HOME

/

FISCO

/

ACCERTAMENTO E CONTROLLI

/

ANNULLAMENTO DEL DEBITO: COME RICHIEDERE LO SGRAVIO DI UNA CARTELLA IN AUTOTUTELA

Annullamento del debito: come richiedere lo sgravio di una cartella in autotutela

Se un debito non è dovuto si può richiedere il suo annullamento. Vediamo sinteticamente come fare per richiedere lo sgravio.

L’Agenzia delle Entrate Riscossione ha il compito di riscuotere i crediti, ma la richiesta di pagamento vera e propria arriva dagli enti pubblici titolari del credito verso i contribuenti quali ad esempio:

  • INPS, 
  • Agenzia delle entrate, 
  • Comuni, etc

Se il contribuente ritiene che la richiesta di pagamento contenuta nella cartella o nell’avviso inviato dall’Agenzia delle entrate-Riscossione non sia dovuta può chiederne l’annullamento:

  • direttamente all’ente creditore, 
  • al giudice 
  • oppure può inviare una richiesta di sospensione della cartella

Potrebbe interessarti l'e-book Il contenzioso contributivo con l'INPS

Come richiedere l'annullamento cartelle all'ente creditore

L’annullamento da richiedere direttamente all’ente creditore a cui è riferito il tributo è detto sgravio.

È possibile richiedere uno sgravio totale o parziale: nel primo caso il tributo viene annullato per intero, nel secondo caso il tributo viene annullato solo in parte. 

Al provvedimento di sgravio, cioè di annullamento, del tributo dovrà seguire il rimborso, totale o parziale, delle somme eventualmente già pagate

La richiesta da rivolgere all’ente si chiama “autotutela”, con l’autotutela si chiede all’ente di correggere il proprio errore. 

Se l’ente annullerà in tutto o in parte il debito invierà all’Agenzia delle entrate-Riscossione lo “sgravio”, cioè l’ordine di annullare il debito. L’Agenzia delle entrate-Riscossione in questo modo cancellerà quel tributo dalla cartella.

Se invece l’ Agenzia delle entrate-Riscossione non riceve dall’ente lo sgravio è obbligata per legge a procedere con la riscossione.
Attenzione va prestata al fatto che in alcuni casi specifici previsti dalla legge si può chiedere direttamente all’Agenzia delle entrate-Riscossione la sospensione della cartella e attendere l’esito delle verifiche dell’ente creditore.

Leggi anche Sospendere una cartella: ecco i servizi on line per contribuenti di Agenzia Riscossione

Come richiedere l'annullamento cartelle al giudice

Per chiedere di annullare in tutto o in parte il debito presente nella cartella, si può fare ricorso all’autorità giudiziaria competente.

Nel documento che si vuole impugnare, ad esempio la cartella, sono indicate le modalità per farlo.

Se il giudice accoglie il ricorso l’ente dovrà annullare il debito, tuttavia capita a volte che l’ente non si adegui alla decisione del giudice.

In questo caso, si possono far valere le proprie ragioni ricorrendo direttamente al giudice e iniziare il cosiddetto “giudizio di ottemperanza”. 

Si tratta di un ulteriore ricorso per ottenere che l’ente applichi quanto già deciso da altro giudice.

Per segnalare qualsiasi irregolarità riscontrata è possibile, comunque, rivolgersi al Garante del contribuente con richiesta scritta in carta libera, specificando i propri dati anagrafici e il codice fiscale.

Potrebbe interessarti Processo tributario e processo tributario telematico

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 2021 · 29/11/2021 Le responsabilità in caso di acquisto di crediti problematici e le sanzioni applicabili

Profili sanzionatori connessi alla circolazione di crediti d’imposta fittizi alla luce del recente decreto Antifrode n. 157/2021

Le responsabilità in caso di acquisto di crediti problematici e le sanzioni applicabili

Profili sanzionatori connessi alla circolazione di crediti d’imposta fittizi alla luce del recente decreto Antifrode n. 157/2021

Condono cartelle: dal 10.11 torna il servizio di verifica dei piani di dilazione

Con un servizio on line l'agenzia della riscossione permette al contribuente di verificare se alcuni dei propri debiti rientrano nella recente agevolazione del condono cartelle.

I servizi online dell'Agenzia senza registrazione: quali sono?

I servizi online dell'Agenzia accessibili e fruibili senza obbligo di registrazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.