HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

TASSAZIONE TFM: NOVITÀ 2022

3 minuti, Redazione , 26/04/2022

Tassazione TFM: novità 2022

Sulla tassazione del Trattamento di Fine Mandato due importanti precisazioni da Cassazione e Agenzia delle Entrate in tema di rinuncia e di società estinta.


Nuove importanti precisazioni  su casi particolari  si sono aggiunte sul tema sempre dibattuto del  TFM  trattamento di fine mandato degli amministratori e della sua tassazione. 

La Risposta a interpello  dell'Agenzia n.204  del 21.4.2022  si occupa di un TFM emerso dopo l'estinzione della società mentre nell'Ordinanza di Cassazione n. 12222-2022 si riepilogano le motivazioni sulla tassazione della rinuncia al TFM.

Si tratta, ricordiamo dell'indennità che viene solitamente accantonata nel bilancio della società e corrisposta agli amministratori al termine del loro mandato il cui importo è stabilito per libera contrattazione tra le parti, sulla base della  dimensione aziendale  e definite secondo la norma  da una delibera assembleare o dall’atto costitutivo  con la costituzione del rapporto di collaborazione con l'amministratore stesso.

Il trattamento di fine mandato, sottoposto a tassazione nell’anno fiscale in cui viene percepito, può essere sottoposto a tassazione ordinaria o separata.

Se la scelta per la tassazione ordinaria è sempre possibile per il contribuente, la possibilità di optare per la tassazione separata è subordinata all’esistenza di determinati requisiti.

Leggi in merito anche Inquadramento fiscale del Trattamento di fine mandato e della sua rinuncia.

Tassazione TFM da società estinta

Con l'interpello n. 204 del 21 aprile 2022 l'Agenzia delle Entrate ha fornito un chiarimento rispetto alla tassazione del TFM  per l'amministratore di una società estinta con erogazione del trattamento attraverso una polizza assicurativa precedentemente stipulata.

Il quesito era stato posto dal liquidatore di una  società   cancellata dal Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Roma, il quale aveva appreso, dopo la cessazione, dell'esistenza  di una polizza, stipulata dalla Società prima della cessazione, per il Trattamento di Fine Mandato (TFM) in "favore di un socio, procuratore della Società. Chiedeva se fosse necessario effettuare il versamento delle Ritenute Fiscali da parte della Società estinta, provvedendo egli stesso in qualità di liquidatore.

 L' ente fiscale ha chiarito che  le somme non potranno essere assoggettate a ritenuta in quanto alla data di erogazione  la società risulta cancellata dal Registro delle imprese e, pertanto, estinta.

Leggi anche l'articolo su un ulteriore interpello del 2021 Tassazione TFM trattamento fine mandato.

Cassazione su tassazione TFM  in caso di rinuncia

Con Ordinanza 14 aprile 2022, n. 12222, in  merito alla tassazione della rinuncia al trattamento di fine mandato da parte del contribuente socio-amministratore di una società, la Corte di Cassazione    ha ribadito, richiamando precedenti pronunce,che la rinuncia al trattamento di fine mandato costituisce, dal punto di vista giuridico, un incasso e, come tale, è soggetto a tassazione.

Il caso riguardava l'avviso di accertamento sull'IRPEF di un amministratore. per il quale la CTP aveva respinto  il ricorso mentre la CTR lo aveva accolto .

I supremi giudici cassano la sentenza affermando  che i motivi di impugnazione da parte dell'agenzia   sono fondati in quanto  la rinuncia al trattamento di fine mandato da un lato costituisce un incasso in senso giuridico e dall'altro arricchisce il socio stesso sotto  forma di aumento del valore della partecipazione sociale.

La uprema corte ricorda i precedenti  e riconferma che  la rinuncia al credito da parte del socio costituisce una prestazione che  viene ad aumentare il patrimonio della società e può comportare anche l'aumento del valore delle sue quote sociali. In tale contesto, allora,  appare corretto ritenere che la rinuncia del credito da parte di un socio sia espressione della volontà di patrimonializzare la società e che,pertanto, non possa essere equiparata alla remissione di un debito da parte di un soggetto estraneo alla compagine sociale. Pertanto la rinuncia presuppone, in tali casi, il conseguimento del credito il cui importo, anche se non materialmente incassato, viene, comunque,"utilizzato" (Cass. n. 7636 del 2017);"ne consegue la tassabilità in capo al socio rinunciatario del credito, anche se non materialmente incassato ma conseguito ed utilizzato, tramite la rinuncia, in favore della società e, quindi, la obbligatorietà in capo a quest'ultima di operare la ritenuta D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 25" (Cass. n. 26842/2014). 

Ti puo interessare in merito anche la nostra Circolare  TFM e tassazione separata: approfondimenti

Tag: REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022 AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 30/06/2022 Bonus 200 euro 2022 chi deve fare domanda?

Ecco categorie e requisiti dei beneficiari dell'indennità una tantum obbligati a fare domanda all'INPS per ottenere il bonus. Come fare

Bonus 200 euro 2022 chi deve fare domanda?

Ecco categorie e requisiti dei beneficiari dell'indennità una tantum obbligati a fare domanda all'INPS per ottenere il bonus. Come fare

Congruità manodopera edilizia:  nuovi valori dal 1 agosto

Tabella delle percentuali di incidenza del costo del lavoro per le categorie specialistiche OS , approvate dalle parti sociali il 24.6.2022 e valide a far data dal 1 agosto 2022.

Bonus COVID 600 euro pescatori: richiesta riesame entro il 17 luglio

Come fare fare richiesta di riesame in caso di diniego dell'indennità COVID 2021 da 600 euro per pescatori autonomi, armatori, soci cooperative di pesca. Tutte le istruzioni

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.