HOME

/

LAVORO

/

PROFESSIONE AVVOCATO

/

AVVOCATI: IL COMPENSO SI PRESUME INCASSATO ALLA CONCLUSIONE DELL’INCARICO

Avvocati: il compenso si presume incassato alla conclusione dell’incarico

Secondo la giurisprudenza è legittima la presunzione di incasso del corrispettivo, per i legali, alla conclusione della causa o dell’incarico, salvo prova contraria

Il compenso dei professionisti legali (si veda ad esempio il recente articolo Avvocati: per ottenere il compenso è necessario un patto in forma scritta) e l’accertamento induttivo costituiscono argomenti sempre d’attualità.

L’ordinanza numero 24255 della Corte di Cassazione, del 9 settembre 2021, tratta proprio di come queste due questioni interagiscono tra loro.

Sotto l’esame della Corte sono i compensi, non percepiti secondo le scritture contabili, ma idealmente (che non equivale a fiscalmente, per i professionisti che seguono la tassazione per cassa) maturati per effetto del completamento o della cessazione dell’incarico.

L’Agenzia delle Entrate, acquisendo le sentenze da vari uffici giudiziari, aveva constatato che, per una parte di queste, il compenso professionale, nonostante la conclusione dell’incarico, non era stato dichiarato tra i redditi imponibili; e, in conseguenza di ciò, effettuava rettifica analitica induttiva ex articolo 39 comma 1 lettera d del DPR 600/73, grazie al quale l’esistenza di attività non dichiarate può essere desunto sulla base di presunzioni semplici: così, in sede di accertamento, questi compensi sono stati considerati dei ricavi conseguiti e non dichiarati.

Il contribuente, uno studio legale associato, al quale era stato chiesto di giustificare il mancato percepimento degli emolumenti, si trincerava dietro le risultanze della contabilità, ma l’accertamento basato sulle presunzioni semplici prescinde dall’attendibilità della contabilità che, in questo caso, tra l’altro, non era stata neanche contestata.

La Corte di Cassazione, con estrema chiarezza, definisce “legittimo” il metodo, basato sulle presunzioni, utilizzato per individuare “il momento della effettiva percezione del reddito”, precisando che “il corrispettivo della prestazione del professionista legale si debba presumere conseguito quando la prestazione è condotta a termine per effetto dell'esaurimento o della cessazione dell'incarico professionale”.

Mentre il contribuenteaveva l'onere di dimostrare di non aver percepito alcun reddito, per esempio producendo diffida ad adempiere o richieste di decreto ingiuntivo, o provare l'infruttuosità della esecuzione”.

L’ordinanza mette in chiaro alcuni punti, nel caso specifico per gli avvocati, ma che possono riguardare tutti i professionisti, non tanto in relazione alla modalità di determinazione dei redditi, quanto, piuttosto, alle loro modalità di accertamento.

Che un professionista debba assoggettare a imposta il reddito nel momento in cui questo viene incassato, secondo il principio della cassa, non è in discussione; ma, al completamento della prestazione o alla fine dell’incarico, se il professionista non si è attivato per riscuotere il compenso o non può dimostrare di averlo fatto, in sede di contenzioso, l’amministrazione finanziaria può portare a tassazione questi presunti mancati incassi qualificandoli come redditi percepiti e non dichiarati.

L’ordinanza fondamentalmente si basa sulla constatazione teorica che, da un punto di vista logico, aspettarsi che il professionista, al termine di un lavoro o di un incarico, cerchi di riscuotere il corrispettivo a cui ha diritto, rappresenti una presunzione legittima; dalla quale questi può sfuggire solo dimostrando “la esistenza di fattori che avevano impedito o che comunque erano stati idonei ad impedire l'incasso dei compensi”.

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI PROFESSIONE AVVOCATO PROFESSIONE AVVOCATO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONCORSI E OFFERTE DI LAVORO · 21/10/2021 Concorso magistratura 2022: bando da 500 posti in arrivo

Annunciato un nuovo concorso magistratura entro 6 mesi dalla conversione del DL 118 2021 . Vediamo le modalità e le prove previste

Concorso magistratura 2022: bando da  500 posti in arrivo

Annunciato un nuovo concorso magistratura entro 6 mesi dalla conversione del DL 118 2021 . Vediamo le modalità e le prove previste

Esami di stato professionisti: date e modalità

Riconfermate le modalità semplificate per gli esami di accesso agli ordini professionali. Le date previste . Vantaggi e svantaggi

Professionisti: approvato l’equo compenso

Il Disegno di Legge è stato approvato dalla Camera con alcune (criticate) modifiche, adesso passa in Senato per l’approvazione definitiva

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.