HOME

/

FISCO

/

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI

/

GREEN PASS, OBBLIGO VICINO PER PA, RISTORAZIONE, PALESTRE

Green pass, obbligo vicino per PA, ristorazione, palestre

Green pass obbligatorio per alcune categorie a breve Le ultime novita da Governo Confindustria,sindacati ,Cassazione. Accordi per l'obbligo in grandi aziende

Il green pass potrebbe diventare obbligatorio già da  ottobre per dipendenti pubblici   e per i  dipendenti di ristoranti, palestre,  trasporti a lunga percorrenza, settori in cui è obbligatorio per i clienti .

Si avvicina a grandi passi il momento delle decisioni da parte del Governo . Dopo le polemiche e gli interventi contrapposti delle parti sociali (vedi i dettagli sotto) il Presidente Draghi ha annunciato in conferenza stampa   qualche giorno fa, che convochera entro questa settimana , probabilmente domani 7 settembre una cabina di regia  per definire  un allargamento degli obblighi di utilizzo di green pass per alcune categorie di lavoratori. 

 Il Presidente si è detto addirittura aperto anche a ua eventuale obbligo vaccinale e ha escluso che si torni indietro su quanto già previsto dal DL 105 ,in corso di conversione in legge (Qui il testo aggiornato Green pass e utilizzo delle certificazioni verdi). 

Si parla infatti di  un voto di fiducia che escluderebbe qualsiasi limitazione delle regole già in vigore dal 6 agosto.-Leggi qui l'approfondimento)

Per quanto riguarda i dipendenti pubblici  il ministro Brunetta titolare del dipartimento  della Pubblica amministrazione  è convintamente  deciso a imporre l'obbligo per tutti , come già previsto per il settore sanitario e per il personale della scuola . 

La cabina di regia comprenderà , oltre ai ministri interessati ,  anche il Comitato tencico scientifico e la eventuale decisione passera al vaglio della Conferenza Stato regioni . I tempi di decretazione comunque potrebbero essere molto stretti.

Ricordiamo che  sull'argomento la riflessione è partita da tempo  e le posizioni delle parti sociali sono molto distanti: i sindacati  sono fermamente contrari ad un obbligo generalizzato  di green pass per i luoghi di lavoro che comporti sanzioni per i lavoratori o addirittura il licenziamento in caso di inadempienza,   mentre Confindustria  insiste sull'esigenza di tutelare tutti i lavoratori e lo svolgimento delle attività produttive  con l'estensione delle certificazioni verdi a tutti i  contesti aziendali.

In risposta, i sindacati, hanno chiesto  appunto  l'intervento del Governo con un provvedimento legislativo ad hoc. Da segnalare pero che anche illustri sindacalisti di lungo corso come Pezzotta e Benvenuto hanno preso posizione per l'obbligo di Green pass nei luoghi di lavoro.  

Green pass in mensa: la faq del Governo

Si ricorda che sul sito del Governo una FAQ ha moltiplicato le polemiche:  in quanto vi si  afferma che anche  per l'accesso alle mense aziendali (come luoghi di ristorazione "collettiva" ) c'è l'obbligo di esibire la certificazione verde COVID.

Questo il testo integrale: 

Per la consumazione al tavolo nelle mense aziendali o in tutti i locali adibiti alla somministrazione di servizi di ristorazione ai dipendenti pubblici e privati è necessario esibire la certificazione verde COVID-19? Sì, per la consumazione al tavolo al chiuso i lavoratori possono accedere nella mensa aziendale o nei locali adibiti alla somministrazione di servizi di ristorazione ai dipendenti, solo se muniti di certificazione verde COVID-19, analogamente a quanto avviene nei ristoranti. A tal fine, i gestori dei predetti servizi sono tenuti a verificare le certificazioni verdi COVID-19 con le modalità indicate dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 17 giugno 2021. 

Il chiarimento è  contestato da piu parti sia per la forma : una faq online non ha alcun valore normativo;

Anche dal punto di vista del contenuto è facile obiettare che  la mensa aziendale fa parte del luogo di lavoro , come  si puo  limitarne l'accesso? ( Sul punto  anche il  sottosegretario alla Salute Sileri si è detto perplesso).

Alcuni controbattono pero che l'accesso in mensa di norma è molto meno regolamentato dal punto di vista del distanziamento tra le persone e che si possono verificare assembramenti ,  diversamente da catene di montaggio o  uffici  in cui le modalità  di organizzazione degli spazi  sono regolamentate dai protocolli condivisi 

Sono stati segnalati  importanti casi di accordi  tra datori di lavoro e rappresentanze sindacali per l'adesione all'obbligo :  grandi aziende come Mediaset  Leonardo, RAI , Electrolux, Barilla Enel,  prevedono l'obbligo di green pass. 

Per i lavoratori che ne sono sprovvisti sono state individuate   soluzioni  alternative (cestino, lunch box,  servizio di  consegna  di pasti da consumare all’esterno o in appositi spazi, rispettando il distanziamento). Ufficialmente comunque  Fiom, Fim e Uilm, dicono di «condividere l’obiettivo di completare la campagna vaccinale» ma, ribadiscono che non accetteranno «nessuna disparità di trattamento fra luoghi di lavoro e mense».

Confindustria - Sindacati - Cassazione  sul Green pass nei luoghi di lavoro

Già un paio di mesi fa un documento  dell'Associazione Industriali  a firma della direttrice generale Mariotti  proponeva di chiedere al Governo una norma che consentisse l'ingresso nelle aziende solo ai lavoratori muniti di Green pass , meglio muniti di vaccinazione.  Per chi ne fosse sprovvisto il datore di lavoro avrebbe dovuto definire una diversa mansione o destinarlo all'aspettativa forzata, senza stipendio .  Tra l'altro in merito la Cassazione si è già  espressa leggi  Green pass : anche senza obbligo il dipendente puo essere sospeso .

Va ricordato comunque che  obbligo di Green pass NON corrisponde a obbligo di vaccinazione, infatti il certificazione verde puo essere ottenuta anche dopo la guarigione  dalla malattia COVID  o con l'effettuazione di Tampone antigenico o molecolare.

Green pass, vaccinazione e Testo Unico sicurezza 

Si è alzata anche la voce del giuslavorista Pietro Ichino, ex consigliere del ministero del Lavoro che  aveva affermato  già quando fu introdotto l'obbligo per i sanitari, che "Condizionare l’accesso in azienda all’avvenuta vaccinazione, oggi che il vaccino è disponibile per tutti, è una misura sicuramente efficace e ragionevolissima per evitare il rischio di una quarta ondata epidemica, che sarebbe disastrosa per il Paese."

Vedi  anche "Vaccinazione in azienda regole e modello di piano aziendale" e "Vaccino obbligatorio per sanitari e farmacisti".

Ichino  aggiunge che :" A ben  vedere  proprio perché la misura è efficace e ragionevolissima, gli imprenditori potrebbero già adottarla di loro iniziativa, anzi dovrebbero, anche senza attendere un provvedimento legislativo ad hoc, in forza dell’articolo 2087 del Codice civile, oltre che degli articoli 15 e 20 del Testo Unico per la sicurezza nei luoghi di lavoro (d.lgs. n. 81/2008)”. Effettivamente l’articolo 2087 del Codice obbliga il datore di lavoro ad adottare tutte le misure consigliate dalla scienza, dalla tecnica e dall’esperienza idonee a ridurre al minimo, se non azzerare, ogni rischio per la sicurezza e il benessere fisico e psichico del lavoratore.

Inoltre, l’art. 15 del Testo Unico sulla sicurezza obbliga il datore, dove possibile, a non limitarsi a misure protettive, ma adottare le misure idonee ad eliminare radicalmente il rischio per la sicurezza e la salute del lavoratore. L’art. 20, invece, obbliga il lavoratore a conformarsi alle misure di sicurezza adottate dal datore secondo le due prime norme”. Per questo, secondo Ichino, è “libero dunque ogni cittadino di non vaccinarsi, finché una legge non prevede questo obbligo; ma non di mettere a rischio la salute degli altri. E libero ogni imprenditore, dove la vaccinazione costituisca la misura più efficace per la tutela dei propri dipendenti, di richiederla in forza delle norme che ho appena citato: che sono pur sempre leggi dello Stato”. 

Tag: LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 20/09/2021 Riforma fiscale: si punta all’abolizione delle imposte minori, come il superbollo

La riforma fiscale potrebbe prevedere l’abolizione del superbollo, della tassa di laurea, della tassa regionale per l’abilitazione all’esercizio professionale, e altre

Riforma fiscale: si punta all’abolizione delle imposte minori, come il superbollo

La riforma fiscale potrebbe prevedere l’abolizione del superbollo, della tassa di laurea, della tassa regionale per l’abilitazione all’esercizio professionale, e altre

Fondo tessile e moda: pronti i formulari per le domande. Invio dal 22 settembre

Ecco le modalità di fruizione del contributo a fondo perduto per il settore tessile e moda, previsto dal Decreto Rilancio. Nuovi Codici ATECO inseriti. Dal 22 settembre le domande.

Green pass: inserita la categoria dei vaccinati guariti dal covid

Guida completa alla certificazione verde covid 19 o Green pass. Gli obblighi per bar, ristoranti, musei, piscine, scuola, trasporti ecc. Novità per la durata del certificato

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.