HOME

/

FISCO

/

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI

/

FONDO PERDUTO SOGGETTI CON RICAVI DA 10 A 15 MILIONI: RIPROPOSTO DAL DL SOSTEGNI BIS

Fondo perduto soggetti con ricavi da 10 a 15 milioni: riproposto dal DL Sostegni bis

In sede di conversione del DL Sostegni bis viene reintrodotto un contributo a fondo perduto per i soggetti con ricavi / compensi superiori a 10 milioni di euro e inferiori a 15

Dopo la recente eliminazione ad opera del DL n. 99/2021, del contributo a fondo perduto "eventuale" previsto dal Sostegni bis (art. 1, comma 30 DL n. 73/2021) e destinato ai soggetti con ricavi / compensi superiori a 10 milioni e inferiori a 15 milioni di euro solo in presenza di risorse disponibili (leggi l’articolo "Abrogato il fondo perduto eventuale Sostegni bis per P.IVA con ricavi oltre i 10 milioni"), in sede di conversione del DL Sostegni bis viene reintrodotto con una veste diversa.

Il nuovo comma 30-bis inserito all'articolo 1, riconosce un contributo a fondo perduto in favore dei soggetti titolari di reddito agrario nonché ai soggetti che hanno conseguito ricavi o compensi superiori a 10 milioni di euro, ma non superiori a 15 milioni di euro, nel secondo periodo d’imposta antecedente a quello di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, in possesso degli altri requisiti previsti per il riconoscimento dei contributi di cui all’articolo 1 del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2021.

Tutto ancora da confermare, si tratta di un emendamento approvato e inserito nel ddl di conversione del decreto Sostegni bis, per la conferma ufficiale si attende quindi la sua conversione in legge entro il 24 luglio

Il contributo a fondo perduto previsto dal comma 30-bis viene riconosciuto:

  • ai titolari di reddito agrario (di cui all’articolo 32 del TUIR), 
  • nonché ai soggetti con ricavi derivanti da specifiche attività di cessioni di beni e prestazioni di servizi (di cui all’articolo 85, comma 1, lettere a) e b), del TUIR), o compensi in denaro o in natura (di cui all’articolo 54, comma 1, del citato TUIR) superiori a 10 milioni di euro e non superiori a 15 milioni di euro, nel secondo periodo d’imposta antecedente a quello di entrata in vigore della legge di conversione del decreto (2019 per i soggetti solari)

in possesso degli altri requisiti previsti per il riconoscimento dei contributi di cui all’art. 1 del DL 41/2021 convertito (“Decreto Sostegni”) o di cui ai commi da 5 a 13 dello stesso art. 1 del DL 73/2021 (il contributo “alternativo” per attività stagionali).

Importo del contributo a fondo perduto

L'importo del nuovo contributo viene determinato con diverse modalità di calcolo, ovvero viene riconosciuto:

  1. il contributo a fondo perduto previsto dal DL Sostegni (articolo 1 del citato decreto-legge n. 41), calcolato applicando il 20% alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 e l’ammontare medio mensile di fatturato e corrispettivi 2019.
    In questa ipotesi è riconosciuto anche il contributo “automatico” di cui al provvedimento in esame (articolo 1, commi 1-3) alle partite IVA attive al 26 maggio 2021;
  2. Il contributo a fondo perduto "alternativo" riconosciuto a favore dei soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività dimpresa, arte o professione o producono reddito agrario, a specifiche condizioni, in termini di limiti di reddito agrario, ricavi o compensi (articolo 1, commi 5-13 del provvedimento in esame), determinato applicando percentuali diverse:
    1. nel caso in cui i beneficiari abbiano diritto al contributo di cui alla lettera a) (Contributo DL Sostegni nella percentuale del 20%)applicando il 20% alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi nel periodo 1° aprile 2020 - 31 marzo 2021 e l’ammontare medio mensile di fatturato e corrispettivi nel periodo 1° aprile 2019 – 31 marzo 2020. 
      In questa ipotesi non è riconosciuto il contributo “automatico” per partite IVA attive al 26 maggio 2021 (articolo 1, commi 1-3 del provvedimento in esame);
    2. nel caso in cui i beneficiari non abbiano diritto a quello di cui alla lettera a) a) (Contributo DL Sostegni nella percentuale del 20%)applicando il 30% alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi nel periodo 1° aprile 2020 - 31 marzo 2021 e l’ammontare medio mensile di fatturato e corrispettivi nel periodo 1° aprile 2019 – 31 marzo 2020.

Trovano applicazione, per quanto compatibili, le disposizioni relative ai contributi a fondo perduto contenute nel decreto Sostegni e nel Sostegni bis

Tag: AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 17/09/2021 Fondo tessile e moda: pronti i formulari per le domande. Invio dal 22 settembre

Ecco le modalità di fruizione del contributo a fondo perduto per il settore tessile e moda, previsto dal Decreto Rilancio. Nuovi Codici ATECO inseriti. Dal 22 settembre le domande.

Fondo tessile e moda: pronti i formulari per le domande. Invio dal 22 settembre

Ecco le modalità di fruizione del contributo a fondo perduto per il settore tessile e moda, previsto dal Decreto Rilancio. Nuovi Codici ATECO inseriti. Dal 22 settembre le domande.

Green pass: inserita la categoria dei vaccinati guariti dal covid

Guida completa alla certificazione verde covid 19 o Green pass. Gli obblighi per bar, ristoranti, musei, piscine, scuola, trasporti ecc. Novità per la durata del certificato

Il decreto Green Pass diventa legge: dove serve la certificazione verde

Dove serve la certificazione verde COVID-19: il ddl di conversione del Decreto Green Pass n. 105/2021: ecco il testo approvato in via definitiva dal Senato

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.