag: ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 08/02/2023 FIS e Fondi solidarietà: INPS corregge le istruzioni

Le istruzioni INPS per le comunicazioni dei trattamenti fruiti per le richieste di assegni di integrzione 2023. Invio ancora possibile

FIS e Fondi solidarietà: INPS corregge le istruzioni

Le istruzioni INPS per le comunicazioni dei trattamenti fruiti per le richieste di assegni di integrzione 2023. Invio ancora possibile

Importi Naspi, Discoll, Cassa integrazione 2023

Gli importi massimi degli ammortizzatori sociali per il 2023 aggiornati dall'INPS nella circolare 14 2023

Bonus 200 euro: per i  collaboratori riesame d'ufficio

Nuove istruzioni INPS per le domande respinte del bonus 200 euro per collaboratori assegnisti, occasionali e stagionali. Tabella di riepilogo dei requisiti. Scadenza 28 febbraio 23

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.