HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

PRIVACY E INTERNET SUL LAVORO: NUOVO STOP DEL GARANTE

3 minuti, Redazione , 25/06/2021

Privacy e internet sul lavoro: nuovo stop del Garante

Nuova pronuncia del Garante per la privacy con multa di 84mila euro al datore di lavoro per violazione della normativa sulla navigazione in internet in orario di lavoro

Illegittimo il controllo sistematico e indiscriminato della navigazione dei lavoratori sul web da parte del datore di lavoro Lo afferma ancora una volta con forza il Garante per la tutela dei dati personali nel provvedimento n. 190 del 13 maggio , pubblicato nella newsletter del 18 giugno 2021 che commina una sanzione di ben 84 mila euro al datore di lavoro, l' amministrazione comunale di Bolzano.

Il caso riguardava  in particolare una dipendente del Comune  che aveva inoltrato un reclamo per  il trattamento dei dati  relativi alla sua navigazione in Internet, durante l’orario di lavoro,  per i quali aveva avuto una comunicazione di avvio di procedimento disciplinare

Il provvedimento del Comune  contestava che la lavoratrice  “nel periodo dal XX al XX, si era […] collegat[o] con il computer del Comune, per oltre 40 minuti a facebook e per oltre 3 ore a youtube, per seguire attività non istituzionali e che […] aveva consultato pagine Internet non inerenti il suo lavoro” come risultanti dai tabulati del traffico dati del Comune di Bolzano. 

Dall'analisi del sistema utilizzato  effettivamente emergeva che il sistema di registrazione degli accessi     ad Internet impiegato consentiva di “controllare, tracciare, filtrare in maniera massiva, costante e indiscriminata […] la cronologia dei siti internet visitati e il tempo di navigazione di per ciascun sito” Nonché la memorizzazione e la conservazione di tali dati associati a ciascun dipendente per un lungo periodo di tempo. 

Tale trattamento è lesivo della dignità del lavoratore in contrasto con lo Statuto dei lavoratori . Anche la Corte europea ha sancito il principio per cui , dato che "la linea di confine tra ambito lavorativo e professionale e quello strettamente privato non può sempre essere tracciata in modo netto, non può essere prefigurato l’annullamento di ogni aspettativa di riservatezza dell’interessato sul luogo di lavoro, anche nei casi in cui il dipendente sia connesso ai servizi di rete messi a disposizione del datore di lavoro o utilizzi una risorsa aziendale anche attraverso dispositivi personali, la protezione della vita privata, secondo l'art. 8 Convenzione europea dei diritti dell’Uomo,  si estende anche all’ambito lavorativo".

Inoltre il trattamento dei dati nel caso in questione  sarebbe avvenuto in assenza di un’informativa  completa  ai dipendenti in merito ai possibili controlli sugli accessi ad Internet . 

Il reclamo ricordava infatti che l’accordo sindacale del 25.10.2010  su questo tema "non indicava  nessun limite e neppure in quali casi possa scattare il controllo e non veniva fatto riferimento alle modalità di rattamento dei dati acquisiti, al soggetto responsabile e alla sua finalità”

Il Garante nel documento sottolinea che in base al Regolamento n. 679-2016 , il trattamento deve essere “necessario” rispetto alla lecita finalità perseguita (art. 6, par. 1 del Regolamento) e avere ad oggetto i soli dati “adeguati, pertinenti e limitati a quanto necessario rispetto alle finalità per le quali sono trattati” (art. 5, par. 1, lett. c), del Regolamento). Era invece emerso dagli atti che  il sistema adottato dal Comune  comportava inevitabilmente il trattamento di informazioni non  necessarie e sproporzionate rispetto alla finalità di protezione e sicurezza della rete interna .

Sull'informativa ai dipendenti , pur dando atto che una informativa sull'accesso ad internet e circolari interne erano state predisposte,    il Garante evidenzia che tali documenti non contenevano tutte le informazioni necesssarie previste dal Regolamento 

Infine, il fatto che il procedimento disciplinare  fosse poi stato archiviato non esonera l'ente dalla responsabilità rispetto alle violazioni  verificate , anche tenuto conto del lungo periodo nel quale tale sistema illecito era stato utilizzato (dal 2000).

 Per questo motivo viene ordinato il pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria (entro trenta giorni con agevolazione del 50%)   e  la modifica delle modalità di trattamento entro sessanta giorni  che prevedano 

  •  anonimizzare il dato relativo alla postazione di lavoro dei dipendenti rilevata nei log di navigazione web 
  •  cancellare i dati personali presenti nei log di navigazione web registrati,
  •  aggiornare le procedure interne da ultimo individuate e inserite nell’accordo sindacale
  •  comunicare entro 30 giorni  le iniziative che intende intraprendere all'autorità garante .

Allegato

Garante privacy Ordinanza 190 2021

Tag: PRIVACY 2020 PRIVACY 2020 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONCORSI E OFFERTE DI LAVORO · 04/08/2021 Concorso RIPAM 2133 amministrativi: riaperti i termini per le domande

Concorso RIPAM per 2133 funzionari ministeriali : modificato il bando con nuova scadenza 29 agosto 2021 niente prova preselettiva. aumentano i posti Requisiti,materie da studiare

Concorso RIPAM 2133  amministrativi:  riaperti i termini per le domande

Concorso RIPAM per 2133 funzionari ministeriali : modificato il bando con nuova scadenza 29 agosto 2021 niente prova preselettiva. aumentano i posti Requisiti,materie da studiare

Addetti stampa della PA sono giornalisti: obbligatoria l'iscrizione INPGI

Sentenza Cassazione a Sezioni Unite: per l'attività giornalistica indispensabile l'iscrizione all'INPGI la Cassa previdenza giornalisti , indipendentemente dal contratto applicato

Contratto di Rioccupazione: domande da Settembre 2021

Prime istruzioni INPS sul nuovo contratto di rioccupazione: Di cosa si tratta, quanto fa risparmiare, limiti e dubbi degli addetti ai lavori. Circolare INPS N. 115 del 2.8.2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.