HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

SELEZIONE DI BESTIAME CONTO TERZI: NON È ATTIVITÀ AGRICOLA CONNESSA

3 minuti, Redazione , 30/06/2021

Selezione di bestiame conto terzi: non è attività agricola connessa

L'Agenzia definisce cosa intende per "risorse aziendali" nell'Interpello 446 2021 su regime fiscale agricolo e attività "connessa" di selezione di bestiame conto terzi

L'attività di selezione di bestiame  per conto terzi  di un allevatore non  puo essere assoggettata al regime fiscale agricolo come attività connessa perche non si basa su risorse interne dell'impresa . L'interpretazione restrittiva sul "requisito oggettivo" ossia su cosa si debba intendere per  risorse dell'azienda (requisito principale per definire le attività connessa all'agricoltura)    è stata data nella risposta dell'Agenzia  a interpello n. 446 del 24 giugno 2021 .

 Vediamo di seguito alcuni dettagli  in piu delle motivazioniin quanto possono essere applicabili in molti altri casi .

Selezione conto terzi per l'allevamento o intermediazione?

 Un imprenditore agricolo che svolge principalmente attività di allevamento  di bovini  dichiara di  effettuare occasionalmente l'attività di  valutaizione e selezione di capi di bestiame, oltre che per se, anche per altri allevatori che sulla base delle sua descrizione procedono ad acquisti  autonomamente. Per tali "consulenze" riceve compensi dai fornitori di bestiame, non dagli allevatori,  che non costituiscono mai importi superiori al reddito prodotto dall'attività principale come imprenditore agricolo.

L'imprenditore faceva anche presente che l'attività risulta vantaggiosa  per quella  principale in quanto  garantisce una maggiore autorevolezza e forza contrattuale con i fornitori e favorisce  collaborazioni commerciali con altri operatori sel settore  italiani e macellatori . 

Chiede  quindi se i compensi derivanti da tale attività per conto terzi (attenzione compensi versati dai venditori fornitori, non dai colleghi allevatori)  possano essere assoggettati a tassazione secondo le previsioni dell'articolo 56-bis, comma 3, del  TUIR. in quanto compresa tra le «attività dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l'utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell'azienda normalmente impiegate nell'attività agricola esercitata» di cui all'articolo 2135, comma 3, del codice civile. Ritiene infatti che le risorse indicate dalla norma debbano essere intese in maniera ampia includendo tutti gli elementi che permettono il funzionamento dell'attività aziendale tra i quali  rientra, prima fra tutte la risorsa umana costituita dalle competenze dell'imprenditore stesso.

La risposta dell'Agenzia però è negativa . Viene infatti ricordata innanzitutto la normativa citata dal richiedente, e la prassi . Ad esempio ricorda che nella  circolare 14 maggio 2002, n. 44/e è stato precisato tra l'altro che  " tali attivita collaterali " «(...) oltre a soddisfare il requisitosoggettivo stabilito per le imprese di trasformazione, devono utilizzare"prevalentemente" attrezzature o risorse dell'azienda "normalmente" impiegate nell'attività agricola principale. (...) 

Ancora viene puntualizzato che la  circolare 15 novembre 2004, n. 44/E, è stato precisato «(...) che la norma consente all'imprenditore agricolo, che intenda fornire servizi a terzi, di utilizzare sia attrezzature normalmente impiegate nell'attività principale sia attrezzature utilizzate solo nell'attività di servizi per conto terzi. Per fruire del regime forfettario di imposizione tuttavia è necessario,in tal caso, che vengano prevalentemente utilizzate attrezzature normalmente  impiegate nell'attività principale rispetto ad attrezzature che sono impiegate solonell'attività di servizi per conto terzi.»   l'Agenzia ammette quindi che le risorse possano essere individuate da tutti gli elementi materiali e immateriali necessari al conseguimento dell'obiettivo aziendale. Sono quindi risorse,ad esempio, i terreni, i fabbricati, le attrezzature, il personale, il capitale, il know-how,ecc.  Non è chiarissimo il motivo per cui la competenza tecnica dell'inprenditore  non rientra nel know how citato dalla circolare.

L'Agenzia afferma che se  "l'attività è realizzata mediante l'utilizzo delle conoscenze e capacità personali dell'imprenditore, che ovviamente risentono  dell'esperienza maturata nella gestione della propria impresa agricola (...) il servizio reso, anche se occasionale, non richiede l'impiego di risorsa aziendale, nel senso descritto nei citati documenti di prassi". Mancherebbe quindi il requisito oggettivo richiesto dalla norma . 

Inoltre l'Agenzia forse piu puntualmente rimarca il fatto  che il compenso non viene  versato dai colleghi allevatori dell'imprenditore ma dai venditori  e questo configura l'attività piu come intermediazione commerciale  che come attività connessa all'allevamento. 

Per questo non viene considerato corretto  l'assoggettamento di tali introiti al regime fiscale art. 56 bis comma 3 del TUIR.

Allegato

Risposta a interpello del 24.06.2021 n. 446

Tag: AGRICOLTURA 2021 AGRICOLTURA 2021 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS · 17/09/2021 Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Concorsi  Agenzia Entrate  2021: tutte le novità

Requisiti, date prove, sedi lavoro stipendi: tutto quello che serve sapere sui concorsi per 2320 funzionari amministrativi e 100 informatici per l'Agenzia. Scadenza domande 30.9.21

Distacco e smart working in Italia: non applicabile la retribuzione convenzionale

L'Agenzia conferma il suo orientamento con la risposta a interpello 590 2021 : per la retribuzione convenzionale servono i 183 giorni di effettivo lavoro all'estero

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.