Crediti d'imposta per ricerca e sviluppo (eBook 2022)

Crediti d'imposta per ricerca e sviluppo (eBook 2022)

Crediti d'imposta per ricerca & sviluppo: disciplina, criticità e sviluppi operativi in un eBook in pdf di 87 pagine.

Leggi dettagli prodotto

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788891653277

In Promozione fino al 30/06/2022

14,90 € + 4% IVA

13,94 € + 4% IVA
(14,50 € IVA Compresa)
Data: 24/01/2022
Tipologia: E-Book


Dettagli prodotto

Crediti d'imposta per ricerca & sviluppo: disciplina, criticità e sviluppi operativi in un eBook in pdf di 87 pagine.
Aggiornato con la giurisprudenza, le novità introdotte dal Decreto "Fisco - Lavoro" (D.L. 146/2021) e la Legge di Bilancio 2022.

  • Ricerca & sviluppo
  • Convivenza con il "nuovo Patent Box"Innovazione tecnologica
  • Design e ideazione estetica
  • Obblighi documentali
  • Indicazione nel modello Redditi
  • Riversamento spontaneo e profili sanzionatori

Il presente elaborato si pone l’obiettivo di analizzare la disciplina del credito d’imposta R&S alla luce delle novità introdotte dal D.L. 21 ottobre 2021, n. 146 (c.d. Decreto fiscale) e dalla Legge di bilancio 2022, soffermando in particolar modo l’attenzione sugli aspetti critici che la disciplina de qua presenta e sulle possibili soluzioni.

In tale cornice, è stata anche esaminata la novità della cancellazione del “Patent box” disposta dal D.L. n. 146/2021, e confermata con la Legge di bilancio 2022, facendo però salve le opzioni 2020-2024, anche se esercitate dopo il 22 ottobre 2021.

In particolare, dopo aver esaminato l’evoluzione normativa in materia, saranno declinati i presupposti soggettivi, oggettivi e temporali della misura del nuovo credito d’imposta per investimenti in R&S, in innovazione tecnologica 4.0 e in altre attività innovative, i profili procedurali e sanzionatori, le criticità rinvenienti dall’attuale quadro normativo e di prassi, non trascurando l’illustrazione di possibili percorsi migliorativi della rilevante misura di incentivazione fiscale da parte delle imprese.

A tal riguardo, è bene ricordare che tale misura agevolativa costituisce, già da tempo, area di forti “scontri” tra il Fisco ed i contribuenti, nella quale il primo è difensore di una posizione abbastanza rigida – attese le innumerevoli frodi constatate nel settore – rispetto alla sussistenza dei requisiti che danno diritto alla fruizione della stessa; mentre i secondi hanno dovuto fare i conti con un quadro normativo non proprio cristallino, che ha contribuito a generare incertezza in merito, soprattutto, alle attività concretamente rientranti nell’agevolazione in argomento.

In tale scenario disorganico, è stata poi introdotta una normativa sanzionatoria molto severa per i casi di credito indebitamente utilizzato in compensazione, con riferimento alle categorie di “non spettanza” ed “inesistenza” del credito stesso. Il legislatore, con il D.L. n. 146/2021, ha introdotto una sorta di “sanatoria” che intende deflazionare il contenzioso presente e futuro.

In termini di risorse impiegate, appare doveroso premettere che la Legge di Bilancio 2022, nell’ottica di supportare e incentivare gli investimenti in beni strumentali, prediligendo quelli funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi, e di continuare a stimolare e sostenere la spesa privata in ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica, proroga il credito d’imposta per investimenti in beni strumentali «Industria 4.0» di cui alla Legge n. 178/2020 e il credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.0 e in altre attività innovative di cui all’articolo 1, commi da 198 a 206, della Legge n. 160/2019, assicurando una maggiore stabilità delle misure e garantendo alle imprese un respiro di medio lungo periodo.

In tale ottica, gli effetti finanziari, con la proroga 2023-2031 per le spese di R&S, per quelle di innovazione tecnologica, design e innovazione estetica e per quelle di transizione ecologica o digitale 4.0 fino al 2025, sono pari a 7.276,6 milioni di euro.

Indice prodotto

Introduzione
Premessa
1. Evoluzione normativa
2. Ambito soggettivo e temporale
3. Credito di imposta per R&S
3.1 Potenziamento per le strutture produttive del Mezzogiorno
3.2 La super deduzione dei costi di R&S
4. Credito di imposta per le attività di innovazione tecnologica
5. Credito di imposta per le attività di design e ideazione estetica
6. L’utilizzo del credito d’imposta e relativi obblighi documentali
7. Modello Dichiarazione Redditi - Quadro RU e rilevazione contabile dei crediti d’imposta
8. Procedura di collaborazione tra MISE e Agenzia delle Entrate
9. Profilo sanzionatorio
10. Considerazioni conclusive
Allegati
Allegato 1: Format della domanda per i crediti d'imposta da inoltrare al MISE

Descrizione breve

Crediti d'imposta per ricerca & sviluppo: disciplina, criticità e sviluppi operativi in un eBook in pdf di 87 pagine.
Aggiornato con la giurisprudenza, le novità introdotte dal Decreto "Fisco - Lavoro" (D.L. 146/2021) e la Legge di Bilancio 2022.

  • Ricerca & sviluppo
  • Convivenza con il "nuovo Patent Box"Innovazione tecnologica
  • Design e ideazione estetica
  • Obblighi documentali
  • Indicazione nel modello Redditi
  • Riversamento spontaneo e profili sanzionatori

Isbn: 9788891653277



SKU FT-45524 - Ulteriori informazioni: cat1e-book_pratici / cat2collana_e-book