HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LICENZIAMENTO LAVORATRICE MADRE SOLO PER CESSAZIONE DELL'AZIENDA

1 minuto, Redazione , 15/07/2021

Licenziamento lavoratrice madre solo per cessazione dell'azienda

Nuova pronuncia di Cassazione sul divieto di licenziamento delle lavoratrici madri in gravidanza o post maternità Sentenza n. 13861/2021

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il divieto di licenziare la lavoratrice madre  può essere derogato solo in caso di cessazione totale dell'attività aziendale. 

Lo ribadisce la Corte di Cassazione nella ordinanza n. 13861 del 20 maggio 2021. La norma in questione è  l'art. 54 comma 1 del D.Lgs. 151/01  il quale prevede che le lavoratrici non possono essere licenziate dall'inizio del periodo di gravidanza fino al termine dei periodi di interdizione obbligatoria  dal lavoro, nonché fino al compimento di un anno di età del bambino.   Detto divieto NON opera in alcuni specifici casi, tra i quali la "cessazione dell'attività dell'azienda",  ma tale deroga non è estendibile, afferma la Suprema Corte, perche si tratta di una norma di stretta interpretazione, come già affermato dalla Cassazione nella sentenza n. 22720  del 2017 .   

Il caso in questione riguardava in realtà la richiesta di una lavoratrice  di indennità facoltativa post maternità che era stata rigettata dall'INPS  invocando appunto l'illiceità  

del licenziamento, peraltro non contestato dalla stessa lavoratrice. 

La corte territoriale aveva evidenziato nella sua decisione che la ricorrente era stata licenziata a causa della cessazione dell'attività alla quale era addetta e che la stessa non aveva mai eccepito nel corso del giudizio   la nullità del licenziamento, così come mai aveva dedotto che la cessazione dell'attività alla quale era addetta riguardasse solo una unità produttiva e non l'intera azienda.

Sulla base di tali premesse, il giudice d'appello ha ritenuto non operativo il divieto di licenziamento sancito dalla legge n. 151/2001 (art. 54), in quanto riferito, secondo le circostanze acquisite nel processo, ad una situazione di totale cessazione della attività dell'azienda alla quale la lavoratrice era addetta e ha respinto il ricorso contro l'Inps.  La Corte di cassazione  respinge ugualmente  il ricorso  in quanto il "decisum"  precedente non è modificabile , dato che la corte di merito non ha errato nell'applicare la norma relativa al divieto di licenziamento della lavoratrice madre ed a trarne conseguenze quanto alle tutele assistenziali richieste all'INPS . Restano comunque ribadite le considerazioni riguardanti  l'applicabilità del divieto di licenziamento.

Sullo stesso tema leggi  Licenziamento lavoratrice in gravidanza e cessazione attività.

Sei un consulente ? ti puo interessare l'aggiornatissimo "Paghe e contributi"  di A. Gerbaldi (Libro di Carta , 408 pagine) e "Il contenzioso  contributivo con l'INPS" di PM Gangi et al. (516 pagine)


Tag: LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 21/06/2024 CIGS e mobilità aree crisi complessa: il riparto dei fondi 2024

Prorogate anche per il 2024 cassa integrazione straordinaria e mobilità per le aree di crisi complessa: ecco il riparto dei fondi disponibili

CIGS e mobilità aree crisi complessa: il riparto dei fondi 2024

Prorogate anche per il 2024 cassa integrazione straordinaria e mobilità per le aree di crisi complessa: ecco il riparto dei fondi disponibili

Compensi prestazioni occasionali sportivi  le novità del dl 71/2024

Cambia il regime fiscale del lavoro sportivo degli autonomi (occasionali o continuativi) con qualche dubbio applicativo

Domande Assegno Unico: novità per le famiglie con un solo genitore

Nuova funzione per la domanda di AUU da parte di nuclei vedovili che percepivano la maggiorazione lavoratori. Possibile anche il subentro degli istituti di patronato

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.