HOME

/

FISCO

/

EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS

/

GREEN PASS: NON VIOLA LA PRIVACY. LO AFFERMA IL CONSIGLIO DI STATO

Green pass: non viola la privacy. Lo afferma il Consiglio di Stato

Con Ordinanza il Consiglio di Stato, CdS, si pronuncia sulla privacy e il green pass. Vediamo i dettagli

Con Ordinanza n 5130 del 17 settembre 2021 il Consiglio di Stato afferma il seguente principio:

  • la richiesta di certificazione verde non viola il diritto alla riservatezza sanitaria sulla scelta compiuta dal cittadino

Con il provvedimento il Collegio si è così pronunciato a conferma della decisione cautelare n 4281/2021 del Tar del Lazio che aveva respinto il ricorso di quattro cittadini contro il DPCM del 17 giugno recante disposizioni attuative del DL 52/2021 sul sistema di prevenzione, contenimento e controllo sanitario dell’infezione SARS-CoV-2, mediante l’impiego della certificazione verde covid o green pass chiedendone l’integrale sospensione dell’efficacia.

I cittadini lamentavano:

  • la lesione del loro diritto alla privacy sanitaria
  • il rischio di discriminazioni nello svolgimento di attività condizionate al possesso della certificazione verde, 
  • il pregiudizio economico derivante dalla necessità di sottoporsi a frequenti tamponi.
  • il contrasto con la disciplina dell’Unione europea e con la Costituzione italiana, con particolare riferimento alla protezione dei dati personali sanitari.

Secondo l'ordinanza in oggetto, non vi è lesione del diritto a riservatezza né rischio di compromissione della sicurezza dati

Il Consiglio di Stato ha rigettato le pretese dei appellanti ritenendo che la pronuncia cautelare adottata in primo grado meriti di essere confermata integralmente per carenza di una adeguata raffigurazione del periculum in mora da parte dei ricorrenti.

Il rischio di compromissione della sicurezza nel trattamento dei dati sensibili connessi alla implementazione del green pass secondo il CdS nel caso specifico riveste carattere meramente potenziale.

Inoltre, verso i cittadini appellanti, contrari alla somministrazione del vaccino e nel pieno esercizio dei loro diritti di libera autodeterminazione, non si riscontra lesione del diritto alla privacy sanitaria sulla scelta compiuta, visto l’attuale sistema di verifica del possesso della certificazione verde che non sembrerebbe rendere conoscibili ai terzi il concreto presupposto dell’ottenuta certificazione.

Inoltre secondo il CdS "eventuali concrete ed effettive lesioni future di tale diritto potranno essere contrastate mediante gli strumenti amministrativi e processuali ordinari"

Il CdS ha infine precisato che il DPCM impugnato disciplina la definizione degli aspetti di regolamentazione tecnica dell’istituto del green pass, mentre sono ad esso estranei i contenuti regolatori, inerenti alle attività sociali, economiche e lavorative realizzabili dai soggetti vaccinati, o in possesso di un’attestazione di “negatività” al Coronavirus, cui gli appellanti riconducevano i lamentati effetti discriminatori.

Pertanto, per i motivi su elencati, con Ordinanza n 5130 del 17 settembre 2021 il Consiglio di stato ha respinto l'appello dei cittadini per i motivi su elencati.

Potrebbe interessarti Green pass: nuovi obblighi per i datori di lavoro

Tag: EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS PRIVACY 2021 PRIVACY 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 22/10/2021 Decreto Fiscale: in GU il DL n 146 collegato alla legge di bilancio 2022

Decreto fiscale: più tempo per le cartelle, 100 milioni per l'acquisto di auto ecologiche, riammissione nei termini dei decaduti da rottamazione ter e saldo e stralcio

Decreto Fiscale: in GU il DL n 146 collegato alla legge di bilancio 2022

Decreto fiscale: più tempo per le cartelle, 100 milioni per l'acquisto di auto ecologiche, riammissione nei termini dei decaduti da rottamazione ter e saldo e stralcio

Eco-bonus auto 2021: pubblicato il decreto con 100 milioni per il fondo automotive

Il fondo automotive per l'acquisto di veicoli non inquinanti rifinanziato con 100 milioni per il 2021. Vediamo la ripartizioni dei fondi per i bonus auto.

Green pass: procedura, novità e  fac simili per i datori di lavoro

Vademecum aggiornato per il datore di lavoro e fac simile dei documenti per l'obbligo di green pass dei lavoratori: avvisi, delega controlli, procedura modalità organizzative

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.