HOME

/

LAVORO

/

APPRENDISTATO E TIROCINI 2023

/

INFORTUNIO DURANTE TIROCINIO O STAGE: DATORE RESPONSABILE PENALMENTE

3 minuti, Redazione , 07/03/2022

Infortunio durante tirocinio o stage: datore responsabile penalmente

Gli obblighi di sicurezza durante tirocini o stage di studenti sono a carico dell'imprenditore ospitante anche in presenza di regolare DVR e di condotta abnorme del lavoratore

Ascolta la versione audio dell'articolo


La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 7093 del 1 marzo 2022, afferma che la responsabilità della sicurezza degli studenti in  sede di tirocinio o stage formativo  resta a carico del titolare della azienda ospitante, non del soggetto formatore. Gli studenti in stage infatti sono da considerare alla stregua dei lavoratori inseriti in azienda.

Il caso analizzato dalla suprema corte riguardava una studentessa dell'Universita di agraria  che nel corso  del tirocinio curricolare presso una azienda vinicola subiva un grave infortunio alla mano durante le operaizoni di pulizia di un tino , svolte assieme ad un dipendente con funzioni di tutor. 

Sul caso il tribunale e la corte di appello di Firenze avevano condannato l'imprenditrice  per il reato connesso al mancato  rispetto delle disposizioni di cui al d.lgs. 81/08.

 Infortunio dello studente in tirocinio: il ricorso del datore di lavoro 

Secondo la  difesa  la normativa di settore, nazionale e regionale, di fonte primaria e regolamentare,  prevede il dovere di adempimento degli obblighi di sicurezza del tirocinante esclusivamente in capo al soggetto promotore, Cita in particolare  Convenzione Quadro del 31.07.2014  stabilisce  che il datore di lavoro fosse l'Università e non l'azienda ospitante  e come rientri fra gli obblighi del soggetto promotore, di provveder  alla copertura assicurativa del tirocinante contro gli infortuni sul lavoro, anche per eventuali attività svolte al di fuori dell'azienda, purchè rientranti nel progetto formativo.

 Il ricorso fa anche riferimento alla " legge regionale della Toscana n. 32 del 26/07/2002, emanata ai sensi dell'art. 19 legge 196/1997 ed in ottemperanza alla "Linee Guida in materia di tirocini" concordate in data 24/01/2013 fra Governo e Regioni, che, all'art. 17-ter prevede l'obbligo per il soggetto promotore di "assicurare il tirocinante contro gli infortuni sul lavoro presso l'Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL)", ad evidente attestazione del fatto che la responsabilità, civile e penale, in caso di infortunio del tirocinante ricade in via esclusiva sul datore di lavoro-promotore"

L'imprenditrice segnalava inoltre di aver fatto effettuare la valutazione dei rischi in aziende da un tecnico abilitato e contestava  il comportamento abonorme della studentessa che avrebbe personalmente tenuto un comportamento pericoloso per la propria incolumita

La Cassazione respinge come totalmente inforndati tutti i motivi di ricorso,   evidenziando che  "correttamente i giudici di appello hanno ritenuto applicabile al caso di specie l'art. 2, comma 1, lett. a) d.lgs. 9 aprile  2008, n. 81", per il quale "al lavoratore è  equiparato, ai fini dell'applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza nei luogi di lavoro, anche chi svolge attività lavorativa nell'ambito  dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere nonché il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento"

Nel caso di  specie  disciplinato dalla "Convenzione quadro per l'attivazione di  tirocini di formazione ed orientamento curriculari e non curriculari", stipulato tra  l'Università degli Studi di Firenze e l'azienda agricola  obblighi sono sia a carico del soggetto  promotore ed obblighi a carico dell'ospitante,  ma da  questa "del tutto negletti".

Inoltre il richiamo  all'obbligo assicurativo dei tirocinanti e relativa  determinazione del premio, non ha attinenza con la sicurezza sui luoghi di  lavoro, precisa la cassazione , mentre conferma che  la sentenza di appello "ha evidenziato in maniera puntuale le regole cautelari violate dal datore di lavoro, ovvero:

  • la omessa previsione del rischio a cui era esposta  la persona offesa nella lavorazione a cui era stata adibita (artt. 28 e 17 d.lgs.81/08), 
  • la omessa formazione e informazione della tirocinante (artt. 36, 37  d.lgs 81/08), 
  • l' omessa fornitura di idonei dispositivi di protezione (art. 77  d.lgs. 81/08).

Infine la  Cassazione  evidenzia anche  che è del tutto irrilevante il richiamo al comportamento abnorme della persona vittima di infortunio . Come ribadito in molte pronunce, "qualora l'evento sia riconducibile alla  violazione di una molteplicità di disposizioni in materia di prevenzione e sicurezza  del lavoro, il comportamento del lavoratore che abbia disapplicato anche elementari norme di sicurezza  non è rilevante in quanto la carenza delle necessarie forme di tutela determinano un ampliamento della sfera di rischio  causato " dall'inerzia del datore di lavoro"( cass 15174 2017). 

Ti possono interessare:

Fonte immagine: Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Tag: APPRENDISTATO E TIROCINI 2023 APPRENDISTATO E TIROCINI 2023 SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 16/02/2024 Fondimpresa e formazione dipendenti: domande di contributi dal 21.04

Fondimpresa: domande di contributi per formazione dei dipendenti delle imprese aderenti. Le regole per presentare domanda da aprile

Fondimpresa e formazione dipendenti: domande di contributi dal 21.04

Fondimpresa: domande di contributi per formazione dei dipendenti delle imprese aderenti. Le regole per presentare domanda da aprile

Assunzioni in apprendistato nel pubblico impiego

Novità per l'inserimento al lavoro di laureati e laureandi under 24 nel pubblico impiego in sinergia tra università ed enti locali. Vediamo come funzionerà

Fondo nuove competenze: precisazione sulle date dei corsi

Avviso ANPAL: non necessario comunicare le variazioni sullo svolgimento delle attività tramite i fondi interprofessionali in MyAnpal

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.